8.6 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

L’export di mele italiane in India e le nuove opportunità

L’india si sta rivelando un paese strategico per la vendita delle mele italiane

-

- Advertisment -

Le mele tornano a far riflettere le imprese italiane sulle sinergie con l’India. L’India rappresenta un mercato dalle significative potenzialità, forse unico, a livello globale, per l’ampiezza dei margini di inserimento che esso offre, pur in presenza di importanti complessità. Tra i settori strategici per l’internazionalizzazione delle imprese italiane si segnalano le infrastrutture, la meccanica e meccatronica, le energie rinnovabili, il comparto automobilistico,  il settore delle tecnologie agroalimentari e dell’ICT. Le principali aree geografiche di insediamento delle imprese italiane in India sono i poli industriali di Delhi-Gurgaon-Noida e di Mumbai-Pune.

Il paese sta guardando con molto interesse alle potenzialità frutto della cooperazione tra Italia e India nell’ambito agri-food e agri-tech. A tal riguardo è importante segnalare la recente novità sulla questione relativa alla certificazione Ogm Free per le esportazioni di alcuni prodotti italiani in India, tra cui le mele, che ha finalmente trovato una soluzione che a breve potrà essere stabilizzata. Un risultato che è costato grande fatica e impegno da parte di numerosi soggetti, con i molti produttori rappresentati in modo particolare da Assomela. La vicenda, per molti aspetti insensata, considerato il divieto alla coltivazione di piante Ogm in Europa, è esplosa nelle ultime settimane, in vista del termine del primo marzo per l’entrata in vigore.  L’ordine delle autorità indiane risale all’agosto del 2020 è il dossier è stato trattato a partire dalle fasi iniziali dall’Unione Europea, che tuttavia sta ancora negoziando una esenzione dell’Ue dalla necessità di emettere il certificato o, in alternativa, l’emissione di una dichiarazione Ogm free una tantum valida per tutti gli stati membri.

Mele del Trentino' nuova IGP italiana - Prodotti Tipici - ANSA.it

Dopo settimane di confronto sia in Italia che con le autorità indiane, si è giunti finalmente ad una conclusione che permetterà, con il coinvolgimento delle autorità fitosanitarie, di continuare ad esportare le mele in India, con un sospiro di sollievo degli operatori. L’india si sta rivelando negli ultimi anni un paese strategico per la collocazione delle mele europee, soprattutto per alcune varietà ed in annate cariche di prodotto.

La condivisione degli obiettivi è di strategica importanza per assicurare il giusto e motivato coinvolgimento di tutti gli attori e per assicurare l’esportazione dei prodotti Made in Italy all’estero, in modo particolare in un momento come quello che stiamo vivendo. Ribadiamo che l’Italia, nella stagione 2018-2019 ha raggiunto il record di 48.081 tonnellate di mele esportate in India, per un valore di 40,9 milioni di euro, permettendo all’Europa, scalzando gli Usa, di diventare il primo fornitore di mele di questo paese.

  • Contattaci per info

  • Domenico Letizia
    Domenico Letizia
    Giornalista.
    Scopri l'offertaMedia partner

    Ultime news

    Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

    Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

    La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
    Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

    Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

    Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
    Marchi collettivi made in italy imprese del sud

    Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

    Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
    Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

    Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

    No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
    Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

    L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

    Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
    spot_img

    Economia

    Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

    La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

    Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

    Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

    Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

    Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

    L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

    Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
    - Advertisement -spot_img