21.8 C
Rome
domenica, Maggio 26, 2024
spot_imgspot_img

Il piano di ripresa dell’UE: raggiunto accordo provvisorio su REPowerEU

Gli Stati membri potranno aggiungere un nuovo capitolo REPowerEU ai loro piani nazionali di ripresa e resilienza (RRPs) nell'ambito di NextGenerationEU.

-

- Advertisment -

L’UE sta accelerando la fine della sua dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili russi. I negoziatori del Consiglio e del Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla proposta REPowerEU, che mira a rafforzare l’autonomia strategica dell’Unione diversificando le forniture energetiche e aumentando l’indipendenza e la sicurezza dell’approvvigionamento energetico dell’Unione.

Il testo concordato è soggetto all’approvazione del Consiglio e del Parlamento europeo prima di passare alla procedura di adozione formale.

In termini pratici, gli Stati membri potranno aggiungere un nuovo capitolo REPowerEU ai loro piani nazionali di ripresa e resilienza (RRPs) nell’ambito di NextGenerationEU, al fine di finanziare gli investimenti e le riforme chiave che aiuteranno a raggiungere gli obiettivi di REPowerEU.

“Sono molto soddisfatto che la presidenza ceca stia mantenendo una delle nostre promesse principali: porre fine alla dipendenza dell’UE dai combustibili fossili russi e aprire la strada a una revisione radicale del settore energetico dell’Unione. REPowerEU ci consentirà di finanziare gli investimenti e le riforme necessarie” Ha dichiarato, Zbyněk Stanjura, Ministro delle Finanze della Repubblica Ceca

Tra gli obiettivi principali di REPowerEU vi sarà l’aumento della resilienza, della sicurezza e della sostenibilità del sistema energetico dell’Unione attraverso la necessaria riduzione della dipendenza dai combustibili fossili e la diversificazione delle forniture energetiche a livello dell’Unione, anche aumentando la diffusione delle energie rinnovabili, dell’efficienza energetica e della capacità di stoccaggio dell’energia.

I capitoli di REPowerEU nei piani di ripresa e resilienza (RRP) degli Stati membri dovranno delineare nuove riforme e investimenti, avviati a partire dal 1° febbraio 2022, e/o la parte scalare di riforme e investimenti inclusi nei RRP già adottati, con le relative tappe e obiettivi.

L’ambito dei capitoli è stato ulteriormente chiarito e comprenderà, tra l’altro:

  • aumentare l’efficienza energetica degli edifici e delle infrastrutture energetiche critiche
  • decarbonizzazione dell’industria
  • aumentare la produzione e l’adozione di biometano sostenibile e di idrogeno rinnovabile o privo di fossili
  • aumentare la quota e accelerare la diffusione delle energie rinnovabili
  • migliorare le infrastrutture e gli impianti energetici per soddisfare le esigenze immediate di sicurezza dell’approvvigionamento di gas, compreso il gas naturale liquefatto (GNL), in particolare per consentire la diversificazione dell’approvvigionamento nell’interesse dell’Unione nel suo complesso
  • le infrastrutture e gli impianti petroliferi necessari per soddisfare le esigenze immediate di sicurezza dell’approvvigionamento possono essere inclusi nel capitolo REPowerEU di uno Stato membro che è stato oggetto di una deroga temporanea eccezionale a causa della sua specifica dipendenza dal petrolio greggio e della sua situazione geografica
  • affrontare la povertà energetica
  • incentivare la riduzione della domanda di energia
  • affrontare le strozzature interne e transfrontaliere nella trasmissione e distribuzione dell’energia
  • sostenere lo stoccaggio dell’elettricità
  • accelerare l’integrazione delle fonti di energia rinnovabili
  • sostenere i trasporti a zero emissioni e le relative infrastrutture, comprese le ferrovie

Per quanto riguarda il finanziamento delle sovvenzioni, i colegislatori hanno concordato che le fonti saranno il Fondo per l’innovazione (60%) e la prealimentazione delle quote ETS (40%).

Il criterio di assegnazione sarà una formula che tiene conto della politica di coesione, della dipendenza degli Stati membri dai combustibili fossili e dell’aumento dei prezzi degli investimenti, in linea con la posizione del Consiglio.

REPowerEU – Incentivi agli stati membri

Gli Stati membri avranno ulteriori incentivi per richiedere il sostegno al prestito, anche nel caso di richieste superiori al 6,8% dell’RNL, se si applicano le relative condizioni. Gli Stati membri avranno la possibilità di effettuare trasferimenti volontari dalla Riserva di adeguamento alla Brexit (BAR).

Gli Stati membri che hanno fondi di coesione non spesi dal precedente quadro finanziario pluriennale (2014-2020) potranno utilizzarli per sostenere le PMI e le famiglie vulnerabili particolarmente colpite dagli aumenti dei prezzi dell’energia.

L’accordo è provvisorio, poiché deve ancora essere confermato dagli Stati membri in sede di Consiglio e dal Parlamento europeo per essere definitivo.

Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

B7 Summit Italy - Canadian Chamber in Italy

Evento pre-B7 Summit – “AI: the missing piece of the productivity puzzle?”

Partecipa all'evento pre-B7 Summit sul futuro dell'intelligenza artificiale, organizzato dalla Canadian Chamber of Commerce in collaborazione con la Canadian Chamber in Italy. Discuti il futuro dell'IA il 15 Maggio a Roma.
Assomalta - Apertura sede di Rappresentanza Napoli

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di...

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.
Interreg Europe Cooperazione regionale 2024 - Imprese del Sud

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

0
Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.
Digital Service Act (DSA) 2024 - Imprese del Sud

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.
Diplomi facili nuove regole 2024 - Imprese del Sud

Diplomi facili. In arrivo le nuove Direttive.

Le nuove normative sul rilascio dei diplomi, imporranno limiti agli anni in uno, registro elettronico obbligatorio, regole per il sostegno e l'ammissione di docenti stranieri.
spot_img

Economia

Evento pre-B7 Summit – “AI: the missing piece of the productivity puzzle?”

Partecipa all'evento pre-B7 Summit sul futuro dell'intelligenza artificiale, organizzato dalla Canadian Chamber of Commerce in collaborazione con la Canadian Chamber in Italy. Discuti il futuro dell'IA il 15 Maggio a Roma.

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di Rappresentanza a Napoli.

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.
- Advertisement -spot_img