23.2 C
Rome
sabato, Luglio 31, 2021
spot_imgspot_img

L’ UKCA per la certificazione delle merci immesse nel Regno Unito

Il marchio UKCA (UK Certificate Assessed) sarà utilizzato per i beni immessi sul mercato della Gran Bretagna (Inghilterra, Galles e Scozia).

-

- Advertisment -

Con l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea e le conseguenti novità commerciali, la valutazione di conformità CE attualmente richiesta per determinate categorie di prodotto, verrà sostituita dal marchio UKCA (UK Certificate Assessed) che sarà usato per i beni immessi sul mercato della Gran Bretagna (Inghilterra, Galles e Scozia). La sua apposizione testimonierà che il prodotto è conforme a tutti i requisiti legislativi del Regno Unito applicabili e che le procedure di valutazione della conformità sono state completate con successo. Il marchio UKCA (valutazione di conformità UK) è il nuovo marchio che sarà usato per i beni immessi sul mercato della Gran Bretagna. La sua apposizione testimonierà che il prodotto è conforme a tutti i requisiti legislativi del Regno Unito applicabili e che le procedure di valutazione della conformità sono state completate con successo.

Gli organismi notificati del Regno Unito hanno perso lo stato giuridico di organismi notificati unionali e sono pertanto esclusi dal sistema informativo della Commissione europea relativo agli organismi notificati (NANDO). A partire dal primo gennaio, questi non possono più eseguire compiti di valutazione della conformità in base alla normativa unionale sui prodotti. A tal riguardo, il Regno Unito ha istituito un database con l’elenco degli Approved Body in Gran Bretagna (con la stessa funzione di NANDO). Il certificato di Esame del Tipo UE rilasciato dall’Organismo Notificato dell’UE sarà accettato nel Regno Unito fino al 31 dicembre 2021.

La marcatura CE sarà valida in Gran Bretagna solo se le norme britanniche e quelle comunitarie rimarranno le stesse. Se l’Unione Europea modificherà le proprie norme e il prodotto sarà marcato CE, esso non potrà essere immesso nel mercato del Regno Unito nemmeno prima del 31 dicembre 2021. Per dare alle aziende il tempo di adeguarsi ai nuovi requisiti è previsto un periodo transitorio. In molti casi sarà quindi possibile utilizzare la marcatura CE fino al 1 Gennaio 2022. Terminato il periodo di transizione, il Regno Unito non riconoscerà più la marcatura CE per l’accesso delle merci sul mercato britannico.

D’altra parte, il marchio UKCA non sarà riconosciuto sul mercato dell’UE. I prodotti che saranno esportati dal Regno Unito nell’Unione Europea avranno ancora bisogno della marcatura CE. Nella maggior parte dei casi, è necessario applicare il marchio UKCA al prodotto stesso o alla confezione. In alcuni casi, può essere inserito nei manuali o in altra documentazione di supporto. Ciò varierà a seconda delle normative specifiche applicabili al prodotto. L’azienda o il rappresentante autorizzato nel Regno Unito (ove consentito dalla legislazione pertinente), deve conservare la documentazione per dimostrare che il prodotto è conforme ai requisiti di legge.

Queste informazioni possono essere richieste in qualsiasi momento dalla vigilanza del mercato o dalle autorità di contrasto per verificare che il prodotto sia conforme ai requisiti e alle norme di legge e fino ad un massimo di dieci anni dopo che il prodotto è stato immesso sul mercato. Avere una strategia, obiettivi concreti e realizzabili nel breve, medio e nel lungo periodo, evita una serie di inutili sprechi. A tal riguardo, Euromed International Trade favorisce il corretto posizionamento dell’azienda all’interno delle nuove dinamiche del mercato del Regno Unito post-Brexit.

  • Contattaci per info

  • spot_imgspot_img
    Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
    Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
    - Media partner -Media partner

    Ultime news

    L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

    I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

    TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

    0
    È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

    Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

    0
    La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

    Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

    0
    Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

    I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

    0
    L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
    spot_img

    Economia

    TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

    È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

    Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

    La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

    I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

    L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

    Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

    La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
    - Advertisement -spot_img