22.8 C
Rome
domenica, Luglio 3, 2022
spot_imgspot_img

Settore ICT: Barcellona vola sempre più in alto

I numeri di uno studio di Catalonia Trade & Investment

-

- Advertisment -

Negli ultimi anni, il settore ICT catalano ha segnato una crescita costante. Secondo lo studio The ICT industry in Catalonia di Catalonia Trade & Investment, gli affari sono cresciuti del 17% dal 2016, e del 2,3% solo nel 2020, con 16.711 aziende che oggi operano in questo campo.

Con una forza lavoro totale di 129.000 persone, il settore crea occupazione per il 3,9% della popolazione attiva in Catalogna, ben al di sopra della media spagnola del 2,8%. Allo stesso tempo, la Catalogna, sproporzionatamente alle sue dimensioni, è anche sede del 22,1% di tutte le aziende ICT in tutta la Spagna.

Il fatturato del settore ICT è cresciuto del 5,5% nell’ultimo anno e ha raggiunto una cifra di 19.325 milioni di euro. Ma vediamo quali sono i fattori di questi risultati lusinghieri.

Un ecosistema che sostiene l’industria ICT

La Catalogna non si distingue solo in Spagna come un centro ICT di primo piano. A livello globale ha lasciato il segno grazie alla sua importante struttura di supporto tecnologico, con fiere tecnologiche come il Mobile World Congress, lo Smart City Expo World Congress, 4 Years From Now (4YFN), e l’IOT Solutions World Congress che posizionano Barcellona e la Catalogna come un riferimento internazionale nel campo dell’innovazione digitale.

La sua posizione strategica, come porta d’accesso all’Europa e vicina anche al Nord Africa, per non parlare dell’affinità linguistica con il Sud America, ha anche contribuito a posizionare la regione come un importante hub tecnologico. Inoltre, è anche sede di importanti associazioni ICT, centri di istruzione superiore tecnologicamente focalizzati e potenti cluster ICT.

E come principale hub di startup dell’Europa meridionale, la Catalogna si classifica al quinto posto a livello globale come destinazione di lavoro preferita per gli esperti digitali, rendendolo un luogo eccellente per oggi fonte di talenti digitali sia locali che internazionali per progetti ICT.

Nel 2019 Barcellona è stata nominata la migliore città tecnologica tra le città del mondo non capitali. E lo stesso anno la Catalogna è diventata il 1° laboratorio 5G aperto d’Europa. Inoltre, il Financial Times nel 2020 ha dichiarato che la Catalogna e Barcellona hanno la 2° migliore strategia in tutta Europa per attrazione di investimenti tecnologici.

Una destinazione leader per gli investimenti tecnologici

Gli investimenti tecnologici rappresentano il 34% del numero totale di progetti di investimento esteri nel periodo 2016-2020 in Catalogna, che si colloca al 7° posto in Europa occidentale per i progetti di investimento tecnologico.

Nello stesso periodo, la Catalogna ha attirato 262 progetti di investimento esteri tecnologici, un aumento del 63,8% rispetto al precedente periodo di 5 anni. Ha anche mostrato un aumento del 63% dell’occupazione in ambito tecnologico, con un totale di 14.931 posti di lavoro creati tra il 2016-2020. E solo nel 2020 ha attratto investimenti per 50 progetti tecnologici, il 35,7% del numero totale.

Tra le prime 20 aziende tech che investiranno in Catalogna dal 2016 al 2020 troviamo Siemens, Amazon, Ubisoft, Ficosa, Criteo, Volkswagen-Seat o Hewlett-Packard.

Scarica il rapporto completo: The ICT Industry in Catalonia.

Per sviluppare il tuo progetto ICT in Catalogna affidati al supporto strategico e operativo di Euromed International Trade e Catalonia Trade & Investment.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

turismo

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo attraverso la digitalizzazione e l’innovazione. Il...
brevetti

Protezione brevetti: il 50% dei proventi resta all’inventore

Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare le reti di imprese agricole...
imprese servizi

Cresce il fatturato delle imprese di servizi

Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
bundestag

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero scambio CETA tra l'Unione Europea...
spot_img

Economia

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare...

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...
- Advertisement -spot_img