7.7 C
Rome
venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_img

SACE torna al ministero del Tesoro: firmato il decreto

Sbloccata la situazione dopo mesi di trattative

-

- Advertisment -

A dieci anni di distanza dalla vendita alla Cassa depositi e prestiti (Cdp), la società Sace torna al Tesoro, per 4,25 miliardi di euro. A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Reuters.

La chiusura del cerchio è arrivata con un decreto molto atteso, dopo diversi mesi di trattative e confronti serrati tra il ministero dell’Economia e la Cdp venditrice, oltre che tra il Mef e gli Esteri. Alla fine tutto si è concluso con la “bollinatura” da parte della Ragioneria dello Stato del decreto interministeriale che sancisce il passaggio di mano, firmato il 19 gennaio da Daniele Franco, ministro dell’Economia, e il 22 da Luigi Di Maio, ministro degli Esteri. Manca solo l’atto di registrazione della Corte dei Conti.

Il dicastero dell’Economia, con questa operazione, ha dato seguito alle previsioni legislative emanate durante il governo Conte II dall’allora ministro Roberto Gualtieri, vista dell’importanza del controllo diretto della società, di cui condivide l’esposizione al rischio, data la sua crescente importanza nel sostenere l’economia italiana, soprattutto dopo l’esplosione della pandemia di Covid-19.

Il direttore generale del ministero, Alessandro Rivera, è stato da sempre uno dei grandi «sponsor» dell’operazione sostenendo che il controllo indiretto di Sace di fatto rendesse più farraginoso il processo decisionale in seno alla società.

Il ritorno sotto l’ombrello di Via XX Settembre, riferivano nei mesi scorsi fonti finanziarie, semplificherebbe la gestione del dossier Fincantieri (controllata da Cdp con il 71%) ed esposta per circa 5 miliardi. L’emissione di titoli di Stato necessaria a chiudere l’operazione, che andrà comunque ad aumentare il debito pubblico italiano, è già stata inclusa nei target di finanza pubblica resi noti lo scorso settembre.

Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

EIC Accelerator 2024 - Imprese del Sud

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e...

0
EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.
Fiscalità internazionale controllate estere - Imprese del sud

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.
Bandi Prima 2024 - Imprese del Sud

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

0
I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo
Europa Digitale - Abilità digitali - Imprese del Sud

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

0
Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
Erasmus+ bando 2024 politiche europee - Imprese del Sud

Erasmus+: bando 2024 per sperimentazioni di politiche europee

0
Istruzione digitale, istruzione e formazione professionali, istruzione degli adulti, istruzione scolastica, micro-credenziali, istruzione superiore, saranno i topic al centro del bando Erasmus+ con scadenza 4 Giugno 2024.
spot_img

Economia

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e piccole e medie imprese

EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
- Advertisement -spot_img