18 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
spot_imgspot_img

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

L'obiettivo è di avere una tassazione equa evitando oneri amministrativi eccessivi

-

- Advertisment -

Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC) con l’obiettivo di ampliarne il campo di applicazione e rafforzare il quadro della cooperazione amministrativa.

Questa iniziativa denominata “DAC 8” è volta a migliorare la cooperazione tra le autorità fiscali nazionali al fine di garantire un’adeguata tassazione dei redditi e dei ricavi relativi ai nuovi mezzi di pagamento e di investimento, ed in particolare le cripto-attività e la moneta elettronica.

In tale contesto, la Commissione ha deciso di avviare una consultazione pubblica, che avrà termine il 2 giugno 2021, con l’obiettivo di raccogliere i pareri dei portatori di interessi in merito a due aspetti principali:

  • le cripto-attività, la moneta elettronica e la fornitura di servizi da parte degli intermediari;
  • il rafforzamento del quadro dell’UE sulla cooperazione amministrativa, in particolare sulle misure di conformità relativi agli obblighi di comunicazione derivanti dalle norme comunitarie.

Le informazioni raccolte dovrebbero consentire di definire gli obblighi di comunicazione che assicurino per i soggetti coinvolti una tassazione equa evitando oneri amministrativi eccessivi ed al tempo stesso garantiscano pari condizioni e una regolamentazione comune per i paesi dell’UE anche in materia di criptovalute.

Questa iniziativa dovrebbe fornire nuove informazioni ai 27 Stati membri dell’Ue per consentire lo scambio dei dati al fine di accertare la corretta tassazione del reddito e delle entrate relative ai nuovi mezzi di pagamento e di investimento, in particolare i cripto-asset e la moneta elettronica.

Per favorire un approccio più sinergico e coordinato nei controllo, le istituzioni stanno anche valutando come poter utilizzare i dati raccolti anche per valutare la corretta applicazione della normativa Iva. Saranno infine prese in considerazione sanzioni pecuniarie e qualsiasi altra misura di conformità per garantire un’efficace rendicontazione e prevenire le distorsioni generate dalle differenze tra i quadri di conformità degli stati membri.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Titolari effettivi Anac Appalti pubblici Imprese del Sud

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.
Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
spot_img

Economia

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...
- Advertisement -spot_img