Compensazione tra e-fatture: via al Baratto 4.0

Importante novità in arrivo dalla Legge di Bilancio 2021.

-

- Advertisment -

La Legge di Bilancio 2021 ha introdotto un nuovo meccanismo già chiamato Baratto 4.0, o compensazione digitale, che consente alle imprese di compensare crediti e debiti commerciali utilizzando le fatture elettroniche, che diventano così una sorta di moneta digitale per le compensazioni: uno strumento pensato per snellire le pratiche di pagamento e andare incontro alle esigenze di liquidità delle aziende, aspettando l’entrata in funzione di una piattaforma telematica che sarà dedicata a queste operazioni.

La norma è prevista dal comma 227 della manovra (legge 178/2020) in base al quale «l’Agenzia delle entrate mette a disposizione dei contribuenti residenti o stabiliti una piattaforma telematica dedicata alla compensazione di crediti e debiti derivanti da transazioni commerciali». Saranno definite le modalità attuative e le regole operative con l’apposito decreto del Ministro della Giustizia, di concerto con i ministri dell’Economia, Sviluppo Economico ed Innovazione, sentito il Garante Privacy. 

Ma alcune importanti condizioni sono già stabilite dalla norma primaria:

  • la compensazione effettuata attraverso la piattaforma telematica delle Entrate ha valore di pagamento a tutti gli effetti. Tecnicamente, si legge nella manovra 2021, «produce i medesimi effetti dell’estinzione dell’obbligazione ai sensi della sezione III del capo IV del titolo I del libro quarto del codice civile».
  • Nessuna delle parti aderenti deve avere in corso procedure concorsuali, o di ristrutturazione del debito omologate, o piani di risanamento iscritti al registro delle imprese.

Ecco un classico esempio per capire come funziona il meccanismo: l’impresa X emette una fattura da 1000 euro nei confronti dell’impresa Y, che a sua volta deve ancora incassare una precedente fattura sempre da 1000 euro dalla stessa impresa X. Le due fatture si compensano a vicenda.

Ma il “baratto” può avvenire anche tra più di due imprese: se l’impresa X fattura 1000 euro all’impresa Y, la quale a sua volta fattura 2000 euro all’impresa Z, che deve 1000 euro all’impresa X, compensando il tutto rimane un debito di 1000 euro dell’impresa Y verso l’impresa Z. Con l’impresa X che evita un temporaneo esborso di liquidità e può fare cassa per altre esigenze.

Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Advertisement -

Ultime news

Crotone, 40 associazioni chiedono un nuovo polo universitario

0
Lettera al Rettore di Unical promossa dal gruppo #IoResto

I certificati fitosanitari dopo la Brexit

0
I certificati sanitari sono consultabili sul sito del Dipartimento dell'ambiente, dell'alimentazione e degli affari rurali inglese.

Come cambia il lavoro dopo il Covid

0
Ecco le nuove tipologie di rapporto di lavoro che si sono affermate ancor di più dopo l'emergenza

La promozione dell’olio italiano negli USA

0
Far conoscere ai distributori Usa l'importanza che l'Italia attribuisce al controllo della tracciabilità e della qualità dell'olio di oliva.

USA contro la web tax italiana: a rischio nuovi dazi

0
La web tax che l'Italia si appresta a far entrare in vigore potrebbe avere ricadute negative sull'export di prodotti alimentari.

Economia

La promozione dell’olio italiano negli USA

Far conoscere ai distributori Usa l'importanza che l'Italia attribuisce al controllo della tracciabilità e della qualità dell'olio di oliva.

USA contro la web tax italiana: a rischio nuovi dazi

La web tax che l'Italia si appresta a far entrare in vigore potrebbe avere ricadute negative sull'export di prodotti alimentari.

L’Umbria a caccia di capitali esteri

La Regione Umbria sta valorizzando il patrimonio imprenditoriale internazionale attraverso un ambiente favorevole per le imprese.

Il Mezzogiorno “salva” l’export italiano

Il Mezzogiorno attutisce il colpo rispetto al calo dell'export nazionale nei primi nove mesi del 2020 rispetto al 2019 (-12,5%).

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -