8.6 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Crisi, un altro suicidio. La riscossione delle tasse continua ad ammazzare

-

- Advertisment -

La città di Tarquinia, piange Tommaso Galletta, 65 anni: il noto fotografo si è suicidato nel suo negozio. In una lettera “contro Equitalia” i motivi del gesto“

Eppure una legge “Salva Suicidi ” esiste, ma lo Stato non la diffonde a dovere.

Ancora un caso di suicidio “per la crisi”. Ancora una volta, nella lettera d’addio, un duro attacco contro Equitalia. Come riporta il sito locale Civonline.it, Tommaso Galletta, 65 anni, fotografo molto conosciuto in città, si è tolto la vita, ieri pomeriggio, “lasciandosi andare su una corda legata al soppalco del suo negozio”.

Inutili i soccorsi: all’arrivo dei paramedici per “Thomas” non c’era ormai niente da fare.

Massimo riserbo sulla vicenda, anche se la notizia in pochi minuti ha fatto il giro della città. “Secondo quanto appreso, l’uomo avrebbe lasciato una lettera per spiegare il gesto che troverebbe una giustificazione in debiti accumulati con Equitalia”. Il noto fotografo, molto stimato in città e sempre attivo nel mondo dell’associazionismo, nel biglietto ha lasciato parole di scuse rivolte ai suoi famigliari

Purtroppo lo Stato, che fa pubblicità progresso con i canali Rai, non ha mai correttamente promosso la divulgazione della legge “Salvasuicidi”.

Infatti, se un artigiano, un agricoltore, un commerciante o un semplice privato è schiacciato dai debiti, può risolverli appellandosi alla legge 3/2012 (detta anche Legge salva suicidi) che disciplina il piano di ristrutturazione del debito. Quanti sono stati finora i suicidi dovuti alla crisi economica e ai debiti accumulati per il fallimento di un’impresa o per avere perso il lavoro? Il problema affligge chi non riesce a saldare i propri debiti con le banche, con Equitalia o con i creditori privati.

La legge si applica in quelle situazioni in cui il patrimonio del debitore non è sufficiente a coprire i debiti accumulati.

Una corretta informazione potrebbe salvare vite umane, ma allo Stato non importa. Da una parte legifera e emana decreti per rendere la riscossione delle tasse sempre più vessatoria, dall’altra promulga una norma “salva suicidi” che però si guarda bene dal promuovere.

Intanto ad Equitalia i dirigenti si dividono i premi produzione…

Fonte: http://www.today.it/

 

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img