22.8 C
Rome
domenica, Luglio 3, 2022
spot_imgspot_img

Barcellona: l’hub logistico del Mediterraneo

Ripercorriamo i punti di forza della logistica nella Catalogna

-

- Advertisment -

La pandemia COVID-19 ha dimostrato l’importanza del settore della logistica nel mondo. Le catene di fornitura sono state messe alla prova fino ai loro limiti, con la loro agilità e resilienza che si sono rivelate le due caratteristiche più ricercate. Anche il settore logistico della Catalogna, un punto di riferimento nell’Europa meridionale, ha subito i contraccolpi dell’emergenza e dimostrando flessibilità e capacità di adattamento al nuovo contesto. Inoltre, la crescita del commercio elettronico in Catalogna ha dato impulso alla logistica e ai servizi correlati, come il magazzinaggio, il trasporto e la distribuzione dell’ultimo miglio.

Per le aziende che cercano di localizzare un hub logistico nell’Europa meridionale, quelle illustrate di seguito sono le positività senza eguali della Catalogna.

Accesso a un mercato di più di 400 milioni di persone

Le aziende di Barcellona-Catalonia possono collegarsi a 400 milioni di consumatori in Europa e Nord Africa in meno di 48 ore, in nave, aereo, camion o treno. La sua posizione nel Mediterraneo e i suoi stretti legami culturali ed economici con l’America Latina l’hanno resa una località di prim’ordine per la distribuzione di beni e servizi ai grandi mercati.

La specializzazione industriale e la forte base imprenditoriale di Barcellona favoriscono innumerevoli opportunità di partnership. Attualmente, ci sono 29 cluster nella regione che riuniscono 2.600 imprese e più di 300.000 lavoratori, che rappresentano il 30% del PIL della Catalogna.

Un polo logistico integrato

La Catalogna è l’unica località dell’Europa meridionale che concentra, in un raggio di 12 chilometri, un porto con un’eccellente connettività marittima, un aeroporto internazionale e un’area di attività logistiche di oltre 200 ettari con operatori globali e specializzati. Inoltre, le aziende possono beneficiare di collegamenti completi di treni merci da Barcellona al resto d’Europa con servizi settimanali.

L’eccellente posizione geostrategica della Catalogna permette efficienti collegamenti intercontinentali con l’Asia e le Americhe. I servizi diretti di container offrono un tempo di transito record dall’Asia all’Europa: 21 giorni dalla Cina, per esempio.

Gli investitori stranieri hanno dimostrato il loro impegno su Barcellona. Le migliori aziende internazionali come Ikea, Decathlon, Lidl, Kiabi, Mango, Amazon, Maersk, UPS e Keeway Motors hanno localizzato i loro hub logistici in Catalogna.

L’azienda cinese Keeway Motors, che importa motociclette dalla Cina per essere distribuite in Spagna, aprirà un nuovo centro vicino a Barcellona che non solo agirà come sito di distribuzione, ma anche come laboratorio di R+D per lo sviluppo di motociclette. Il direttore generale dell’azienda, Shanmei Yu, sottolinea in questa intervista quanto sia facile fare operazioni logistiche con la Catalogna dalla Cina.

Altri esempi di investimenti stranieri in Catalogna arrivano dalla decisione di Maersk di aprire la sua prima piattaforma del Sud Europa a Barcellona; il centro di distribuzione e la fabbrica digitale di Veepee in Catalogna, riferimento per tutto il Sud Europa; il nuovo Hub di Barcellona di UPS di più di 24.000m²; la decisione di Henkel di collocare il centro logistico più avanzato della società in Catalogna; e la costruzione da parte di XPO Logistics di un nuovo centro di trasporto e distribuzione vicino a Barcellona.

Una rete di operatori logistici specializzati

La specializzazione logistica è un valore aggiunto per le aziende che hanno bisogno di servizi extra di imballaggio, certificazione dei prodotti o movimentazione, come nel caso dei settori automobilistico, chimico o tessile.

In Catalogna, una forte rete di operatori logistici globali, specializzati e multisettoriali, contribuisce allo sviluppo e alla crescita del settore della logistica e del commercio elettronico. Alcuni di loro sono Seur, MRW, Ibercondor, Logifashion, DHL, Fedex, UPS, Rhenus Logistics, ID Logistics o DB Schenker.

A sud di Barcellona, il gruppo di aziende situate vicino al porto di Tarragona rappresenta il 25% dell’industria chimica spagnola e genera il 60% del suo volume totale di importazioni ed esportazioni, posizionando così il porto di Tarragona come il principale complesso petrolchimico del sud Europa.

Terreni disponibili ben collegati per collocare magazzini

La Catalogna offre lotti di terreno disponibili che possono adattarsi a qualsiasi necessità di infrastrutture. In tutta la regione ci sono diverse infrastrutture logistiche, sia pubbliche che private, che permettono possibilità di magazzinaggio che beneficiano di collegamenti di trasporto veloci ed efficienti.

Il totale delle zone logistiche della Catalogna ammonta a quasi 8 milioni di metri quadrati, che rappresentano il 29% della superficie logistica totale di magazzini e piattaforme della Spagna (CIMALSA – Centri Logistici della Catalogna). Barcellona è così in cima alla classifica sul numero di metri quadrati di area logistica con circa 4,9 milioni di metri quadrati.

CIMALSA – Centri Logistici della Catalogna, un ente del governo catalano, gestisce varie infrastrutture logistiche disponibili in tutta la regione, come a Lleida, Montblanc, Ebre e Empordà, tra gli altri. Anche le autorità portuali di Barcellona e Tarragona gestiscono terreni logistici, così come AENA, la società che gestisce l’aeroporto di Barcellona.

Abbracciare la rivoluzione digitale

Il settore logistico sta abbracciando la rivoluzione digitale anche in Catalogna, dove le catene di approvvigionamento si stanno digitalizzando e le strutture intelligenti saranno in grado di eseguire una gestione più efficiente delle consegne.

Senza dubbio, la tecnologia più diffusa oggi tra le aziende di logistica è l’IoT (Internet of Things). La massiccia implementazione di sensori abilitati all’IoT permette a camion, navi e magazzini di essere connessi a Internet per ottenere informazioni e ottimizzare i processi.

Soluzioni dell’ultimo miglio

La domanda di logistica urbana è aumentata significativamente negli ultimi anni fino all’emergenza COVID-19. La crescita del commercio elettronico nel 2020 ha accelerato lo sviluppo della consegna dell’ultimo miglio sostenibile in Catalogna. In particolare, nella sua capitale Barcellona, al fine di ridurre il traffico, il rumore e l’inquinamento. Qui, il Comune ha promosso due microhub di distribuzione che distribuiscono tramite biciclette o veicoli puliti, e questo è previsto per espandersi a un microhub per quartiere della città.

La distribuzione si sta ulteriormente trasformando con biciclette elettriche e furgoni a gas che consegnano in modo più efficiente e sostenibile in aree di difficile accesso o con restrizioni di tempo, come il quartiere della Città Vecchia. Anche le iniziative private sono in aumento, con nuovi operatori che arrivano sul mercato.

Stai cercando la posizione migliore per un hub logistico nell’Europa meridionale? Catalonia Trade & Investment, il Porto di Barcellona e il Comune di Barcellona lavorano in alleanza attraverso la piattaforma Barceloc per offrire un servizio di soft landing alle aziende che desiderano investire in Catalogna.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

turismo

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo attraverso la digitalizzazione e l’innovazione. Il...
brevetti

Protezione brevetti: il 50% dei proventi resta all’inventore

Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare le reti di imprese agricole...
imprese servizi

Cresce il fatturato delle imprese di servizi

Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
bundestag

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero scambio CETA tra l'Unione Europea...
spot_img

Economia

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare...

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...
- Advertisement -spot_img