Quando le misure “anti-virus” causano inadempimenti contrattuali

-

- Advertisment -

L’emergenza sanitaria da Covid-19 sta incidendo pesantemente sui rapporti commerciali e privatistici. Le misure adottate dal Governo per combattere il diffondersi del virus hanno determinato la temporanea chiusura di molti esercizi commerciali e la sospensione di tutte le attività produttive, fatta eccezione per quelle inserite nell’elenco dei “codici ATECO” accluso al D.P.C.M. 22 marzo 2020.

Ma cosa accade nella dinamica contrattuale? Davvero l’emergenza sanitaria in atto può essere invocata dal debitore, in modo generale ed astratto, in specie nelle locazioni, per legittimare tout court una sospensione unilaterale delle proprie obbligazioni, ovvero per imporre una sospensione unilaterale degli effetti del contratto?

Seguono alcune brevi considerazioni per fare un po’ di chiarezza.

L’art. 91 del Decreto Legge n. 18 del 17.3.2020 stabilisce che: «Il rispetto delle misure di
contenimento di cui presente decreto è sempre valutata ai fini dell’esclusione, ai sensi e per gli effetti degli articoli 1218 e 1223 c.c., della responsabilità del debitore, anche relativamente all’applicazione di eventuali decadenze o penali connesse a ritardati o omessi adempimenti».

Dalla lettura della norma sopra trascritta si evince che la mancanza dell’espressa previsione di un effetto liberatorio collegato all’emergenza epidemiologica in atto.
Inoltre, il rinvio al potere del Giudice di escludere la condanna del debitore inadempiente al risarcimento del danno, come l’applicazione di decadenze o penali, presuppone la permanenza dell’obbligazione, che dunque resta “vigente” tra le parti.

Si consideri, poi, che il Decreto «Cura Italia», in generale, va nella direzione della continuazione dei rapporti contrattuali, avendo adottato una serie di misure in tal senso, in specie nei rapporti di lavoro subordinato e di mutuo bancario.

Ne discende che l’art. 91, spesso richiamato dai debitori proprio a motivo di auto-sospensione degli obblighi nascenti dal contratto, si limita a disciplinare le conseguenze dell’inadempimento o dell’inesatto adempimento al tempo del Covid.19, ma non legittima tout court l’inadempimento e non libera automaticamente il debitore dalle proprie obbligazioni.

Questo è un estratto del contributo ricevuto dallo studio legale Loconte & Partners. Accedi a questo link per consultare l’approfondimento completo

Ultime news

Lavoratrice vessata dai colleghi: il datore dovrà risarcirla

0
La Corte di Cassazione riconosce il dovere di mantenere un ambiente sereno

Bonus 110%: il peso di burocrazia e restrizioni

0
Il Consiglio Nazionale Ingegneri lancia l’allarme alla luce di una analisi di dettaglio sul mercato degli interventi agevolati dall’Ecobonus e dal Sismabonus.

Le nuove opportunità del mercato spagnolo per le imprese italiane

0
Nel Paese sono attivi interessanti strumenti di internazionalizzazione a favore delle imprese interessate al mercato spagnolo.

Malta concede la prima licenza per produrre cannabis

0
L'isola del Mediterraneo punta ad attirare nuovi investimenti nel settore

Veneto: contributi alle PMI per la ripresa del turismo

0
Il bando della Regione a sostegno delle reti di impresa, associazioni e consorzi

Economia

Le nuove opportunità del mercato spagnolo per le imprese italiane

Nel Paese sono attivi interessanti strumenti di internazionalizzazione a favore delle imprese interessate al mercato spagnolo.

Malta concede la prima licenza per produrre cannabis

L'isola del Mediterraneo punta ad attirare nuovi investimenti nel settore

Veneto: contributi alle PMI per la ripresa del turismo

Il bando della Regione a sostegno delle reti di impresa, associazioni e consorzi

Brexit: regole commerciali e attività doganali

Gli operatori che effettuano cessioni verso il Regno Unito potranno recarsi presso gli Uffici delle dogane e capire le nuove regole doganali.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -