10.4 C
Roma
giovedì, 22 Ottobre 2020

Porto di Salerno, Annunziata: La riforma portuale non si limiti ai soli numeri. Istituire un Ministero del Mare che apra ai privati

-

- Advertisment -

“La nuova Legge sui Porti è incentrata sull’accorpamento. Dalle iniziali 24 Autorità Portuali qualcuno parla di un dimezzamento (15) altri persino di soli 6 Distretti (macro aree).

Per me non contano i numeri: è necessario puntare su una programmazione strategica nazionale che passi per la istituzione di un Ministero del Mare capace di concertare le esigenze dei vari attori protagonisti. Occorre un coordinamento per i collegamenti veloci con interporti, aeroporti e autostrade.

Il modello vincente resta quello inglese”. Andrea Annunziata, presidente dell’Autorità portuale di Salerno, forte del bilancio positivo delle attività svolte nello scalo, attende il varo della riforma sui porti italiani, punta sul modello inglese. Quello che apre ai privati.

La ricetta.”Bisogna sburocratizzare, spiega Annunziata. Registriamo un incremento del 32% del traffico container che ci posiziona al primo posto in Italia. Abbiamo avviato, da gennaio, la attività di preclearing, per snellire le attività di sdoganamento delle merci. Senza una adeguata rete infrastrutturale, però non andiamo da nessuna parte. Guardi, il problema come dicevo non è essere d’accordo o meno alla fusione con Napoli, per esempio, ma alla funzionalità di un progetto: se non vi sono collegamenti con aree interne, se non abbiamo un retroporto, non facciamo molta strada”. 

E da qui l’apertura ai privati: “Sì, pochi ma efficaci investimenti di privati che, in tempi brevi, realizzino quella necessaria rete di cui prima vi parlavo. Penso a un Ministero del Mare che possa coordinare e incentivare anche i privati ad investire sull’unica risorsa che in questa città produce risultati incredibili». 

La riforma, le indiscrezioni. Nel Decreto Legge Sblocca Italia sarebbero introdotte alcune anticipazioni della riforma portuale, tra cui il dimezzamento delle Autorità Portuali. Ecco quali potrebbero essere le quindici nuove realtà. Genova­Savona, La Spezia­Marina di Carrara, Livorno­Piombino, Napoli­Salerno, Gioia Tauro, Cagliari­Olbia­Porto Torres, Palermo­Trapani, Augusta­Catania­Messina, Taranto, Bari­Brindisi, Ancona, Ravenna, Trieste­ Monfalcone e Venezia­ Chioggia, Civitavecchia­Fiumicino­Gaeta.

Sergio Passariello
Sergio Passariellohttps://www.impresedelsud.it
Blogger, consulente aziendale ed imprenditore
- Advertisement -

Ultime news

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

0
Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

0
Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Economia

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -