20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

Fondo indiano per investimenti infrastrutturali made in Italy

L’intesa con l'India permetterà alle imprese italiane nel mondo delle infrastrutture di operare più facilmente nel ricco mercato indiano.

-

- Advertisment -spot_img

In occasione del vertice governativo Italia – India del 6 novembre, Cassa Depositi e Prestiti (CDP) ha sottoscritto un importante Memorandum of Understanding (MoU) con il National Investment and Infrastructure Fund (NIIF), il fondo del governo indiano dedicato agli investimenti di lungo termine in sviluppo infrastrutturale e sostenibile. Un’ottima notizia per il settore italiano delle infrastrutture, perché l’intesa permetterà alle nostre imprese di operare più facilmente nel ricco mercato indiano. Un’iniziativa particolarmente importante per le imprese italiane legate al mondo delle infrastrutture poiché viene prevista la possibilità di co-investire in progetti, società o fondi che operino in India e che risultino strategici per il Sistema Paese Italia con particolare attenzione nei settori delle infrastrutture verdi, delle energie rinnovabili e dell’economia circolare.

L’importanza demografica dell’India per i processi economici ed industriali è ribadita continuamente da numerosi analisti di geopolitica ed esperti di economia. Un paese a cui l’Italia deve guardare con estremo interesse anche per la ripartenza economica post pandemia sanitaria.

L’India risulta essere un importante mercato di sbocco per le società e per le filiere italiane come quelle delle costruzioni o dei macchinari agricoli e per il settore dell’energia rinnovabile. Quello indiano è il sesto mercato di destinazione dell’export italiano in Asia-Pacifico: ad oggi le esportazioni italiane verso l’India sfiorano i 4 miliardi di euro. Le regole che definiscono la “nazionalità economica” di un prodotto variano infatti a seconda dell’accordo commerciale, perché mirano a proteggere settori di mercato particolarmente sensibili. L’Italia è il quinto partner commerciale dell’India nell’Unione Europea con scambi bilaterali di 9,52 miliardi di euro nel 2019. 

L’India sta compiendo un imponente sforzo di adeguamento infrastrutturale: nel quinquennio 2012 – 2017, il Governo indiano ha annunciato investimenti per 750 miliardi di Euro. Con la conclusione del Piano, l’attuale Governo ha impostato una serie di azioni ed attività in un periodo più breve, denominato Piano d’azione triennale.

In termini di volume, con una crescita del 8,5%, si prevede che il Paese raggiungerà la terza posizione entro il 2030 e contribuirà al 15% del PIL mondiale. Sempre nel 2030, India, Cina e Stati Uniti rappresenteranno il 57% sul totale del settore infrastrutture a livello mondiale.

Euromed International Trade propone alle imprese del network ed ai clienti, impegnati e desiderose di entrare sui mercati internazionali, come quello indiano, un’offerta completa di servizi integrati, dall’individuazione delle aree e dei mercati esteri in cui operare, alla definizione delle strategie d’ingresso, al coinvolgimento di tutta l’organizzazione aziendale nello svolgimento delle attività operative connesse all’internazionalizzazione.

spot_imgspot_img
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img