5.7 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
spot_imgspot_img

Quasi 100 mila imprese a rischio default nel 2022

Ancora in peggioramento lo stato di salute del tessuto imprenditoriale italiano

-

- Advertisment -

Sono quasi centomila le imprese italiane a rischio default nel corso di quest’anno, a causa degli eventi che da due anni stanno colpendo duramente le economie mondiali: pandemia, carenza di materie prime, rincari energetici e nella logistica, crisi russo-ucraina. A lanciare l’allarme sulla tenuta del sistema aziende è l’Osservatorio Rischio Imprese di Cerved, che segnala un rallentamento nel percorso di ripresa della nostra economia dopo il miglioramento riscontrato nel 2021.

Analizzando l’andamento degli indici di rischio di 618 mila società di capitale nel periodo 2019-2022, Cerved ha valutato gli effetti della pandemia e gli impatti della nuova congiuntura sulla rischiosità del nostro sistema di imprese.

I dati del Cerved Group Score – indice di rischio che stima la probabilità di default delle aziende – fanno emergere una nuova crescita della probabilità di fallimento, dopo il picco raggiunto durante il Covid (134 mila, il 21,7% del totale). Tra il 2021 e 2022 – segnala l’osservatorio – le società a rischio di default sono passate dal 14,4% al 16,1% del totale, aumentando di 11 mila unità e portandosi così a quota 99 mila.

In base agli ultimi dati a disposizione, i debiti finanziari iscritti nei bilanci di imprese a rischio di default ammontano a 107 miliardi di euro (il 10,7% del totale), in aumento di 11 miliardi rispetto allo scenario pre-conflitto. Altrettanto gravi i possibili riflessi sull’occupazione: sarebbero infatti 831mila i lavoratori impiegati nelle imprese a rischio di default, pari all’8,5% del totale, in aumento di quasi 129 mila unità rispetto al 2021.

Ad essere più a rischio sono le micro (dal 14,9% al 16,7% quelle in area di rischio) e le piccole imprese (dall’8,0% al 9,9%), già colpite dalla pandemia e più esposte agli effetti dei rincari, con il divario rispetto alle medio-grandi che tende ad ampliarsi.

E le imprese fragili si trovano soprattutto al Sud, dove costituiscono addirittura il 60,1% del totale, aggravando il già ampio gap con il Nord del Paese: le province con i peggioramenti più significativi sono infatti Isernia, il Sud della Sardegna, Matera, Foggia e Cagliari (ma anche Roma), mentre quelle con la maggiore quota di aziende a rischio sono Crotone, Terni, la stessa Isernia, Reggio Calabria, Messina, Siracusa e Cosenza.

A livello settoriale, emerge una rilevane diversificazione dell’indice di rischio: i più impattati dalla congiuntura appartengono prevalentemente a tre comparti di attività: i servizi non finanziari, penalizzati dall’interruzione del percorso di recupero post-Covid; i trasporti e l’industria pesante, che risente in misura maggiore dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei materiali. Per quanto concerne l’industria, quelle in area di rischio sono il 12,6% delle imprese che operano nel macrocomparto, in crescita del +1,3%, con un picco più alto per il settore automotive (19,4%, +3,7%.).

Le stime si basano sull`analisi dell`andamento di 618.000 società di capitale nel periodo 2019-2022 – commenta Andrea Mignanelli, amministratore delegato di Cerved – valutato attraverso il Cerved Group Score, un indice di rischio che calcola le probabilità di default delle aziende in chiave prospettica. Le tempestive misure di salvaguardia adottate durate la pandemia hanno contribuito a mettere in sicurezza il sistema, e il forte rimbalzo delle performance economiche legate agli effetti del PNRR ha portato a disegnare scenari migliorativi. Tuttavia, le condizioni subentrate nei primi mesi del 2022 – l`aggravarsi dei rincari delle materie prime e il conflitto russo-ucraino, seguiti da inflazione, aumento del costo del debito, phasing out delle misure di sostegno – hanno purtroppo minato la capacità di tenuta di un sistema produttivo già debilitato“.

Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Anwar Zibaoui Agenzia mediterraneo - Imprese del Sud

Serve un’agenzia turistica che promuova il Mediterraneo

Obiettivo di questa agenzia dovrebbe essere quello di creare e consolidare un marchio unico per l'intero Mediterraneo.
Grecia Canada Ceta ratifica Imprese del Sud

La Grecia verso la ratifica del CETA

Il nuovo potenziale per lo sviluppo di collaborazioni bilaterali tra Grecia e Canada.
Dieta Mediterranea validata nelle Marche Imprese del Sud

Dieta Mediterranea: validata nelle Marche.

0
La Dieta Mediterranea, patrimonio Unesco, validata scientificamente come volano turistico nelle Marche con il Seven Countries Study.
lavoro Medaweek imprese del Sud

Miglioramento delle competenze e riqualificazione: il mercato del lavoro del 21° secolo

Nel mondo del lavoro, le parole d'ordine saranno upskilling e reskilling. Se ne parlerà al prossimo Medaweek 2022.
Crisi Idrica Italia

Crisi Idrica in Italia: quali sono le regioni che sprecano più acqua?

0
L'articolo in questione riguarda i problemi legati alla rete idrica italiana e di conseguenza allo spreco di acqua annuale, evidenziando le regioni in cui lo spreco è maggiore.
spot_img

Economia

La Grecia verso la ratifica del CETA

Il nuovo potenziale per lo sviluppo di collaborazioni bilaterali tra Grecia e Canada.

Sport nel mediterraneo. Il business potrebbe raggiungere il 2% del suo PIL

L'industria dello sport sta mergendo come una delle fonti più potenziali dell'economia dei paesi sulle rive del Mediterraneo.

L’economia della regione mediterranea al centro del Medaweek

L'ultima edizione del MedaWeek, in presenza, del 2019 ha visto la partecipazione di oltre 1.500 uomini d'affari internazionali.

MedaWeek22, aperte le iscrizioni

MedaWeek22, l'appuntamento annuale che ha riunito più di 39.000 uomini d'affari, leader socio-economici globali e imprenditori.
- Advertisement -spot_img