8.8 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Gli effetti della Brexit per le vendite E-commerce

Chiunque compri su un sito inglese dovrà considerare il proprio acquisto al pari di uno effettuato su un e-commerce americano o cinese.

-

- Advertisment -

Il 2021 sarà ricordato come l’anno dei nuovi fenomeni sociali e commerciali. La pandemia sanitaria ha generato un aumento delle modalità di acquisto online e molte attività commerciali hanno deciso di spostare online la propria forza di vendita. All’interno del contesto europeo, la Brexit ha generato nuove prospettive economiche e commerciali e numerose sono le variazioni che anche il mercato online ha subito. Con la Brexit molti si stanno chiedendo cosa cambierà per lo shopping online effettuato su siti di e-commerce inglesi dall’Italia.

L’Unione europea ha raggiunto un compromesso con il Regno Unito sullo scambio merci: un accordo a “tariffa zero”, che permetterà gli scambi sul piano internazionale senza l’applicazione di nuove tariffe sulle merci britanniche. I prodotti spediti da e per il Regno Unito dovranno essere conformi alle norme di origine per poter usufruire degli accordi a tariffa zero. Tuttavia, tali accordi non riguardano le procedure doganali, che verranno disciplinate secondo i termini stabiliti dall’Organizzazione mondiale del commercio, che prevedono dazi e controlli alla frontiera.

Chiunque compri su un sito inglese dovrà considerare il proprio acquisto al pari di uno effettuato su un e-commerce americano o cinese. Per quanto riguarda il Regno Unito, i dazi si  applicheranno alle transazioni che superano le 135 sterline. Avendo più controlli anche i tempi varieranno e tale aspetto va considerato dagli imprenditori e delle imprese interessante a sviluppare attività e relazioni e-commerce con il Regno Unito. Chi è abituato ad acquistare da siti inglesi deve iniziare a valutare l’ipotesi che la consegna del pacco potrebbe richiedere un periodo di attesa maggiore. Inoltre, uno dei problemi che le autorità stanno cercando di risolvere, è quello relativo ai resi. Posto che molti e-commerce riconoscono ai propri clienti la possibilità di restituire la merce, il rischio che si corre è che su un pacco già inviato e tassato alla dogana si possa essere costretti a ripagare i dazi una volta che lo stesso verrà rimandato indietro.

Per venire incontro ai clienti e incentivare il proprio brand commerciale, molte attività di e-commerce tutelano le esigenze dei clienti facendosi carico delle spese doganali proprio per non scoraggiare l’acquisto, mentre altri si stanno attrezzando con l’apertura di centri logistici in altri paesi dell’Europa e confortandosi dell’antica amicizia con Malta dove poter svolgere operazioni di stoccaggio e logistica interne al mondo del Commonwealth. Tra il Regno Unito e l’Italia c’è sempre stato un proficuo scambio commerciale non solo tra aziende e fornitori ma anche tra i cittadini che sceglievano di acquistare prodotti da aziende inglesi e viceversa. È normale perciò farsi alcune domande su come cambierà d’ora in poi il commercio italo-inglese.

Secondo quanto riportato dalle statistiche economiche, l’export italiano potrebbe subire delle perdite per quanto riguarda i settori legati ai mezzi di trasporto e alla meccanica strumentale, ma importanti cambiamenti sono probabili anche per chi si occupa di vendita di vino e spumante. Mutamenti che riceveranno anche i singoli venditori, con chi si occupa di vendita al dettaglio e con chi ha un e-commerce online B2C per la vendita a clienti privati. Al fine di comprendere le potenzialità, le opportunità e le dovute modifiche aziendali da effettuare in rapporto alla propria attività e-commerce con il mondo britannico, ci si può affidare ai servizi di Euromed International Trade per definire limiti e potenzialità della struttura aziendale, definendo e rappresentando la scena in cui si andrà ad operare e coinvolgendo anche i dipendenti della società con le formazione e nuove skill da valorizzare.

  • Contattaci per info

  • Domenico Letizia
    Domenico Letizia
    Giornalista.
    Scopri l'offertaMedia partner

    Ultime news

    Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

    Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

    La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
    Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

    Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

    Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
    Marchi collettivi made in italy imprese del sud

    Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

    Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
    Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

    Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

    No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
    Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

    L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

    Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
    spot_img

    Economia

    Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

    La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

    Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

    Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

    Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

    Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

    L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

    Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
    - Advertisement -spot_img