OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

-

- Advertisment -

L’Italia offre il sistema fiscale meno competitivo tra tutti quelli dei 36 Paesi più industrializzati aderenti all’Ocsea causa del pesante carico amministrativo e del sistema impositivo sulle persone: sono necessarie circa 169 ore per adempiere a tutti gli obblighi fiscali” che incombono su chi porta avanti attività economiche.

E’ quanto emerge dall’ultima edizione dell’indice internazionale sulla competitività fiscale elaborato dal centro studi Epicenter. Anche il sistema delle imposte sui consumi, osserva ancora lo studio, “rivela lacune politiche e di applicazione poiché copre solo il 40 per cento dei consumi finali“.

Tra i Paesi Ue le posizioni migliori sono occupate dai Paesi Baltici. Guardando la classifica, emerge infatti che per il settimo anno consecutivo l’Estonia ha il miglior regime fiscale dell’Ocse. Il punteggio è determinato da quattro caratteristiche positive del suo sistema fiscale: un’aliquota fiscale del 20% sul reddito delle imprese che viene applicata solo agli utili distribuiti; un’imposta fissa del 20% sul reddito individuale che non si applica al reddito da dividendi personali; un’imposta sui beni immobili che si applica solo al valore dei terreni, piuttosto che al valore dei beni immobili o del capitale e infine, un sistema fiscale territoriale che esenta dalla tassazione nazionale il 100% degli utili esteri realizzati dalle società nazionali, con poche restrizioni. Il Paese europeo che guadagna più posizioni è invece il Belgio, che sale di ben quattro posizioni rispetto all’anno precedente.

Ma torniamo ai problemi dell’Italia, che è fanalino di coda. Il nostro Paese ha un’imposta sul patrimonio, un’imposta sulle transazioni finanziarie, un elevato onere di conformità associato al sistema fiscale individuale e un sistema italiano di tassazione dei consumi copre meno del 40% dei consumi finali. Altro elemento negativo è il pesante carico amministrativo e del sistema impositivo sulle persone: sono necessarie circa 169 ore per adempiere a tutti gli obblighi fiscali che incombono nei confronti di imprese e di chi gestisce attività economiche.

Internazionalizzare significa svincolarsi dalle lacune di un sistema Paese e dalle difficoltà del suo mercato interno. Per farlo con efficacia e senza correre rischi affidati al supporto di Euromed International Trade. Richiedi maggiori informazioni o una consulenza compilando il seguente form:

Ultime news

Il Mediterraneo post Covid al centro di Med Dialogues 2020

Oltre 40 gli eventi virtuali, in programma fino al 4 dicembre 2020, con i lavori del Rome MED - Mediterranean Dialogues.

Confindustria, Lampugnale eletto presidente P.I. Campania

Cambio al vertice della sezione associativa dedicata alle PMI campane

Il business forum Italia Uzbekistan per il commercio nel centro Asia

Il nuovo Business Forum Italia-Uzbekistan, interamente digitale, per rafforzare la conoscenza e la cooperazione tra i due paesi.

Confapi Sicilia: nasce l’Osservatore digitale per combattere violenze e molestie sul luogo di lavoro

L'Osservatore digitale 6ome6 sarà online e visibile pubblicamente a partire dalle ore 17 del 25 novembre 2020 per celebrare la giornata internazionale contro la violenza e molestie sulle donne.

Dall’Europa nuovi strumenti per superare le barriere commerciali

Il nuovo sistema riflette l’impegno della Commissione a rafforzare l'applicazione e l'attuazione degli accordi commerciali.

Economia

Il business forum Italia Uzbekistan per il commercio nel centro Asia

Il nuovo Business Forum Italia-Uzbekistan, interamente digitale, per rafforzare la conoscenza e la cooperazione tra i due paesi.

Dall’Europa nuovi strumenti per superare le barriere commerciali

Il nuovo sistema riflette l’impegno della Commissione a rafforzare l'applicazione e l'attuazione degli accordi commerciali.

Canada-Regno Unito: siglato l’accordo ispirato al CETA

Regno Unito e Canada hanno siglato un accordo commerciale di continuità per mantenere il flusso di beni e servizi.

Le opportunità per le imprese offerte dalla Banca Africana di Sviluppo

L’Italia è al quindicesimo posto nella classifica dei Paesi che collaborano con la Banca Africana di Sviluppo.

Dall’Europa nuovi strumenti per superare le barriere commerciali

Il nuovo sistema riflette l’impegno della Commissione a rafforzare l'applicazione e l'attuazione degli accordi commerciali.

A rischio l’esenzione Iva delle imprese esportatrici nel 2021

La presa di posizione di Imprese del Sud e delle rappresentanze della piccola e media impresa

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -