18.7 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
spot_imgspot_img

Puntare sul Mezzogiorno per far volare “l’export interno”

Il Recovery Fund è un'occasione per colmare il divario nord-sud e far volare gli affari interni

-

- Advertisment -

Affrontare i problemi del Mezzogiorno per far volare l’export italiano, anche all’interno dei propri confini: a proporre questa visione è l’economista Fabrizio Galimberti attraverso un interessante editoriale pubblicato nel Quotidiano del Sud, che proprio della questione meridionale ha sempre fatto una battaglia civile.

Secondo l’editorialista del Sole 24 Ore ed ex consigliere del ministro del Tesoro, con le risorse del Recovery Fund l’Italia ha un’occasione unica per sostenere gli affari delle proprie imprese investendo nella crescita di un territorio le cui potenzialità valgono tre volte il nostro volume di esportazioni odierno.

Parliamo del Sud Italia, un territorio ricco di potenziale incompiuto e segnato dall’emergenza Covid, la cui crescita può rappresentare il migliore affare possibile anche per le imprese del nord attraverso una crescita del mercato interno e una nuova internazionalizzazione entro i nostri confini.

Intervenire con misure forti per risolvere il divario tra nord e sud in termini di disoccupazione, reddito pro capite, infrastrutture e produttività consegnerebbe all’Italia un nuovo mercato di sbocco, esterno e allo stesso tempo interno, del quale beneficerebbero per primi, oltre agli stessi cittadini meridionali, anche i loro cittadini settentrionali, che troverebbero dentro all’Italia stessa, verso il Mezzogiorno, i più vicini potenziali acquirenti dei loro prodotti industriali e artigianali, oltre che i migliori partner strategici per promuovere il made in Italy nel mondo e, perché no, la migliore area geografica nella quale realizzare nuovi investimenti a condizioni agevolate.

Trasformare allora quella che alcuni vedono in maniera distorta come una “palla al piede” in una fonte inestimabile di ricchezza è allora possibile, e non c’è migliore occasione delle risorse liberate dall’Europa per iniziare a farlo. Perché – come sostiene Galimberti – non c’è miglior soluzione per affrontare la spartizione delle fette di una torta facendo semplicemente una torta più grande, per tutti.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Titolari effettivi Anac Appalti pubblici Imprese del Sud

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.
Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
spot_img

Economia

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...
- Advertisement -spot_img