12.1 C
Rome
domenica, Maggio 9, 2021
spot_imgspot_img

Legge di bilancio 2018. Ecco le nuove trappole e tasse fiscali

-

- Advertisment -spot_img

Legge di Bilancio 2018: 27 trappole fiscali e 30 miliardi di nuove tasse per contribuenti ed imprese. A denunciarlo è Unimpresa, che smaschera la stangata prevista dal Governo.

Legge di Bilancio 2018: stangata in arrivo per contribuenti e imprese, con ben 27 trappole fiscali e una somma di nuove tasse da pagare che si aggira intorno di 30 miliardi di euro.

Non si tratta sempre di tasse o imposte vere e proprie, è il caso di specificare, ma di una serie di novità che nascondono costi “occulti” a carico degli imprenditori e dei contribuenti, come per il rinvio dell’entrata in vigore dell’Iri o l’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria a partire dal 2019.

Una serie di novità fiscali previste dalla Legge di Bilancio 2018 che, secondo Unimpresa, saranno l’ennesima stangata per i contribuenti, con un carico di 11,7 miliardi nel 2017, 9,5 miliardi nel 2019 e 8,3 miliardi nel 2020 in più da versare nelle casse dello Stato.

Legge di Bilancio 2018: 27 trappole fiscali e 30 miliardi di nuove tasse

Le novità fiscali previste dalla Legge di Bilancio 2018 dovrebbero portare circa 30 miliardi di euro in più di maggiori entrate nel prossimo triennio. Una serie di misure e che, secondo Unimpresa, graveranno ancora una volta sui contribuenti.

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, non si tratterà tanto di vere e proprie tasse, ma di novità che complicheranno ancor di più la vita del cosiddetto “popolo delle partite Iva” e non solo.

Nuove tasse occulte per imprese e famiglie

La stangata non colpirà soltanto le imprese e i contribuenti titolari di partita Iva ma saranno anche le famiglie a sentire il peso delle novità fiscali introdotte dalla Legge di Bilancio 2018.

Trappola fiscale che, in questo caso, si traduce nella proroga con modifiche dell’Ecobonus, ad esempio, per il quale a partire dal 2018 la detrazione fiscale non sarà sempre del 65% ma verrà differenziata sulla base degli obiettivi di risparmio energetico conseguiti.

Leggi l’articolo completo su: https://www.money.it

Ultime news

Il Canada, l’Italia e il Ceta. NE PARLIAMO CON… Tony Loffreda, senatore canadese

Interessante approfondimento per analizzare i rapporti tra Italia e Canada e l'accordo del CETA con il senatore italo-canadese Tony Loffreda.

Anima rinnova il suo impegno per la Diaspora africana

ANIMA Investment Network, partner di Euromed International Trade, rinnova il suo impegno in favore della diaspora operando a fianco di Expertise France e GIZ...

UE-Africa-Caraibi-Pacifico: conclusi i negoziati post-Cotonou

0
La sigla odierna del nuovo accordo di partenariato tra l'Unione europea (UE) e i membri dell'Organizzazione degli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico...

Nuove opportunità UE con il Programma per il Mercato unico

0
L’obiettivo è rafforzare la collaborazione tra gli Stati membri e la Commissione al fine di garantire la corretta applicazione e il rispetto della legislazione europea.

I 20 principi del pilastro europeo dei Diritti sociali

La Commissione Europea ha emanato il “Pilastro europeo dei Diritti sociali” un documento per mettere nero su bianco i valori guida e relative azioni istituzionali, sia in ambito comunitario che negli Stati membri, per consegnare ai cittadini un’Europa forte, equa, inclusiva e ricca di opportunità.
spot_img

Economia

Anima rinnova il suo impegno per la Diaspora africana

ANIMA Investment Network, partner di Euromed International Trade, rinnova il suo impegno in favore della diaspora operando a fianco...

UE-Africa-Caraibi-Pacifico: conclusi i negoziati post-Cotonou

La sigla odierna del nuovo accordo di partenariato tra l'Unione europea (UE) e i membri dell'Organizzazione degli Stati dell'Africa,...

Nuove opportunità UE con il Programma per il Mercato unico

L’obiettivo è rafforzare la collaborazione tra gli Stati membri e la Commissione al fine di garantire la corretta applicazione e il rispetto della legislazione europea.

Cartelle rinviate in extremis e nuovi oneri: il futuro incerto delle Pmi

Il MEF conferma lo stop delle cartelle esattoriali fino al 31 Maggio. Ma la CNA denuncia 2 milioni di nuovi oneri

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img