13.9 C
Rome
venerdì, Aprile 16, 2021
spot_imgspot_img

Bonus locazioni: ok dall’UE, ma l’applicazione è in salita

La Commissione Europea rompe il silenzio, ma gli ostacoli non sono finiti

-

- Advertisment -spot_img

Le imprese, soprattutto nel settore turistico, tirano un sospiro di sollievo dopo aver visto l’applicazione bonus locazioni bloccata dall’Europa e dalla “solita” burocrazia italiana. E’ quanto si lamentava da più parti negli ultimi tempi, in merito all’applicazione effettiva del Decreto Agosto (Dl n. 104/2020) e del Decreto Ristori (Dl n. 137/2020).

Con queste misure si prevede un prolungamento, con successivo ampliamento, dei tempi per beneficiare del credito d’imposta al 60% per le Partite Iva anche rispetto ai canoni di locazione versati per il mese di giugno (luglio per le imprese turistico-ricettive con attività solo stagionale) e per quelli fino al 31 dicembre 2020 per le imprese turistico-ricettive.

Ma l’efficacia della disposizione, come indicato nello stesso decreto Agosto all’articolo 1 comma 3, è infatti all’autorizzazione della Commissione europea, ai sensi dell’articolo 108, paragrafo 3, del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea.

Dopo un momento di silenzio da parte di Bruxelles e conseguente rassegnazione, fortunatamente la svolta è arrivata lo scorso 18 Novembre, quando è stato confermato l’Ok dall’Europa.

Si attendono ora i chiarimenti del MEF per avere un quadro più chiaro sull’applicazione di una complessa disciplina come quella riguardante il bonus sugli affitti commerciali, oggetto di diverse modifiche negli ultimi mesi.

Le norme prevedono infatti che il bonus locazioni sia usufruibile anche per i canoni corrisposti e di competenza delle mensilità di ottobre, novembre e dicembre 2020, ma solamente dai contribuenti colpiti direttamente o indirettamente dall’ultimo parziale lockdown.

Inoltre, la quota dei crediti d’imposta ceduti che non è utilizzata entro il 31 dicembre dell’anno in cui è stata comunicata la cessione, non può essere utilizzata negli anni successivi, né richiesta a rimborso ovvero ulteriormente ceduta.

Per non incorrere negli ostacoli della burocrazia, questi e altri punti dovranno essere messi nero su bianco per consentire ai cittadini colpiti dall’emergenza di usufruire di un’importante agevolazione in grado di dare ossigeno alle imprese.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Ultime news

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

0
Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Lo Zambia pronto ad ospitare aziende e investitori italiani

0
Nonostante lo Zambia presenti ancora alcune criticità è un Paese sicuro, con un Governo attento a migliorare il clima d'affari.
spot_img

Economia

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Lo Zambia pronto ad ospitare aziende e investitori italiani

Nonostante lo Zambia presenti ancora alcune criticità è un Paese sicuro, con un Governo attento a migliorare il clima d'affari.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img