Porto di Salerno, Annunziata: La riforma portuale non si limiti ai soli numeri. Istituire un Ministero del Mare che apra ai privati

-

- Advertisment -

“La nuova Legge sui Porti è incentrata sull’accorpamento. Dalle iniziali 24 Autorità Portuali qualcuno parla di un dimezzamento (15) altri persino di soli 6 Distretti (macro aree).

Per me non contano i numeri: è necessario puntare su una programmazione strategica nazionale che passi per la istituzione di un Ministero del Mare capace di concertare le esigenze dei vari attori protagonisti. Occorre un coordinamento per i collegamenti veloci con interporti, aeroporti e autostrade.

Il modello vincente resta quello inglese”. Andrea Annunziata, presidente dell’Autorità portuale di Salerno, forte del bilancio positivo delle attività svolte nello scalo, attende il varo della riforma sui porti italiani, punta sul modello inglese. Quello che apre ai privati.

La ricetta.”Bisogna sburocratizzare, spiega Annunziata. Registriamo un incremento del 32% del traffico container che ci posiziona al primo posto in Italia. Abbiamo avviato, da gennaio, la attività di preclearing, per snellire le attività di sdoganamento delle merci. Senza una adeguata rete infrastrutturale, però non andiamo da nessuna parte. Guardi, il problema come dicevo non è essere d’accordo o meno alla fusione con Napoli, per esempio, ma alla funzionalità di un progetto: se non vi sono collegamenti con aree interne, se non abbiamo un retroporto, non facciamo molta strada”. 

E da qui l’apertura ai privati: “Sì, pochi ma efficaci investimenti di privati che, in tempi brevi, realizzino quella necessaria rete di cui prima vi parlavo. Penso a un Ministero del Mare che possa coordinare e incentivare anche i privati ad investire sull’unica risorsa che in questa città produce risultati incredibili». 

La riforma, le indiscrezioni. Nel Decreto Legge Sblocca Italia sarebbero introdotte alcune anticipazioni della riforma portuale, tra cui il dimezzamento delle Autorità Portuali. Ecco quali potrebbero essere le quindici nuove realtà. Genova­Savona, La Spezia­Marina di Carrara, Livorno­Piombino, Napoli­Salerno, Gioia Tauro, Cagliari­Olbia­Porto Torres, Palermo­Trapani, Augusta­Catania­Messina, Taranto, Bari­Brindisi, Ancona, Ravenna, Trieste­ Monfalcone e Venezia­ Chioggia, Civitavecchia­Fiumicino­Gaeta.

Ultime news

Internazionalizzazione: cosa prevede il Recovery Plan

0
Ad oggi sarebbero stanziati 2 miliardi di euro per il capitolo specifico

Intesa San Paolo apre una filiale operativa a Sydney

0
L'ufficio di rappresentanza di Intesa Sanpaolo in Australia diventa filiale operativa, dopo l'avvenuta approvazione delle autorità locali.

Istituita la Giornata internazionale del Mediterraneo

0
Sarà celebrata ogni anno il 28 Novembre attraverso eventi, mostre e festival in tutta la regione

Investire in Catalogna: il webinar gratuito

0
Il workshop online gratuito rivolto alle aziende italiane interessate ai settori Life Sciences e IT/Digital

La strategia di Malta per nuove sinergie con l’Africa

0
La Commissione economica per l'Africa delle Nazioni Unite stima che la cooperazione economica nella regione aumenterà del 52% entro il 2022.

Economia

Internazionalizzazione: cosa prevede il Recovery Plan

Ad oggi sarebbero stanziati 2 miliardi di euro per il capitolo specifico

Intesa San Paolo apre una filiale operativa a Sydney

L'ufficio di rappresentanza di Intesa Sanpaolo in Australia diventa filiale operativa, dopo l'avvenuta approvazione delle autorità locali.

Investire in Catalogna: il webinar gratuito

Il workshop online gratuito rivolto alle aziende italiane interessate ai settori Life Sciences e IT/Digital

La strategia di Malta per nuove sinergie con l’Africa

La Commissione economica per l'Africa delle Nazioni Unite stima che la cooperazione economica nella regione aumenterà del 52% entro il 2022.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -