18 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
spot_imgspot_img

L’innovazione dell’agricoltura per il rilancio dei prodotti

I contributi del Recovery per l'agricoltura dovrebbero sostenere anche gli investimenti per l'ammodernamento della lavorazione, dello stoccaggio e del confezionamento di prodotti alimentari.

-

- Advertisment -

Il Piano transizione 4.0 ha allargato il suo raggio di azione anche alle imprese legate all’agricoltura, che hanno risposto con grande interesse alle agevolazioni per gli investimenti in digitalizzazione, cui a breve dovrebbero aggiungersi i contributi per l’agricoltura di precisione e il rinnovo automezzi previsti dal Recovery Plan. Oltre ai crediti di imposta del Piano Transizione 4.0, le imprese agricole potranno quindi contare su una ulteriore forma di agevolazione a sostegno degli investimenti in digitalizzazione.

Coronavirus, Procaccini: Governo sblocchi divieti forniture macchinari  agricoli per evitare collasso settore - Fratelli d'Italia | Fratelli  d'Italia

Il PNRR prevede che i contributi in conto capitale per l’ammodernamento dei macchinari agricoli possano essere concessi sia per l’introduzione di tecniche di agricoltura di precisione, che permettano la riduzione dell’utilizzo dei pesticidi del 25-40 per cento a seconda dei casi applicativi e per l’utilizzo di tecnologie di agricoltura 4.0, che per sostituire i mezzi agricoli più inquinanti, passando da Euro 1 a Euro 5.  I contributi del Recovery dovrebbero sostenere anche gli investimenti per l’ammodernamento della lavorazione, dello stoccaggio e del confezionamento di prodotti alimentari. I contributi dovrebbero incentivare in particolare gli interventi diretti a migliorare la sostenibilità del processo produttivo, a ridurre e/o eliminare la generazione di rifiuti e a favorire il riutilizzo a fini energetici. Tale processo di innovazione per le imprese dell’agricoltura e dell’agroalimentare italiano potrebbe contribuire alla crescita dell’export dei prodotti italiani, valorizzando i prodotti, la sostenibilità e i processi organizzativi aziendali. Una crescita che potrebbe sostenere anche il comparto della frutta italiana. Il commercio mondiale di frutta si è ampliato di circa 34 milioni di tonnellate negli ultimi due decenni. Una crescita che, in termini relativi, corrisponde ad un aumento del 77%. Le numerose famiglie frutticole possono essere raggruppate in tre categorie principali: bananeagrumi pomacee. Tre categorie che hanno registrato una flessione nell’ultimo ventennio: la quota di mercato delle banane è passata infatti dal 30% al 27%, quella degli agrumi dal 23% al 20% e quella delle pomacee dal 16 al 14%.

Se agli inizi degli anni Duemila, banane, agrumi e pomacee rappresentavano il 77% del commercio mondiale di frutta, oggi la loro quota è scesa al 68%. Anche l’uva da tavola, nel medesimo periodo, ha riportato un calo della market share (dall’8 al 7%), mentre hanno tenuto il passo meloni e angurie (8%) oltre alle drupacee (5%). L’innovazione e i processi in termini di efficienza sostenibile nel mondo delle imprese agricole legate alla valorizzazione e raccolta della frutta potrebbero ritornare a far generare meccanismi virtuosi per le vendite italiane per la distribuzione nazionale. 
 
Il processo di trasformazione che porta dall'oliva all'olio extravergine -  YouTube
Inoltre, il Recovery individua nel processo di trasformazione dell’olio d’oliva un settore particolarmente interessato dalla misura, alla luce della sua strategicità per l’industria agroalimentare italiana e delle difficoltà sperimentate dagli olivicoltori negli ultimi anni.
Domenico Letizia
Domenico Letizia
Giornalista.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Titolari effettivi Anac Appalti pubblici Imprese del Sud

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.
Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
spot_img

Economia

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...
- Advertisement -spot_img