19.5 C
Rome
sabato, Aprile 10, 2021
spot_imgspot_img

“Nuovi modelli di sviluppo contro i cambiamenti climatici”

L'intervento del direttore della sede marocchina di AFD, l'Agenzia di Sviluppo francese

-

- Advertisment -spot_img

Il direttore dell’agenzia francese di sviluppo (AFD) in Marocco, Mihoub Mezouaghi, ha rilasciato un’intervista all’agenzia di stampa marocchina MAP per fare il punto sull’impatto del cambiamento climatico, i nuovi modelli di sviluppo, le ripercussioni della crisi sanitaria e le attività dell’agenzia nel Regno nordafricano.

A cinque anni dalla firma degli Accordi di Parigi sul clima, Mezouaghi ha sottolineato l’imperativo di accelerare la transizione dei modelli di sviluppo, al fine di raggiungere gli obiettivi previsti in termini di emissioni di gas a effetto serra: “La traiettoria sulle previsioni di aumento delle temperature non è stata ancora invertita, e questo è in parte dovuto all’insufficiente mobilitazione di finanziamenti per il clima. Per avvicinarsi alla neutralità del carbonio entro il 2050, che corrisponderebbe a un aumento della temperatura di solo 1,5°C, bisogna investire tra i 4.000 e i 5.000 miliardi di dollari nella transizione ecologica del mondo. Oggi, i finanziamenti per il clima sono stimati a soli 400-500 miliardi di dollari all’anno. Motivo per cui AFD ha riunito quasi 450 banche pubbliche di sviluppo, lo scorso Novembre, per allineare le nostre agende sul clima. Il Marocco è un paese fortemente impegnato nella transizione verso le energie rinnovabili. Il prossimo passo è quello di decarbonizzare ulteriormente l’economia marocchina per rafforzare la sua resilienza, ma anche per approfittare delle importanti opportunità portate dai cambiamenti nel mercato europeo, che sarà esso stesso più aperto ai beni a bassa emissione di carbonio. In questo senso, il New Green Deal e la strategia Power to X, fortemente sostenuta dall’Unione Europea e dai suoi Stati membri, offrono un fertile quadro strategico bilaterale per adattare l’intera catena del valore industriale e agricolo, a monte fornendo al tessuto economico energia a basso contenuto di carbonio e a valle con metodi di produzione e consumo meno energivori.

In merito alle attività dell’Agenzia in Marocco nel 2020, Mihoub Mezouaghi ha rimarcato i cospicui finanziamenti garantiti agli operatori pubblici e al settore bancario per un importo che raggiungerà tra i 300 e i 350 milioni di euro entro la fine dell’anno, un aumento di oltre il 30% rispetto al 2019. Al termine dell’ultimo biennio saranno stati firmati accordi di finanziamento per un importo di quasi 900 milioni di euro, e 2 miliardi di euro nel quadriennio 2017-2021. “In termini qualitativi – ha aggiunto – stiamo diversificando il nostro dialogo di partenariato su nuovi temi innovativi, come il lancio di un programma statale di start-up, il sostegno alle industrie culturali e creative o la promozione del contributo socio-economico dello sport, così come il coordinamento della riflessione strategica sulle politiche pubbliche con il Ministero degli Affari Esteri. Le nuove priorità riguardano principalmente l’economia della vita (salute, protezione sociale e accesso a servizi pubblici di qualità), l’economia verde (conservazione della biodiversità e delle risorse naturali) e l’economia pulita (decarbonizzazione delle economie e delle società).

Gli obiettivi lungimiranti di due partner strategici nel Mediterraneo come Francia e Marocco, confermano la bontà di guardare al Mediterraneo come macroarea strategica di rilancio economico per il futuro post emergenza.

spot_imgspot_img
Abdessamad El Jaouzi
Resp. servizio comunicazione e ufficio stampa presso istituzione diplomatica in Italia. Responsabile dipartimento Economia sostenibile della Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade NGO di Malta
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Ultime news

Agribusiness in Marocco: il webinar gratuito

Euromed International Trade presenta Agribusiness in Marocco, il nuovo webinar online in programma Giovedì 15 Aprile 2021 alle 11.00.

Gabriele Menotti Lippolis è il nuovo Presidente di Confindustria Brindisi

Il nuovo presidente di Confindustria Brindisi Gabriele Menotti Lippolis eletto dall’Assemblea Generale, in votazione per il quadriennio 2021-2025.

Food e Beverage tra nuovi consumi e mercati internazionali

0
Food Dive ha sottolineato il trend in crescita dei prodotti salutistici con un focus particolare sui cibi che aiutano il sistema immunitario.

Il Regno Unito aumenta le imposte sulle società

0
Il Regno Unito ha diffuso un ampio pacchetto di riforme fiscali che includerà, tra l'altro, l'aumento dell'aliquota sulle imprese.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)
spot_img

Economia

Food e Beverage tra nuovi consumi e mercati internazionali

Food Dive ha sottolineato il trend in crescita dei prodotti salutistici con un focus particolare sui cibi che aiutano il sistema immunitario.

Nuovi fondi per startup e PMI innovative

Nuovi fondi e finanziamenti per startup, imprese e PMI innovative con focus particolare sulle cosiddette tecnologie Deep Tech.

Le semplificazioni doganali per l’export italiano post Brexit

Le semplificazioni doganali costituiscono oggi un importante fattore di competitività per le aziende italiane interessate al Regno Unito.

Emergenza PMI italiane: società in perdita ma tassate

PMI Italiane tassate e in perdita. L'importanza di diversificare e proteggere il risparmio per gli imprenditori italiani.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img