1.7 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
spot_imgspot_img

Cartelle di pagamento: ricorso solo dopo aver pagato

Introdotte forti limitazioni per l'impugnativa

-

- Advertisment -

Un nuovo sgambetto alle imprese è arrivato da quello che viene definito “il Governo dei migliori”. Come riporta ItaliaOggi, una disposizione contenuta nell’articolo 3-bis del dl n.146/2021 prevede forti limitazioni, per non dire esclusioni, per l’impugnativa del ruolo e della cartella di pagamento che si assume invalidamente notificata.

Con questa limitazione, l’iscrizione a ruolo crea pregiudizi che possono mettere in difficoltà il contribuente, impedendo ad esempio la partecipazione ad una gara di appalto o il rinnovo di un contratto con un ente della pubblica amministrazione.

Le tempistiche del contenzioso non lasciano altre strade che quella di pagare, integralmente o a rate, gli importi iscritti a ruolo per poter eliminare rapidamente il pregiudizio e rimettersi in regola dal punto di vista fiscale. Questo anche se nel caso si preveda che l’impugnazione possa andare a buon fine, e l’atto essere annullato.

Si tratta quindi di uno sgarbo alle imprese, attraverso il quale il Governo si assicura la disposizione di liquidità, anche nei casi in cui questa non sarebbe dovuta.

E i primi effetti di questa assurda norma arriva dalle commissioni tributarie provinciali, che in alcuni casi hanno dato applicazione retroattiva alla nuova regola.

Nelle sentenze pronunciate dalla C.t.p. di Latina n.53/2022, il giudice tributario ritiene che “in sede di prima analisi, la norma pare costruita su uno scrutinio del principio dell’ “interesse ad agire”, ex articolo 100 c.p.c., di cui il legislatore, con presunzione iuris et de jure, presume l’inesistenza in caso di impugnazione dell’estratto di ruolo. In questo senso, vengono limitate anche le ipotesi di eccezioni nei confronti dei ruoli e delle cartelle di pagamento che si assumono invalidamente notificate”.

La C.t.p. di Catania n.357/12/2022 stabilisce invece che “invero la ratio della suddetta norma altro non è che una specificazione dell’interessa ad agire” concludendo che “anche i ricorsi tributari notificati prima della novellata norma vanno dichiarati inammissibili in forza del principio consolidato in giurisprudenza secondo il quale l’interesse ad agire in giudizio deve sussistere non solo alla proposizione della domanda, ma anche al momento della decisione.

Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
Export nuove rotte commerciali euromed group

Export al via il restyling delle rotte commercio internazionale

Nei primi sei mesi del 2022 l’export italiano segna +20%, ma le incertezze spingono le aziende a modificare i propri piani.
spot_img

Economia

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...

Export al via il restyling delle rotte commercio internazionale

Nei primi sei mesi del 2022 l’export italiano segna +20%, ma le incertezze spingono le aziende a modificare i propri piani.
- Advertisement -spot_img