18.5 C
Roma
sabato, 31 Ottobre 2020

L’Emilia Romagna accelera sull’export in Canada

#MadeinER è il nuovo programma per l’internazionalizzazione della filiera agroalimentare e del turismo enogastronomico della regione Emilia Romagna.

-

- Advertisment -

Il nuovo programma per l’internazionalizzazione della filiera dell’Emilia Romagna punta sulla promozione digitale verso paesi focus.  #MadeinER è il nuovo programma per la promozione e l’internazionalizzazione della filiera agroalimentare e del turismo enogastronomico della regione emiliano-romagnola. Una serie di appuntamenti strategici, quali incontri d’affari virtualilezioni di educazione al gusto online, esibizioni di show cooking via internet e sviluppo dell’e-commerce regionale.

#MadeinER punta alle imprese nelle province canadesi del Québec e della British Columbia, dove il progetto promozionale sarà sviluppato in partnership con le Camere di Commercio italiane all’estero di Montréal e di Vancouver e in sinergia con Unioncamere Emilia-Romagna e con il Ministero degli affari Esteri, per consolidare le iniziative portate avanti negli ultimi tre anni, sulla scia delle due missioni istituzionali svolte nel biennio 2018-2019. Da segnalare, nell’ambito della Settimana della cucina italiana, una masterclass dedicata alla cultura gastronomica regionale organizzata a novembre in collaborazione con Casa Artusi, con la partecipazione di una cinquantina di operatori qualificati del canale Horeca, ovvero, ristoratori, chef, sommelier, responsabili acquisti e altri operatori della filiera. Nell’ambito dello sviluppo della promozione digitale è prevista la mappatura delle potenzialità dell’e-commerce in tutto il Canada che sta registrando una costante crescita di vendite online dei prodotti alimentari e potrebbe pertanto rappresentare un’interessante opportunità anche per i produttori emiliano-romagnoli.

Un progetto che segna un cambio di passo nella strategia di valorizzazione dei prodotti di qualità certificata di cui l’Emilia-Romagna detiene il record in ambito europeo, con ben 44 specialità tra marchi Dop e Igp. L’obiettivo è quello di consolidare gli ottimi risultati conseguiti grazie ai progetti e alle azioni promozionali sviluppate nei due Paesi negli anni scorsi, con un deciso colpo d’acceleratore nell’utilizzo delle moderne tecnologie informatiche come piattaforme digitali, portali web e applicazioni dedicate. Le iniziative in Canada sono state realizzate in collaborazione con numerosi e qualificati partner tra cui Unioncamere Emilia-Romagna, Apt servizi, Ministero dello Sviluppo economico, Camere di commercio italiane all’estero e con il supporto di Art-Er, Società consortile dell’Emilia-Romagna per la ricerca, l’innovazione e l’internazionalizzazione e sono state precedute da una serie di azioni propedeutiche svolte nel corso delle settimane scorse. Anche in questo caso le istituzioni economiche hanno avviato un deciso colpo d’acceleratore nell’utilizzo delle moderne tecnologie informatiche come portali web e applicazioni dedicate. Le imprese che parteciperanno agli incontri d’affari virtuali provengono da tutte le province dell’Emilia-Romagna e appartengono a tutte le categorie merceologiche: prodotti da forno, pasticceriapasta e altri grani (25 aziende); aceto e olio d’oliva (14); prosciutto e altri salumi (21); caffè (6); aziende multiprodotto (9); frutta e verdura (9); prodotti lattiero-caseari (4). Tra queste ben 29 sono aziende biologiche, 40 produttori certificati Dop/Igp e altre 14 aziende che si segnalano per prodotti innovativi.

Ricordiamo che un elemento positivo dei negoziati tra il Canada e le imprese europee è rappresentato dall’opportunità che l’Europa ha ottenuto per la tutela di alcune specifiche IG europee in Canada, laddove prima non poteva essercene nessuna. Per l’Italia, nel CETA, sono coinvolte 41 denominazioni DOP e IGP (corrispondenti a 36 prodotti agroalimentari) e complessivamente il CETA tutela il 98% dell’export di prodotti DOP e IGP in Canada.

Euromed International Trade propone alle imprese del network ed ai propri clienti, impegnate e desiderose di entrare sui mercati internazionali, un’offerta completa di servizi integrati con focus specifico il Canada. Il modello messo a punto parte dalla consapevolezza che nell’ambiente altamente competitivo dell’economia attuale, caratterizzata dal libero movimento di merci, servizi, capitali e risorse a livello globale, l’internazionalizzazione dell’impresa non si identifica più con la sola attività di export, ma prevede anche la collaborazione con le imprese del Canada, l’apertura di filiali commerciali o produttive ed altre attività. Per maggiori informazioni compila il seguente form:

Domenico Letizia
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Advertisement -

Ultime news

ANGI approda in Svizzera: accordo con il gruppo Stelva

0
I giovani innovatori italiani lanciano una nuova collaborazione per diffondere la cultura dell'innovazione e la digitalizzazione

Il Blockchain Forum Italia torna in versione digitale

0
Particolare attenzione sarà rivolta al tema della formazione con la presenza dello sponsor MACTT

UK-Giappone: accordo commerciale per il post Brexit

0
A Tokyo la firma del nuovo trattato: inizia l'era commerciale post Brexit

DIDAYS, l’analisi: come le aziende preparano la ripartenza

0
Come sono cambiati i trend e le necessità delle imprese, quali misure sono utili per ripartire e quali insegnamenti sono utili per la ripartenza.

Campania e Puglia protagonisti nell’export dell’ortofrutta

0
Nel secondo trimestre 2020, mostrano una buona tenuta i distretti del Mezzogiorno che limitano le perdite di export sui mercati esteri al 5,7%.

Economia

Campania e Puglia protagonisti nell’export dell’ortofrutta

Nel secondo trimestre 2020, mostrano una buona tenuta i distretti del Mezzogiorno che limitano le perdite di export sui mercati esteri al 5,7%.

Brexit, Regno Unito e le politiche comunitarie sull’Iva

Da gennaio 2021, il governo del Regno Unito introdurrà un nuovo modello per il trattamento, la gestione e i pagamenti dell'Iva.

Export, il traino per la ripresa dell’Italia

E' in corso fino al 30 ottobre il primo convegno virtuale e gratuito su Export e Internazionalizzazione

I nuovi bandi per le imprese della Regione Umbria

Misure ad hoc per startup, innovazione, ricerca e sviluppo

Campania e Puglia protagonisti nell’export dell’ortofrutta

Nel secondo trimestre 2020, mostrano una buona tenuta i distretti del Mezzogiorno che limitano le perdite di export sui mercati esteri al 5,7%.

Brexit, Regno Unito e le politiche comunitarie sull’Iva

Da gennaio 2021, il governo del Regno Unito introdurrà un nuovo modello per il trattamento, la gestione e i pagamenti dell'Iva.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -