1.7 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
spot_imgspot_img

Sport nel mediterraneo. Il business potrebbe raggiungere il 2% del suo PIL

L'industria dello sport sta mergendo come una delle fonti più potenziale dell'economia dei paesi del Mediterraneo. Se ne parlerà al prossimo Medaweek22.

-

- Advertisment -

Attualmente il peso economico del settore dello Sport nell’area mediterranea, è solo dello 0,5% del suo PIL, mentre la media mondiale raggiunge il 2%.

Questi i dati della 2a Conferenza Mediterranea dell’Industria dello Sport, che si terrà il prossimo 18 novembre nell’ambito di MedaWeek, la Settimana Mediterranea dei Leader Economici, una conferenza organizzata dall’Associazione delle Camere di Commercio e Industria del Mediterraneo (ASCAME),  con l’obiettivo di promuovere la promozione economica di questa regione in tutto il mondo.

Il Coordinatore Generale di ASCAME, Anwar Zibaoui, ritiene che la crescita dell’economia legata all’industria sportiva sia fattibile dallo 0,5% al 2% nella zona mediterranea, specialmente nella sponda meridionale, “per due motivi, il primo è l’età della popolazione in un’area in cui un terzo dei suoi abitanti ha tra i 15 ei 34 anni,  dall’altro, l’emancipazione delle donne e la loro progressiva incorporazione nel mondo dello sport”.  

In questo senso, Zibaoui ritiene che potrebbe essere positivo per lo sviluppo economico dei paesi della regione “mobilitare politiche pubbliche volte a promuovere lo sport come economia che genera occupazione e valorizza le industrie locali, che sono una finestra di opportunità per i giovani, oltre a sostenere la pratica degli sport femminili”.

Per Zibaoui “sfruttare appieno le potenzialità dell’economia sportiva nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, con la conseguente creazione di posti di lavoro, significa fare investimenti in infrastrutture e tecnologia.

In fin dei conti, stiamo parlando di creare le condizioni necessarie per creare opportunità di business che abbiano la capacità di avere un impatto positivo sulla sfera imprenditoriale, ma anche sulla sfera umanitaria e associativa, come è stato dimostrato da alcune iniziative portate avanti da ex atleti”.

Informazioni su Medaweek

La Settimana mediterranea dei leader economici (MedaWeek Barcelona) è la principale conferenza dedicata alla promozione dell’economia della regione mediterranea in tutto il mondo. Questo evento supporta i settori economici chiave e la nuova economia con un impegno per l’economia digitale, verde e blu e mette in evidenza i valori del Mediterraneo come ponte tra tre continenti: Africa, Asia ed Europa attraverso un’ampia varietà di forum. Fin dalla sua nascita nel 2006, MedaWeek Barcelona è stata organizzata dall’Associazione delle Camere di Commercio e Industria del Mediterraneo (ASCAME) e dalla Camera di Commercio, Industria e Navigazione di Barcellona, con la collaborazione di oltre 35 importanti organizzazioni mediterranee, europee e internazionali.

Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
Export nuove rotte commerciali euromed group

Export al via il restyling delle rotte commercio internazionale

Nei primi sei mesi del 2022 l’export italiano segna +20%, ma le incertezze spingono le aziende a modificare i propri piani.
spot_img

Economia

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...

Export al via il restyling delle rotte commercio internazionale

Nei primi sei mesi del 2022 l’export italiano segna +20%, ma le incertezze spingono le aziende a modificare i propri piani.
- Advertisement -spot_img