Credito Finanza

Bando Start up: 30 milioni di euro per le imprese Campane – Ti assistiamo noi

Sul BURC del 14 aprile 2014 è stato pubblicato il Bando per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo rotativo per lo sviluppo delle PMI Campane.
Il Bando intende favorire la nascita di nuove imprese sul territorio campano, formate in prevalenza da giovani under 35 e donne, mediante la concessione di finanziamenti a tasso agevolato da restituire in 7 anni con un periodo di differimento di 24 mesi.
Sono ammissibili tutte le imprese che operino o che prevedano di operare nei settori definiti dai codici Ateco 2007 eccetto le limitazioni derivanti dalle vigenti normative dell’Unione Europea.
Il Bando ha una dotazione di 30 milioni di euro e finanzia programmi di investimento di importo compreso tra un minimo di € 25.000,00 e un massimo di € 250.000,00 a copertura del 100% del programma di investimenti ammissibile.
Le domande di agevolazione potranno essere presentate a partire dalle ore 10:00 del 29 maggio 2014 e fino al 30/09/2014, attraverso lo sportello telematico accessibile ai seguenti

FINALITÀ
Il Bando intende favorire la nascita di nuove imprese sul territorio campano, formate in prevalenza da giovani under 35 e donne, mediante la concessione di finanziamenti da 25mila a 250mila euro a tasso agevolato (0,5%) da restituire in 7 anni con un periodo di differimento di 24 mesi.

DESTINATARI
Destinatari del bando START-UP sono le Micro, piccole e medie imprese. nuove ed esistenti, da costituirsi o costituite sotto forma di ditta individuale, società di persone, di capitale e società cooperative.
Per nuove imprese si intendono quelle che dovranno costituirsi entro 30 giorni dalla data di comunicazione di esito favorevole della domanda. Per imprese esistenti si intendono quelle costituite da non più di sei mesi antecedenti alla data di pubblicazione del Bando (14 Aprile 2014).
Le imprese devono essere composte a maggioranza (Sia numerica che di quota) da giovani “under 35” e donne di età superiore ai 18 anni. Tali requisiti devono sussistere al momento della presentazione della domanda.
Non sono ammissibili domande inerenti ad iniziative che si configurino come rilevamento o ampliamento di imprese preesistenti.

SETTORI AMMISSIBILI
Sono ammissibili le imprese che operino o che prevedano di operare nei settori definiti dai codici Ateco 2007, eccetto:

  • pesca e acquacoltura;
  • produzione primaria di prodotti agricoli;
  • trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;
  • esportazione verso paesi terzi o Stati membri;
  • costruzione navale;2
  • siderurgia;
  • fibre sintetiche

TIPOLOGIA DI INVESTIMENTI AMMISSIBILI
Sono ammissibili i programmi di investimento, realizzati nell’ambito del territorio regionale, relativi all’acquisto di:

  • Beni materiali nuovi: impianti, macchinari, attrezzature, mobili e arredi, mezzi di trasporto strettamente necessari allo svolgimento dell’attività (è escluso l’acquisto di veicoli destinati al trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi), opere murarie (sono ammissibili esclusivamente lavori edili se correlati agli investimenti). Non sono comunque ammissibili programmi di investimento che prevedano unicamente opere murarie e assimilate;
  • Beni immateriali: software e gestionale anche finalizzati al commercio elettronico, siti web, realizzazione di show rooms virtuali; brevetti, banche dati ecc.
  • Circolante (nel limite del 20% dell’investimento complessivo): materie prime, semilavorati, prodotti finiti; servizi e  consulenze specialistiche.

CARATTERISTICHE DELLE AGEVOLAZIONI
Le agevolazioni sono concesse sotto forma di finanziamento a tasso agevolato di importo compreso tra un minimo di € 25.000,00 e un massimo di € 250.000,00 a copertura del 100% del programma di investimenti ammissibile. Il finanziamento prevede le seguenti condizioni:

  • Durata: 7 anni con 24 mesi di periodo di differimento decorrenti dalla data di erogazione della prima tranche del finanziamento. Nel suddetto periodo di differimento, il beneficiario non paga alcuna rata e i relativi interessi di differimento vengono suddivisi in quote uguali su ciascuna rata del piano di ammortamento.
  • Rimborso: rate trimestrali a quote capitale costanti (ammortamento italiano) e posticipate (31 marzo, 30 giugno, 30 settembre e 31 dicembre di ciascun anno).
  • Tasso di interesse: 0,50%.

MODALITA’ DI EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI
L’erogazione avverrà, tramite bonifico bancario, in due tranche:

  • Prima tranche: pari al 60% dell’investimento ammesso, alla firma del Contratto di finanziamento previa presentazione di documentazione bancaria attestante la copertura dell’IVA relativa al 60% dell’investimento
  • Seconda tranche (saldo): pari al rimanente 40% dell’investimento ammesso. 

La richiesta del saldo dovrà essere effettuata entro 6 mesi dalla data di erogazione della prima tranche quando i beni oggetto di investimento sono installati e funzionanti e previa presentazione dei seguenti documenti:

  • fatture o titoli di spesa, bonifici bancari ed estratti conto, attestanti il pagamento del 60% dell’investimento (prima tranche);
  • fatture o titoli di spesa pari al 40% dell’investimento (seconda tranche);
  • documentazione bancaria attestante la copertura dell’IVA relativa al 40% dell’investimento complessivo.

Entro 30 giorni dalla data di erogazione della seconda tranche (saldo), l’impresa dovrà produrre copia degli estratti conto, bonifici bancari e quietanze liberatorie dei fornitori attestanti i pagamenti del totale degli investimenti ammessi

Per informazioni contatta i nostri uffici, i professionisti con noi convenzionati ti assisteranno per la presentazione della tua Idea-Business. Non perdere tempo

[button size=”normal” type=”info” value=”CLICCA QUI” href=”http://www.impresedelsud.it/?page_id=14"]

info autore

Redazione

Lascia un commento