18.8 C
Rome
lunedì, Maggio 16, 2022
spot_imgspot_img

Crisi energetica: il Canada si candida a fornire l’Europa

Ecco i risultati di un sondaggio commissionato dal Montreal Economic Institute

-

- Advertisment -

L’invasione russa dell’Ucraina ha sconvolto lo scacchiere politico internazionale, con le conseguenze di questa guerra che arrivano fino al Canada. Secondo un sondaggio Ipsos commissionato dal Montreal Economic Institute, un think tank indipendente di politica economica pubblica, una forte maggioranza di canadesi (72%) auspica che il Canada esporti le proprie vaste risorse energetiche verso paesi europei, come la Germania, che dipendono in gran parte dalla Russia, per il loro approvvigionamento, mentre solo il 17% si oppone a questo. In Quebec, il sostegno rimane molto alto, al 65%. Inoltre, il 68% dei canadesi vuole che si costruiscano infrastrutture energetiche necessarie, compresi gli oleodotti, per esportare le nostre risorse in Europa.

I risultati di questo sondaggio sono inequivocabili: i canadesi, compresi quelli del Québec, vogliono contribuire a ridurre la dipendenza dell’Europa dall’energia proveniente dal paese di Vladimir Putin. Gli eventi degli ultimi mesi dimostrano quanto la Germania e i suoi vicini siano incapaci di privarsi delle risorse energetiche russe, un fatto che mina seriamente gli sforzi occidentali per isolare la Russia“, spiega Miguel Ouellette, economista e direttore delle operazioni del MEI.

Nel frattempo in Quebec, mentre il governo provinciale ha appena adottato un progetto di legge che mira a porre fine a tutti i progetti di sviluppo degli idrocarburi, il 59% della popolazione è a favore dello sviluppo del potenziale petrolifero e del gas per esportare queste risorse in Europa, compreso il gas naturale liquefatto.

Nel corso degli anni, abbiamo visto che il livello di sostegno allo sviluppo delle nostre risorse è abbastanza alto, ma è ancora più alto oggi. Chiaramente, gli eventi globali ci chiamano e ci impongono moralmente di toglierci i paraocchi. Mentre il governo voleva probabilmente proiettarci nel futuro con la sua legge che vieta lo sviluppo degli idrocarburi, ora sembra completamente anacronistico. È difficile immaginare un momento peggiore per una tale decisione“, afferma Gabriel Giguère, analista di politica pubblica al MEI.

La costruzione di nuovi oleodotti in Canada è indispensabile per esportare le nostre risorse energetiche in Europa, ma anche per diversificare i nostri mercati. In questo momento, il 98% del petrolio che esportiamo viene inviato negli Stati Uniti. È ora di smettere di bloccare nuovi progetti, altrimenti continueremo a mettere tutte le nostre uova nello stesso paniere per sempre“, conclude il signor Ouellette.

Il sondaggio online è stato condotto da Ipsos per conto del MEI tra il 5 e il 12 aprile 2022, con un campione rappresentativo di 2.500 residenti canadesi dai 18 anni in su. I risultati sono accurati entro 2,2 punti percentuali (19 volte su 20) di quello che sarebbero stati se tutti i canadesi fossero stati intervistati.

Il rapporto completo è disponibile a questo link.

spot_imgspot_img
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

ceta business forum

CETA Business Forum: aperte le iscrizioni

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per il CETA BUSINESS FORUM, il primo grande evento di matching online rivolto alle aziende e ai professionisti che...
HPC

Calcolo ad alte prestazioni (HPC): le sovvenzioni UE

Nel quadro del programma Europa Digitale la Commissione europea ha lanciato un invito a presentare proposte per sovvenzioni nel settore del calcolo ad alte...
sud italia

Verso Sud: il forum dedicato alla strategia europea per il Mediterraneo

Il 13 e 14 maggio a Sorrento si terrà la prima edizione del Forum 'Verso Sud: la strategia europea per una nuova stagione geopolitica, economica...
global seafood

Seafood Expo Global: “Opportunità colta dalle imprese italiane”

Si è conclusa con successo alla fine di Aprile la tre giorni del "Seafood Expo Global" di Barcellona. La manifestazione, che ogni anno rappresenta un...
pmi digitalizzazione

Digitalizzazione Pmi: il nuovo bando DIH-World

Il progetto europeo DIH-World finanziato da Horizon 2020 ha lanciato il suo secondo bando aperto per esperimenti digitali a guida di PMI nel settore...
spot_img

Economia

Calcolo ad alte prestazioni (HPC): le sovvenzioni UE

Nel quadro del programma Europa Digitale la Commissione europea ha lanciato un invito a presentare proposte per sovvenzioni nel...

Digitalizzazione Pmi: il nuovo bando DIH-World

Il progetto europeo DIH-World finanziato da Horizon 2020 ha lanciato il suo secondo bando aperto per esperimenti digitali a...

Costi di transazione per intermediari della finanza sociale: il nuovo bando

Nell’ambito della componente EaSI del FSE+ è stato pubblicato il bando “Costi di transazione a sostegno degli intermediari della...

Takeoff: il nuovo acceleratore per aerospazio e advanced hardware

Nasce alle OGR Torino Takeoff, il programma di accelerazione dedicato a startup che sviluppano soluzioni e servizi nei settori dell’aerospazio...
- Advertisement -spot_img