24.2 C
Rome
giovedì, Giugno 30, 2022
spot_imgspot_img

“Le aziende non conoscono o trascurano i fondi UE”

Il dato preoccupante emerge dalla ricerca "La comunicazione aziendale in lingua straniera" promossa dal Prof. Salvatore Averna

-

- Advertisment -

Le aziende non usufruiscono a sufficienza di servizi e fondi promossi a livello europeo: il dato emerge dalla ricerca “La Comunicazione aziendale in lingua straniera”, un’indagine condotta tra un campione di imprese pugliesi da parte del Prof. Salvatore Averna, che è stata presentata di recente in esclusiva sui canali di Imprese del Sud.

Illustrando i dati raccolti dalle aziende oggetto di indagine, il Prof. Averna ha fatto emergere un quadro preoccupante legato ai rapporti delle aziende con le istituzioni europee, le quali, come ben sa chi legge il portale Imprese del Sud, mettono sempre a disposizione numerosi fondi che si concretizzano in straordinarie opportunità di crescita. Opportunità che spesso, purtroppo, non vengono colte.

Secondo la ricerca del Prof. Averna, il 62,5% delle imprese intervistate non usufruisce di fondi europei, rispetto a un 37,5% che ha dichiarato di averne fatto ricorso in virtù di un’attenzione dedicata alle sinergie con le istituzioni europee. Tra le motivazioni principali raccolte da parte di chi non valorizza l’opportunità dei finanziamenti europei, emerge che molte aziende, e in particolare Pmi, trascurano o ignorano i fondi europei.

Secondo il Prof. Salvatore Averna, tuttavia, il problema non va ricondotto ai singoli imprenditori bensì alle istituzioni che non riescono a portare alle imprese le informazioni in modo corretto. I bisogni delle aziende, pertanto, sono quelli di acquisire formazione e di avere un affiancamento efficace da parte degli organismi di supporto.

E qui emerge anche un problema sul piano linguistico, che è il principale oggetto dell’indagine condotta sulla comunicazione aziendale. Perché la difficoltà di arrivare ad intercettare e a capire a fondo i bandi deriva proprio dal fatto che questi ultimi sono presentati in lingua inglese. E questo va in contrasto con la situazione di Pmi che spesso non hanno risorse professionali adeguate, in termini numerici e qualitativi, per approcciarsi con immediatezza e naturalezza a provvedimenti e documenti in lingua straniera. Inoltre, soltanto l’11% di aziende si rivolge a forme di supporto esterno per le traduzioni.

Quanto le stesse aziende possono fare di loro iniziativa, invece, nonostante le difficoltà di navigazione e orientamento nel mare di opportunità che arrivano dall’Europa, è rivolgersi a professionisti del settore, e a consulenti che siano capaci di operare con efficacia nel mondo dell’Europrogettazione sia per la ricerca dei bandi che per lo sviluppo dei progetti ad essi legati, anche grazie a competenze nelle lingue straniere.

Va ricordato, infine, che una consulenza esterna spesso non comporta un costo per l’impresa, in quanto può essere finanziata da incentivi oppure viene remunerata dai maggiori introiti che arrivano in seguito a una crescita del fatturato.

Di seguito è disponibile la presentazione completa promossa da Imprese del Sud.

Per avvalerti di un supporto efficiente e professionale nell’accesso ai fondi europei contatta il team di Euromed International Trade compilando il seguente form.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

brevetti

Protezione brevetti: il 50% dei proventi resta all’inventore

Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare le reti di imprese agricole...
imprese servizi

Cresce il fatturato delle imprese di servizi

Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
bundestag

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero scambio CETA tra l'Unione Europea...
ceta business forum

Il grande successo del CETA Business Forum: ora via al network UE-Canada

Oltre 500 partecipanti (60% europei e 40% canadesi), 50 relatori e più di 30 partner ufficiali provenienti dall'Unione Europea e dal Canada: sono questi...
spot_img

Economia

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare...

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere...
- Advertisement -spot_img