23.4 C
Rome
domenica, Agosto 1, 2021
spot_imgspot_img

E-commerce: dal 1° Luglio nuove regole per la gestione IVA

Semplificati gli adempimenti fiscali e doganali in tutta l'UE

-

- Advertisment -

E’ stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 15 giugno 2021 il decreto di recepimento della direttiva UE 2017/2455/Ue (“direttiva e-commerce”)  che dal 1° luglio modificherà le procedure per la gestione Iva delle operazioni commerciali on line.  Le nuove disposizioni avranno un impatto diretto sulle attività di e-commerce.

In particolare, al nuovo regolamento saranno interessate tutte le operazioni di commercio elettronico relative a:

– tutte le prestazioni di servizi rivolte a consumatori finali in ambito UE (anche sotto la soglia di euro 10.000 annui);

– le “vendite a distanza di beni” rivolte a consumatori finali in ambito UE (anche se la vendita è effettuata attraverso altre interfacce elettroniche/fornitori virtuali).

In quest’ultimo caso:

– se l’ammontare complessivo annuo delle vendite di beni NON supera i 10mila euro, ogni fornitore applica l’aliquota iva vigente nel proprio paese (quella italiana per il fornitore italiano)

– se le vendite superano l’importo di euro 10.000 annuali, il fornitore deve applicare l’aliquota iva  vigente nel paese di destinazione del singolo bene. 

In particolare, al superamento della soglia di 10.000 euro, il fornitore italiano ha due opzioni:

  • identificarsi in ciascun paese estero di destinazione dei beni a consumatori finali;
  • iscriversi al regime OSS (One Stop Shop) accedendo alla propria area riservata dell’agenzia entrate. All’interno della stessa area,  il fornitore iscritto al regime OSS dovrà effettuare ogni 3 mesi una dichiarazione iva relativa alle sole operazioni effettuate in tale regime, ed il pagamento della relativa iva.  Il versamento Iva sarà totale e riferito a tutte le operazione fatte nei vari Stati; saranno poi i vari Stati a percepire ciascuno l’iva di propria competenza territoriale. 

ESENZIONE PER MERCI DI BASSO VALORE: IOSS

La Direttiva introduce inoltre un regime speciale di importazione per le vendite a distanza di beni importati del valore non superiore a 150 euro. Tutti i soggetti passivi che effettuano vendite a distanza di beni importati da un territorio o un Paese terzo di valore non superiore a 150 euro possono iscriversi al regime IOSS  (Import One Stop Shop) beneficiando dell’esenzione iva su queste operazioni. L’iscrizione può essere effettuata fin da ora, accedendo alla propria area riservata dell’agenzia entrate. All’interno della stessa area, il fornitore iscritto al regime OSS dovrà effettuare ogni mese una dichiarazione iva relativa alle sole operazioni effettuate in tale regime.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Media partner -Media partner

Ultime news

L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

0
È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

0
La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

0
Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

0
L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
spot_img

Economia

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
- Advertisement -spot_img