Redditometro: illegittime le medie ISTAT

-

- Advertisment -

Sentenza Cassazione: le stime ISTAT non possono essere utilizzate per controlli fiscali e accertamenti sintetici, se ne deduce quindi un uso illegittimo a utilizzato ai fini dell’applicazione del Redditometro.

Il Redditometro rischia di diventare uno dei peggiori incubi per imprese, professionisti e contribuenti italiani, nonostante le continue bocciature in Cassazione e in tribunale per incostituzionalità dei metodi applicativi programmati dal Fisco:

L’ultima stroncatura giunge dalla Suprema Corte, che ha dichiarato illegittime le medie ISTAT se utilizzate per controlli fiscali.

Per verificare un eventuale scostamento tra capacità di spesa e reddito presunto, il Redditometro prende infatti in considerazione 100 voci di spesa, ad ognuna delle quali viene attribuito un diverso contenuto induttivo, determinato tenendo conto della spesa media ISTAT per gruppi e categorie di consumi e del nucleo familiare di appartenenza.

Ebbene, secondo la Cassazione (sentenza n. 4502), utilizzare i resoconti statistici ISTAT sulle spese degli italiani – suddivise ogni anno per composizione del nucleo familiare e per dislocazione geografica – è una pratica non legittima se tali stime vengono usate per supportare azioni di accertamento fiscale.

Trattandosi di medie, ci sono sicuramente famiglie che – pur oculate nella spesa – si potrebbero vedere attribuito un numero maggiore di transazioni, e viceversa. Dunque un quadro poco adatto a rappresentare ogni singola realtà.

La Cassazione – nella propria sentenza – non fa esplicito riferimento al Redditometro ma chiarisce che le medie ISTAT possono essere usate solo per scopi statistici. Se ne deduce che non possono fungere da elemento di supporto all’accertamento fiscale di un singolo contribuente (azione che non ha alcuno scopo statistico).

L’Agenzia delle Entrate aveva spiegato che la decisione di usare le medie ISTAT nasceva anche per semplificare la vita dei contribuenti che in alternativa avrebbero dovuto conservare gli scontrini relativi ad ogni acquisto quotidiano.

tratto da pmi.it

Ultime news

Beni immateriali non a bilancio: ok alla rivalutazione

0
I beni immateriali potranno essere rivalutati anche se non sono mai stati iscritti in bilancio: lo conferma l'Agenzia delle Entrate.

Il nuovo scenario fiscale tra Europa e Regno Unito

0
Importanti novità con lo sdoganamento delle merci e l’eventuale vendita con l’applicazione dell’IVA britannica.

La Francia monitora i social contro l’evasione fiscale

0
Monitoraggio dei social network come strumento di lotta all'evasione fiscale: l'idea arriva dalla Francia

L’agroindustria in Brasile e le opportunità per l’Italia

0
Offrire alle aziende italiane orientamento e informazioni sul mercato del Brasile per la crescita del settore agroindustria.

Il contribuente condannato non deve rimborsare l’autodifesa del fisco

0
Importante pronuncia della Corte di Cassazione sulle spese processuali nei contenziosi di natura tributaria

Economia

L’agroindustria in Brasile e le opportunità per l’Italia

Offrire alle aziende italiane orientamento e informazioni sul mercato del Brasile per la crescita del settore agroindustria.

Il vino biologico italiano attira i consumatori USA

L'Italia offre tante varietà di vino capace di soddisfare ogni nicchia e fascia di consumo tra i consumatori degli Stati Uniti d'America.

PMI Lombardia: l’incentivo Euromed per l’export

Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

PMI Emilia Romagna: il voucher per l’export lo offre Euromed

Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -