7.3 C
Rome
giovedì, Febbraio 2, 2023
spot_imgspot_img

DSA e DMA: nuovi standard per il mercato digitale

Trovato l’accordo sui nuovi standard per le normative che garantiranno maggiore equità e sicurezza nel mondo on line: per le “big tech” nuovi adeguamenti e regole da rispettare.

-

- Advertisment -

Nel corso degli ultimi decenni, il mondo digitale con le grandi piattaforme on line, è diventato parte integrante della vita di tutti noi. Senza mettere in discussione i numerosi vantaggi acquisiti, alcune di queste “big tech”, identificate con il termine gatekeeper, ovvero “guardiani”, sono riuscite a costruirsi un vero monopolio esercitando un controllo sulle scelte dei consumatori e degli utenti nell’accesso ai servizi di altre aziende. In questo scenario, al fine di garantire innovazione e crescita nel futuro prossimo, su basi chiare ed eque per tutte le imprese, il Consiglio dell’UE e il Parlamento europeo hanno presentato due proposte di regolamento note come Digital Services Act (DSA) e Digital Markets Act (DMA) che
segneranno nuovi standard globali, fissando regole precise nel grande mercato digitale.

La DSA ha l’obiettivo di creare uno spazio digitale basato sul rispetto dei diritti fondamentali online, quindi più sicuro: contenuti dannosi ed illegali saranno eliminati in maniera più rapida, così come argomenti che possano disinformare sul piano politico o della salute.

La DMA definisce il ruolo dei “gatekeeper” per limitare la loro posizione dominante, assicurando il rispetto del libero mercato e della possibile concorrenza: uno dei punti chiave riguarda il posizionamento, di prodotti e servizi offerti degli stessi, più alto a confronto di quelli offerti da terzi sulla piattaforma del gigante digitale.

La Commissione per una rapida evoluzione dei mercati digitali, porterà avanti una serie di indagini che le permetteranno di :

  • identificare le piattaforme “gatekeeper”
  • aggiornare costantemente gli obblighi previsti per le piattaforme
  • specificare misure correttive per evitare violazioni ricorrenti della normativa.

I governi dell’UE pensano di concedere un anno e mezzo alle aziende tecnologiche prima che venga applicato il regolamento con gli standard europei sulla moderazione dei contenuti, invece dei tre mesi come suggerito inizialmente: questo porterebbe l’effettiva applicazione della norma nel 2024.

Ben chiare sono anche le conseguenze del mancato rispetto della normativa:
penalità di mora fino al 5% del fatturato medio giornaliero ed ammende fino al 10% del fatturato mondiale totale annuo dell’impresa.

In caso di violazioni sistematiche sono previste inoltre, misure correttive proporzionate alle infrazioni commesse. Le nuove proposte relative al digitale mostrano sicuramente tutta la loro
potenziale efficacia in una prospettiva mondiale: tenendo conto dei tempi e della procedura legislativa ordinaria, l’auspicio è di vederla presto applicata in tutta l’Unione Europea, come inizio di futuri cambiamenti nello scenario digitale internazionale.

Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img