7.3 C
Rome
giovedì, Febbraio 2, 2023
spot_imgspot_img

Crisi d’impresa: la composizione negoziata non decolla

Nei primi 5 mesi solo 175 aziende hanno presentato domanda

-

- Advertisment -

A cinque mesi dalla sua entrata in vigore, risalente al 15 novembre 2021, gli effetti della composizione negoziata della crisi d’impresa sono ancora lontani dalle aspettative più lusinghiere della vigilia.

Il nuovo strumento implementato per evitare il fallimento delle imprese a rischio ma con possibilità di risanamento, ha un riscontro deludente: secondo gli ultimi dati di Unioncamere, solo 175 aziende hanno deciso di utilizzare questo strumento, rispetto alle migliaia di imprese che si rivolsero al tribunale per ottenere le misure di protezione del patrimonio e avviare un percorso di risanamento con il concordato preventivo.

La ragione che, più di ogni altra, frena il ricorso alla Cnc riguardano l’eccessiva burocrazia e le numerose incertezze sugli esiti della procedura di composizione negoziata. Alla richiesta di cnc serve infatti allegare il certificato unico dei debiti tributari e quello per i debiti contributivi: documenti che nella pratica non vengono rilasciati prima di tre mesi. Serve quindi aspettare molto tempo senza avere la certezza che alla fine il giudice possa convalidare le misure di protezione richieste.

Un altro motivo per cui le aziende guardano con scarsa fiducia alla composizione negoziata è di natura reputazionale, in particolare nei confronti delle banche, dinanzi alle quali l’impresa di piccole dimensioni tende a nascondere il suo stato di crisi fino al limite del possibile per non guadagnare il loro scetticismo.

La Cnc, dunque, non sembra essere una soluzione di facile adozione, e nemmeno essere efficace quanto il concordato preventivo. Un’impresa in difficoltà necessita anzitutto di certezza nei tempi e nelle decisioni, oltre che di evitare che i creditori possano agire in pregiudizio alla continuità aziendale dando corso alle istanze di fallimento. Risulta invece più conveniente e sicuro avviare una domanda di concordato preventivo, vista con maggior favore anche dai tribunali fallimentari perché sotto la loro diretta vigilanza.

Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img