23.2 C
Rome
sabato, Luglio 31, 2021
spot_imgspot_img

Gli effetti della Brexit per le vendite E-commerce

Chiunque compri su un sito inglese dovrà considerare il proprio acquisto al pari di uno effettuato su un e-commerce americano o cinese.

-

- Advertisment -

Il 2021 sarà ricordato come l’anno dei nuovi fenomeni sociali e commerciali. La pandemia sanitaria ha generato un aumento delle modalità di acquisto online e molte attività commerciali hanno deciso di spostare online la propria forza di vendita. All’interno del contesto europeo, la Brexit ha generato nuove prospettive economiche e commerciali e numerose sono le variazioni che anche il mercato online ha subito. Con la Brexit molti si stanno chiedendo cosa cambierà per lo shopping online effettuato su siti di e-commerce inglesi dall’Italia.

L’Unione europea ha raggiunto un compromesso con il Regno Unito sullo scambio merci: un accordo a “tariffa zero”, che permetterà gli scambi sul piano internazionale senza l’applicazione di nuove tariffe sulle merci britanniche. I prodotti spediti da e per il Regno Unito dovranno essere conformi alle norme di origine per poter usufruire degli accordi a tariffa zero. Tuttavia, tali accordi non riguardano le procedure doganali, che verranno disciplinate secondo i termini stabiliti dall’Organizzazione mondiale del commercio, che prevedono dazi e controlli alla frontiera.

Chiunque compri su un sito inglese dovrà considerare il proprio acquisto al pari di uno effettuato su un e-commerce americano o cinese. Per quanto riguarda il Regno Unito, i dazi si  applicheranno alle transazioni che superano le 135 sterline. Avendo più controlli anche i tempi varieranno e tale aspetto va considerato dagli imprenditori e delle imprese interessante a sviluppare attività e relazioni e-commerce con il Regno Unito. Chi è abituato ad acquistare da siti inglesi deve iniziare a valutare l’ipotesi che la consegna del pacco potrebbe richiedere un periodo di attesa maggiore. Inoltre, uno dei problemi che le autorità stanno cercando di risolvere, è quello relativo ai resi. Posto che molti e-commerce riconoscono ai propri clienti la possibilità di restituire la merce, il rischio che si corre è che su un pacco già inviato e tassato alla dogana si possa essere costretti a ripagare i dazi una volta che lo stesso verrà rimandato indietro.

Per venire incontro ai clienti e incentivare il proprio brand commerciale, molte attività di e-commerce tutelano le esigenze dei clienti facendosi carico delle spese doganali proprio per non scoraggiare l’acquisto, mentre altri si stanno attrezzando con l’apertura di centri logistici in altri paesi dell’Europa e confortandosi dell’antica amicizia con Malta dove poter svolgere operazioni di stoccaggio e logistica interne al mondo del Commonwealth. Tra il Regno Unito e l’Italia c’è sempre stato un proficuo scambio commerciale non solo tra aziende e fornitori ma anche tra i cittadini che sceglievano di acquistare prodotti da aziende inglesi e viceversa. È normale perciò farsi alcune domande su come cambierà d’ora in poi il commercio italo-inglese.

Secondo quanto riportato dalle statistiche economiche, l’export italiano potrebbe subire delle perdite per quanto riguarda i settori legati ai mezzi di trasporto e alla meccanica strumentale, ma importanti cambiamenti sono probabili anche per chi si occupa di vendita di vino e spumante. Mutamenti che riceveranno anche i singoli venditori, con chi si occupa di vendita al dettaglio e con chi ha un e-commerce online B2C per la vendita a clienti privati. Al fine di comprendere le potenzialità, le opportunità e le dovute modifiche aziendali da effettuare in rapporto alla propria attività e-commerce con il mondo britannico, ci si può affidare ai servizi di Euromed International Trade per definire limiti e potenzialità della struttura aziendale, definendo e rappresentando la scena in cui si andrà ad operare e coinvolgendo anche i dipendenti della società con le formazione e nuove skill da valorizzare.

  • Contattaci per info

  • spot_imgspot_img
    Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
    Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
    - Media partner -Media partner

    Ultime news

    L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

    I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

    TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

    0
    È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

    Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

    0
    La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

    Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

    0
    Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

    I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

    0
    L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
    spot_img

    Economia

    TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

    È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

    Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

    La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

    I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

    L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

    Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

    La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
    - Advertisement -spot_img