18.8 C
Rome
martedì, Settembre 27, 2022
spot_imgspot_img

L’UE rinnova le infrazioni contro l’Italia su appalti e rifiuti

Il nostro Paese ha due mesi di tempo per uniformarsi alle direttive comunitarie

-

- Advertisment -

La Commissione UE mette ancora l’Italia alle strette su due tematiche molto importanti come quelle della normativa sugli appalti e della gestione dei rifiuti, minacciando pesanti sanzioni nei confronti del nostro Paese, chiamato a uniformarsi alla normativa comunitaria nonostante gli sforzi già messi in campo.

Sforzi che, in materia di appalti pubblici, vengono riconosciuti con una presa d’atto da parte dell’Europa dei notevoli progressi dell’Italia nel conformare la legislazione al quadro UE. Ma evidentemente tutto questo non basta: la Commissione ha infatti deciso di far proseguire una procedura di infrazione contro l’Italia, rilevando persistenti questioni in sospeso.

Nel mirino di Bruxelles vi sono in particolare il divieto per i subappaltatori di ricorrere ad altri subappaltatori e alcune disposizioni sulle procedure negoziate senza gara d’appalto. Per questo l’Italia ha ricevuto una lettera di costituzione in mora, e ora avrà due mesi di tempo per rispondere alle questioni sollevate.

Un’altra procedura di infrazione, come detto, è stata poi inviata a Roma per il mancato rispetto delle normative europee sulle discariche di rifiuti. La Commissione aveva emanato una direttiva per fissare norme volte a prevenire effetti negativi per la salute umana, l’acqua, il suolo e l’atmosfera. Tra queste norme, si parlava della chiusura di una serie di discariche non conformi ai requisiti della direttiva, salvo prevedere un piano di riassetto del sito.

L’Italia, secondo la Commissione, come effetto di questa direttiva ha già chiuso 32 discariche, ma non è ancora riuscita a fornire rassicurazioni in merito alla chiusura o alla riconversione di altri 12 siti pericolosi. Anche in questo caso è arrivata una lettera di costituzione in mora, e il tempo di due mesi per risolvere la situazione. Altrimenti il caso potrebbe essere deferito alla Corte di Giustizia dell’UE.

Al di là delle questioni, legittime nel merito, appare dunque evidente come Bruxelles, pur garantendo aiuti economici importanti per uscire dalla crisi degli ultimi anni, stia esercitando nei confronti dell’Italia una sorta di pressione e intimidazione che, in un periodo di difficoltà e incertezze come quello attuale, appaiono ingiustificate.

Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

nautica da diporto bonus sud

Nautica da diporto, chiarimenti per il bonus SUD

Pubblicati i chiarimenti per la nautica da diporto, da parte dell'Agenzia delle Entrate, per usufruire dell'agevolazione fiscale.
Appalti aggregazione stazioni appaltanti

Appalti, i comuni dovranno unirsi nelle aggiudicazioni

Resteranno attive solo 12.000 tra stazioni appaltanti e centrali di committenza, per l'aggiudicazione degli appalti.
Console generale d'Italia Luca Zelioli

Canada. Insediato il nuovo Console Generale d’Italia

Originario di Reggio Emilia, Luca Zelioli è il nuovo Console generale d'Italia che si è insediato a Toronto.

L’Unione europea e le interferenze nel commercio internazionale

Un nuovo strumento anti-coercizione dell'Europa per difendere il commercio internazionale dall'interferenza di stati esteri.
Inail Costo del lavoro Aumento Luglio 2022

INAIL. Il Governo aumenta i premi

A partire da luglio 2022, i premi Inail sono diventati più cari per le Imprese. Stangata sul costo del lavoro da parte del Governo.
spot_img

Economia

Appalti, i comuni dovranno unirsi nelle aggiudicazioni

Resteranno attive solo 12.000 tra stazioni appaltanti e centrali di committenza, per l'aggiudicazione degli appalti.

Canada. Insediato il nuovo Console Generale d’Italia

Originario di Reggio Emilia, Luca Zelioli è il nuovo Console generale d'Italia che si è insediato a Toronto.

L’Unione europea e le interferenze nel commercio internazionale

Un nuovo strumento anti-coercizione dell'Europa per difendere il commercio internazionale dall'interferenza di stati esteri.

Il CETA compie 5 anni: sempre più paesi verso la ratifica

Oggi ricorre il quinto anniversario dell’entrata in vigore provvisoria dell’accordo economico e commerciale globale UE-Canada (CETA). L'accordo rimane un...
- Advertisement -spot_img