33.1 C
Rome
giovedì, Luglio 29, 2021
spot_imgspot_img

Le principali ragioni per fare export

-

- Advertisment -

L’attuale scenario economico nazionale, sin dal tramonto della crisi economica globale iniziata nel 2008, impone alle imprese la necessità di valutare le opportunità di business offerte dai mercati esteri. Anche in tempi difficili le imprese esportatrici sono state in grado di reggere la competizione internazionale legata ai bassi costi di produzione di alcuni Paesi emergenti grazie a una notevole capacità di adattamento (anche dal punto di vista settoriale) e spostando la propria strategia di export su altri fattori quali il brand, la qualità dei prodotti, la rete di distribuzione e i servizi post-vendita.

Tutte queste imprese, grazie alla loro intraprendenza, hanno toccato con mano e possono farsi testimoni di quali sono i vantaggi che derivano dall’internazionalizzazione. Ecco i principali:

Crescita del fatturato

Naturalmente l’apertura a uno o più mercati esteri consente di arrivare a con la propria offerta di beni e servizi a più potenziali clienti e di allargare in maniera significativa la propria fetta di mercato: questo aumenterà a ruota la redditività dell’impresa, il fatturato, la competitività, le dimensioni, le risorse da reinvestire nell’attività produttiva e la capacità di resistere a situazioni di recessione che coinvolgono il solo mercato interno.

Sfruttare la stagionalità dei mercati

Ampliando i mercati in cui opera, l’azienda che offre prodotti caratterizzati da una stagionalità, ossia vendibili soprattutto in alcuni periodi dell’anno (gelati, climatizzatori, attrezzatture per il giardinaggio etc…) potrà avere una stabilità produttiva raggiungendo i paesi che in un preciso momento saranno attraversati dal periodo più favorevole, beneficiando di un ciclo produttivo continuo che, accanto ai maggiori ricavi, assicurerà un’ottimizzazione dei costi di produzione.

Allungare la vita di un prodotto

Più nuovi mercati, in questo caso anche emergenti, consentiranno a un prodotto di accedere a un nuovo pubblico una volta che sarà diventato fuori moda o superato da altre innovazioni nei contesti interni. Le usanze e la fruibilità delle merci non viaggiano sempre di pari passo in qualsiasi parte del mondo, e la grande novità di ieri in un mercato avanzato può essere la novità di oggi un nuovo mercato emergente: questo per l’impresa significa espandere il ciclo produttivo per ottimizzare ancor di più l’investimento sostenuto per il lancio nel mercato di un determinato prodotto.

Conoscere per innovare

La conoscenza di nuovo mercato offre all’impresa una visione più ampia sulle necessità del pubblico, ma anche su idee, pensieri, stili di vita ed esperienze diverse. Tutto questo rappresenta un vantaggio per l’impresa, sia al fine di sviluppare nuove idee sia per affrontare in maniera adeguata eventuali cambiamenti del mercato.

Essere competitivi a casa propria

Esperienze, competenze e risorse acquisite all’estero sono sempre spendibili anche nel mercato di origine per sfruttare una maggiore competitività rispetto alla concorrenza, che magari chiudendo i propri confini non ha avuto a portata di mano ispirazioni e processi evolutivi da spendere per la conquista del pubblico conteso.

Ultime news

Università di Cassino e MACTT insieme per una formazione a vocazione internazionale

0
L’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, in Italia, e la Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade (MACTT), istituto di Alta Formazione con...

ll rilancio della moda italiana e dell’abbigliamento per bambini

0
Secondo i dati ISTAT, con riferimento al solo segmento bebè, da gennaio a marzo 2021 l’export presenta un’inversione di tendenza, mostrando una timida variazione in aumento, pari al +0,7%.

Digital Innovation Days 2021: partecipa con Imprese del Sud

Il Digital Innovation Days, l’evento italiano più atteso del mondo digital, ritorna anche quest’anno con un’edizione innovativa e con la partnership di Imprese del...

Catalogna: alleanza strategica con i “motori” economici UE

0
Le regioni Catalogna, Auvergne-Rhône-Alpes, Baden-Wurttemberg e Lombardia hanno lanciato l'alleanza "Quattro Motori per l'Europa" con lo scopo di incoraggiare il commercio, gli investimenti e...
digital_business

Legge Sabatini: le novità del 2021 per le PMI

0
Il contributo verrà erogato dal MiSe in un'unica soluzione indipendentemente dall'importo del finanziamento deliberato e l'erogazione in un'unica soluzione avviene ad investimento ultimato.
spot_img

Economia

ll rilancio della moda italiana e dell’abbigliamento per bambini

Secondo i dati ISTAT, con riferimento al solo segmento bebè, da gennaio a marzo 2021 l’export presenta un’inversione di tendenza, mostrando una timida variazione in aumento, pari al +0,7%.

Catalogna: alleanza strategica con i “motori” economici UE

Le regioni Catalogna, Auvergne-Rhône-Alpes, Baden-Wurttemberg e Lombardia hanno lanciato l'alleanza "Quattro Motori per l'Europa" con lo scopo di incoraggiare...

Scambi e partenariato economico tra Ghana e Unione europea

La notizia della recente liberalizzazione per l'export europeo crea ulteriori aspettative di sviluppo economico e diversificazione commerciale, generando implementazione degli scambi sia per il Ghana che per la stessa Unione europea.

European Partnership on Innovative SMEs: il bando per le PMI innovative

E' stato pubblicato il bando European Partnership on Innovative SMEs (HORIZON-EIE-2021-INNOVSMES-01) del Programma di lavoro 2021-2022 European Innovation Ecosystems...
- Advertisement -spot_img