27.5 C
Rome
giovedì, Giugno 24, 2021
spot_imgspot_img

Breve giro nell’Europa delle aliquote IVA

Esploriamo i diversi approcci degli Stati rispetto all'applicazione dell'imposta sui consumi

-

- Advertisment -spot_img

Più di 140 paesi nel mondo, compresi tutti i paesi europei, applicano un’imposta sul valore aggiunto (IVA) su beni e servizi. Tuttavia, come mostra l’odierna mappa fiscale pubblicata da Tax Foundation, sebbene armonizzate in una certa misura dall’Unione Europea (UE), le aliquote degli stati membri dell’UE variano da paese a paese.

2021 Value-Added Tax Rates in Europe, 2021 VAT rates in Europe

I paesi dell’UE con le più alte aliquote IVA standard sono l’Ungheria (27%), seguita da Croazia, Danimarca e Svezia (tutte al 25%). Il Lussemburgo applica invece l’aliquota IVA standard più bassa al 17%, seguita da Malta (18%), Cipro, Germania e Romania (tutti al 19%). L’aliquota IVA standard media dell’UE è del 21%, sei punti percentuali in più rispetto quella minima imposta da un regolamento UE.

Diversi paesi hanno implementato modifiche temporanee dell’aliquota IVA anche in occasione dell’emergenza Covid-19. I tagli delle aliquote su beni e servizi venduti da industrie particolarmente colpite dalle ricadute economiche della pandemia – come il settore alberghiero – sono stati i più comuni. Due paesi dell’UE hanno adottato un approccio più ampio: la Germania ha ridotto la sua aliquota IVA standard dal 19 al 16 per cento, e la sua aliquota IVA ridotta dal 7 al 5 per cento, ma soltanto dal 1° luglio al 31 dicembre 2020. L’Irlanda ha invece ridotto la sua aliquota IVA standard dal 23% al 21%, a partire dal 1° settembre 2020 e fino al 28 febbraio 2021.

In generale, le imposte sul consumo rappresentano un sistema economicamente efficiente di raccogliere entrate fiscali. Per minimizzare le distorsioni economiche, idealmente c’è solo un’aliquota standard che viene riscossa su tutti i consumi finali, con il minor numero possibile di esenzioni. Tuttavia, i paesi dell’UE applicano aliquote ridotte ed esentano alcuni beni e servizi dall’IVA.

Una delle ragioni principali per le aliquote IVA ridotte e i beni/servizi esentati dall’IVA è la promozione dell’equità, poiché le famiglie a basso reddito tendono a spendere una quota maggiore del reddito per beni e servizi primari come il cibo e il trasporto pubblico. Altre ragioni includono l’incoraggiamento del consumo di “beni di merito” (ad esempio, i libri), la promozione dei servizi locali (ad esempio, il turismo), e la correzione delle esternalità (ad esempio, l’energia pulita).

Ma risulta ormai evidente che le aliquote IVA ridotte e le esenzioni IVA non sono necessariamente efficaci nel raggiungere questi obiettivi politici, e possono persino essere regressive in alcuni casi, portando maggiori costi amministrativi e di conformità, e creando distorsioni economiche. Per affrontare i problemi di equità, invece, l’OCSE raccomanda l’adozione di misure che mirano direttamente ad aumentare i redditi reali delle famiglie più povere.

CountrySuper-reduced VAT Rate (%)Reduced VAT Rate (%)Parking VAT Rate (%)Standard VAT Rate (%)
Austria (AT)10 / 131320
Belgium (BE)6 / 121221
Bulgaria (BG)920
Croatia (HR)5 / 1325
Cyprus (CY)5 / 919
Czech Republic (CZ)10 / 1521
Denmark (DK)25
Estonia (EE)920
Finland (FI)10 / 1424
France (FR)2.15.5 / 1020
Germany (DE)719
Greece (GR)6 / 1324
Hungary (HU)5 / 1827
Ireland (IE)*4.89 / 13.513.521
Italy (IT)45 / 1022
Latvia (LV) 5 / 1221
Lithuania (LT)5 / 921
Luxembourg (LU)381417
Malta (MT)5 / 718
Netherlands (NL)921
Poland (PL)5 / 823
Portugal (PT)6 / 131323
Romania (RO)5 / 919
Slovakia (SK)1020
Slovenia (SI)5 / 9.522
Spain (ES)41021
Sweden (SE)6 / 1225
United Kingdom (GB)520
spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Partner -spot_img
- Media partner -Media partner

Ultime news

Rapporti Canada Italia

Canada-Italia: la condivisione di progetti innovativi

0
Tutte le domande pervenute sono state esaminate e valutate dall’Ambasciata del Canada in Italia, con la collaborazione di esperti del settore.

E-commerce: dal 1° Luglio nuove regole per la gestione IVA

0
E’ stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 15 giugno 2021 il decreto di recepimento della direttiva UE 2017/2455/Ue (“direttiva e-commerce”)  che dal 1° luglio modificherà le procedure per la...

Approvvigionamento materie prime: UE e Canada contro il modello cinese

0
Anche nel corso dell'ultimo G7, Canada ed Europa hanno rivendicato una propria linea di azione commerciale criticando apertamente le politiche della Cina.

In vigore la nuova direttiva UE sul diritto d’autore

0
Dopo un lungo iter parlamentare cominciato nel febbraio 2020, il Parlamento italiano ha dato il via libera al disegno di Legge di delegazione europea...

Sovvenzioni UE per innovazione: PMI catalane al top

0
La Catalogna è la prima regione in Europa per numero di PMI che hanno ricevuto sovvenzioni per progetti di innovazione dalla Commissione europea (CE)....
spot_img

Economia

Digitalizzazione delle imprese agricole: i nuovi fondi

L'obiettivo è quello di sviluppare le imprese agricole, sostenendo la diffusione della dell'agricoltura di precisione e delle tecnologie di agricoltura 4.0.

Fondo SIMEST: aumenta la dotazione

Come già noto, lo scorso 3 Giugno 2021 è partita Fondo 394-81 gestito da SIMEST per finanziare i progetti di...

La Spagna rilancia l’automotive sostenibile e di qualità

Milioni di auto elettriche già in circolazione richiedono centraline di ricarica distribuite regolarmente per l’intero territorio

Innovation Fund: il bando per l’innovazione industriale ecologica

Innovation Fund è uno dei più grandi programmi di finanziamento al mondo per il sostegno di tecnologie innovative a basse emissioni di sostanze inquinanti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img