7 C
Rome
venerdì, Febbraio 3, 2023
spot_imgspot_img

Revisione prezzi appalti pubblici. Sarà automatica.

La norma, sulla revisione prezzi, è stata introdotta nello schema del nuovo codice appalti approvata il mese scorso in via preliminare dal Consiglio dei Ministri.

-

- Advertisment -

La revisione prezzi è un tema di grande importanza per il settore degli appalti, e le recenti disposizioni del nuovo codice degli appalti ne hanno ulteriormente rafforzato l’importanza.

La norma, introdotta nello schema del nuovo codice appalti approvata il mese scorso in via preliminare dal Consiglio dei Ministri in attuazione dell’articolo 1 legge n. 78/2022 , prevede infatti l’obbligatorietà di una revisione dei prezzi per tutti i contratti di lavori, forniture e servizi, che si applica in caso di variazioni superiori al 5% rispetto al prezzo iniziale, coprendo fino all’80% in più del prezzo originale.

La revisione dei prezzi sarà introdotta per far fronte alle turbolenze attuali sul fronte del caro materiali e dei rincari generalizzati conseguenza degli eventi sanitari e bellici degli ultimi anni. Il meccanismo di revisione, previsto per tutti i contratti, sarà così reso obbligatorio attraverso l’inclusione della clausola di revisione prezzi nei documenti di gara.

Il governo ha inoltre deciso che le regole per la revisione dei prezzi dovranno essere “autoesecutive” e subito operative, richiamando nella norma gli indici sintetici delle variazioni dei prezzi relativi ai contratti di lavori, servizi e forniture, approvati dall’Istat con proprio provvedimento entro il 30 settembre di ciascun anno, d’intesa con il ministero delle infrastrutture e dei trasporti. In questo provvedimento è stata definita ed aggiornata la metodologia di rilevazione, e si stabilirà anche l’ambito temporale di rilevazione delle variazioni.

La norma prevede anche la copertura finanziaria dei maggiori oneri derivanti dalla revisione, che dovrà avvenire nel rispetto delle procedure contabili di spesa, come richiesto dalla delega. Per il 50% si utilizzeranno le risorse appositamente accantonate per imprevisti nel quadro economico di ogni intervento; poi le somme derivanti da ribassi d’asta e infine le risorse di altri interventi gestiti dalla stazione appaltante e collaudati.

In sintesi, la revisione prezzi è una questione cruciale per il settore degli appalti e le nuove disposizioni del codice degli appalti ne hanno rafforzato l’importanza. Il meccanismo di revisione è obbligatorio per tutti i contratti e viene reso operativo attraverso l’utilizzo degli indici sintetici delle variazioni dei prezzi, definiti dall’Istat e con copertura finanziaria garantita dalle risorse appositamente accantonate.

È importante sottolineare che questa revisione prezzi è un meccanismo di protezione per entrambe le parti, sia per l’appaltatore che per l’appaltante. Per l’appaltatore, la revisione prezzi garantisce una maggiore flessibilità nell’adattare i costi a eventuali variazioni del mercato, mentre per l’appaltante, la revisione prezzi garantisce una maggiore stabilità nei costi, evitando possibili aumenti eccessivi.

Fondi PNRR per finanziare la revisione prezzi

Inoltre, la norma prevede la possibilità di utilizzare i fondi del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) per coprire i maggiori oneri derivanti dalla revisione dei prezzi. Ciò significa che i progetti finanziati dal PNRR beneficeranno di maggiori risorse per gestire eventuali variazioni dei costi, garantendo così la loro continuazione e completamento.

In generale, la revisione dei prezzi è una questione cruciale per il settore degli appalti e le nuove disposizioni del codice degli appalti ne hanno rafforzato l’importanza. La sua introduzione è un passo importante per garantire la stabilità dei costi e la flessibilità nell’adattarsi a eventuali variazioni del mercato, sia per l’appaltatore che per l’appaltante. Inoltre, la possibilità di utilizzare i fondi del PNRR per coprire i maggiori oneri derivanti dalla revisione dei prezzi rappresenta un’ulteriore garanzia per la continuazione e il completamento dei progetti finanziati dal PNRR.

Va rilevato altresì che il nuovo Codice degli Appalti si basa su due principi fondamentali, stabiliti nei primi due articoli:

  • il “principio del risultato”, che indica l’interesse pubblico primario del Codice stesso, riguardante l’affidamento e l’esecuzione del contratto con la massima efficienza e il miglior rapporto qualità-prezzo, rispettando i principi di legalità, trasparenza e concorrenza;
  • il “principio della fiducia” nell’azione legittima, trasparente e corretta della PA, dei suoi funzionari e degli operatori economici.

La nuova disposizione va ad innestarsi proprio nell’alveo dei principi giuridici su esposti.

Stefano Colombetti
Stefano Colombettihttps://www.studiolegalecolombetti.it/
Si occupa di diritto civile, penale ed amministrativo sia in ambito giudiziale avanti Giudice di Pace, Tribunale, Corte d’Appello, T.a.r., Consiglio di Stato e Corte di Cassazione, sia nella definizione stragiudiziale delle controversie. Collabora dal 2006 con il Prof. Avv. Ernesto Stajano del Foro di Roma. Ricopre numerosi incarichi con nomina del Tribunale di Milano e di Busto Arsizio quale Delegato alla vendita di immobili sottoposti ad esecuzione, immobili all'asta e quale Amministratore di Sostegno e Tutore; è stato altresì nominato Corrispondente Culturale della Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade (MACTT), ONG di diritto Maltese ed è fondatore di un Club Rotary in Milano.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img