8 C
Rome
venerdì, Gennaio 28, 2022
spot_imgspot_img

Settore spaziale, ricerca e startup europee: le novità

Il programma europeo ha a disposizione un budget di 14,8 miliardi di euro di cui 442 milioni di euro saranno utilizzati per lo sviluppo di nuovi componenti di sicurezza.

-

- Advertisment -

Importanti novità per il settore spaziale in Europa. Previsti fondi per 14,8 miliardi euro per rafforzare la posizione leader dell’UE nel settore spaziale. Il nuovo programma europeo per il settore dello spazio intende consentire all’Europa di portare avanti i propri interessi strategici e confermare il vantaggio dell’industria spaziale europea a livello globale. Favorire un’industria spaziale forte e innovativa, migliorando l’accesso al capitale di rischio per le startup innovative, valutando la creazione di un apposito strumento di equity mediante il fondo InvestEU, creando partenariati per l’innovazione in modo da sviluppare e acquistare prodotti e servizi innovativi, coerentemente con gli investimenti in ricerca promossi da Horizon Europe appare come una priorità strategica per il prossimo futuro. 

Per le imprese e i governi appare importante sostenere gli investimenti grazie a un sistema di governance unificato e semplificato, in modo che tutte le attività spaziali dell’UE siano attuate entro i tempi e con la dotazione di bilancio previsti. La gestione generale del programma continuerà a fare capo alla Commissione, con l’Agenzia spaziale europea (ESA) in veste di partner per l’attuazione tecnica e operativa del programma spaziale dell’UE e l’Agenzia del sistema globale di navigazione satellitare europeo, che sarà rinominata “Agenzia dell’Unione europea per il programma spaziale“, chiamata a sostenere la valorizzazione sul mercato delle attività spaziali dell’UE. Obiettivo prioritario dell’Europa, come seconda potenza spaziale al mondo, rimane quello di accelerare il processo di trasformazione della politica spaziale dell’UE per esplorare soluzioni nuove e competitive di accesso allo spazio e ridurre le dipendenze tecnologiche, mantenendo leadership globale in un settore che si ritiene altamente strategico.

La tecnologia, i big dati e i servizi spaziali sono ormai diventati indispensabili nell’operatività europea e perciò svolgono un ruolo essenziale nel preservare molti interessi strategici. In questa direzione la Commissione Europea aveva già proposto due nuove iniziative faro relative alla connettività sicura basata sullo spazio ed alla gestione del traffico spaziale che adesso potranno trovare una ulteriore spinta e subiranno una importante accelerazione. I satelliti hanno diverse applicazioni, incluse l’osservazione della Terra, il monitoraggio delle rotte marittime, le telecomunicazioni e la tecnologia. I satelliti trasmettono segnali di temporizzazione precisi che permettono la perfetta diffusione delle comunicazioni globali fondamentali per le transazioni bancarie elettroniche e globali. Le applicazioni satellitari sono importantissime anche per il mondo della logistica come per le società di trasporti via terra, mare e aria che fanno affidamento sulle coordinate Gps. Anche il settore dell’agricoltura di precisione e i veicoli autonomi dipendono dall’utilizzo del sistema Gps. Sono numerosi servizi che si basano sulla precisione dei meccanismi di cui sono dotati i satelliti Gps.

Anche la recente missione dell’AVIO aiuta a comprendere la direzione da intraprendere, inseguendo innovazione e sostenibilità.  La recente missione partita dalla base spaziale di Kourou in Guyana francese ha segnato il successo del volo Vv18 del Vega. Il vettore europeo, progettato, sviluppato e costruito da Avio, ha messo in orbita il satellite francese di nuova generazione Pléiades Neo 3, costruito da Airbus Defence and Space, insieme ad altri cinque microsatelliti, tra cui il Norsat 3 norvegese e quattro cubesat per gli operatori Eutelsat, NanoAvionics/Aurora Insight e Spire. Per la perfetta riuscita della missione è stato utilizzato un modulo derivato dall’adattatore Ssms già validato nella missione Vv16 a settembre 2020.

Il programma europeo ha a disposizione un budget di 14,8 miliardi di euro di cui 442 milioni di euro saranno utilizzati per lo sviluppo di nuovi componenti di sicurezza, in modo da evitare collisioni nello spazio e monitorare il rientro degli oggetti spaziali nell’atmosfera terrestre, gestire i rischi spaziali connessi alle attività del sole, di asteroidi o comete che rappresentano un pericolo per le infrastrutture fondamentali. Sempre nel capito di spesa da quasi 15 miliardi, 5.42 miliardi di euro saranno utilizzati per Copernicus, il programma dell’Europa dedicato all’osservazione della Terra, così da mantenere l’autonomia e la leadership dell’Europa in materia di monitoraggio ambientale di alta qualità, gestione delle emergenze e sostegno alla sicurezza marittima e delle frontiere. Un patrimonio per le aziende e startup innovative che vogliono sviluppare idee e ricerca in tema di tecnologia spaziale.

Per partecipare al bando richiedi il supporto del team di Euromed International Trade compilando il seguente form.

spot_imgspot_img
Domenico Letizia
Giornalista.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

fondo sace simest

Fondo SACE SIMEST: quasi un miliardo alle Pmi

0
Il fondo per l'internazionalizzazione gestito da Simest ha finora incassato 6.500 domande di agevolazione per 912 milioni di euro circa.
Menotti Lippolis

Menotti Lippolis: “L’Italia rischia di perdere l’occasione del PNRR”

L'intervento del presidente di Confindustria Brindisi, Gabriele Menotti Lippolis, al quotidiano economico e finanziario Borsen-Zeitung.

MACTT rilancia il corso online di Europrogettazione

E' disponibile online il nuovo Corso di Europrogettazione promosso dalla MACTT (Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade): quindici ore di lezione con esperti...

Istruzione: un passaporto per l’innovazione e il successo

0
Mentre la disoccupazione continua a seguire una curva ascendente, una grande maggioranza di aziende si lamenta della carenza di talenti, avendo difficoltà a trovare...

ASCAME e WestMED: alleanza per l’economia blu

ASCAME e WestMED hanno firmato un memorandum d'intesa con l'obiettivo di creare una collaborazione nella promozione dell'economia blu
spot_img

Economia

Fondo SACE SIMEST: quasi un miliardo alle Pmi

Il fondo per l'internazionalizzazione gestito da Simest ha finora incassato 6.500 domande di agevolazione per 912 milioni di euro circa.

Competitività, digitalizzazione ed economia circolare: il bando per le Pmi del Veneto

Sostenere la competitività, la digitalizzazione e l'economia circolare: è l'obiettivo del nuovo bando della Regione Veneto per le Pmi.

Euromed presenta il “Voucher Internazionalizzazione”

Euromed International Trade presenta il nuovo Voucher Internazionalizzazione, rivolto a tutte le imprese che nel 2022 intendono avviare un...

Sustainability Partnerships: il bando per le Pmi

È aperto il bando “Sustainability Partnerships for SMEs adopting more sustainable practices”, promosso dall'Agenzia esecutiva del Consiglio europeo dell'innovazione...
- Advertisement -spot_img