21.8 C
Rome
mercoledì, Giugno 29, 2022
spot_imgspot_img

L’agroindustria in Brasile e le opportunità per l’Italia

Offrire alle aziende italiane orientamento e informazioni sul mercato sudamericano per la crescita del settore agroindustria.

-

- Advertisment -

La Regione Lazio, in collaborazione con l’ufficio ICE di San Paolo, ha recentemente organizzato il digital meeting  dedicato alla Filiera dell’agroindustria in Brasile: Il ruolo della GDO nei processi di esportazione e le crescenti opportunità di Business per le PMI italiane“.

L’appuntamento, che si è svolto in modalità digitale, è realizzato in collaborazione con Unioncamere Lazio ed ha avuto l’obiettivo di offrire alle aziende del Lazio orientamento e informazioni sul mercato brasiliano dell’agroindustria, con particolare riferimento alla domanda rapportata ai punti di forza dell’offerta italiana ed alle barriere esistenti per operare in questo mercato. Le importazioni brasiliane di prodotti agroalimentari e bevande ammontano  a cifre importantissimi nel 2020, cifra in rialzo del 4,75% rispetto all’anno precedente. L’Italia è il nono fornitore nel comparto, con quota del 2,7%. Tra i fornitori europei, gli italiani figurano alla seconda posizione dopo i portoghesi, la cui quota è del 4,75%.

Le principali categorie di prodotti che il Brasile importa dall’Italia sono Vini, Paste Alimentari, Kiwi, Olio d’Oliva, Pomodori in Conserva e Prodotti della Panetteria e Pasticceria. Le rispettive quote in valori sull’import di prodotti Made in Italy (USD 231,127 mln nel 2020) sono 15,58%, 13,69%, 9,44%, 8,50%, 7,80% e 6,39%. Altri importanti categorie sono Cioccolata (6,01%), Riso (3,41%), Formaggi Stagionati (1,32%), Farine di Frumento (1,26%), Caffè (1,20%) e Aceti (0,90%).

Mentre crescono le importazioni italiane dal Brasile di prodotti dell’agricoltura, pesca e silvicoltura, prodotti alimentari (+12,5%, Euro 217,2 milioni), e metalli preziosi e non ferrosi ( +58%, Euro 274,1 milioni), l’Italia importa meno pasta-carta, carta e cartone (-32,4%, Euro 345,2 milioni), minerali metalliferi ferrosi (-42,4%, Euro 135,3 milioni), cuoio conciato e lavorato (-34,8%, Euro 100 milioni), prodotti della siderurgia. In termini di flussi, secondo i dati pubblicati ad aprile 2019 dal Ministero dell’Economia brasiliano, l’Italia è diventato il principale investitore tra i Paesi che hanno firmato un memorandum d’intesa in materia di facilitazione di investimenti (Stati Uniti, Cina, Giappone e Francia).

Per sviluppare ulteriori sinergie con il paese, affidarsi ad Euromed International Trade vuol dire ricevere un’offerta completa di servizi integrati, dall’individuazione delle aree e dei mercati esteri in cui operare, alla definizione delle strategie d’ingresso, al coinvolgimento di tutta l’organizzazione aziendale nello svolgimento delle attività operative connesse all’internazionalizzazione.

  • Contattaci per info

  • spot_imgspot_img
    Domenico Letizia
    Domenico Letizia
    Giornalista.
    Scopri l'offertaMedia partner

    Ultime news

    imprese servizi

    Cresce il fatturato delle imprese di servizi

    Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
    bundestag

    C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

    I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero scambio CETA tra l'Unione Europea...
    ceta business forum

    Il grande successo del CETA Business Forum: ora via al network UE-Canada

    Oltre 500 partecipanti (60% europei e 40% canadesi), 50 relatori e più di 30 partner ufficiali provenienti dall'Unione Europea e dal Canada: sono questi...
    sviluppo coesione

    Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

    La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una fase di forte mobilitazione per...
    arif virani

    CETA Business Forum: la seconda giornata di incontri

    E' iniziata con grande entusiasmo la prima edizione del CETA Business Forum. L'evento di matching online dedicato allo sviluppo di scambi e opportunità tra...
    spot_img

    Economia

    C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

    I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

    Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

    La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...

    Al via gli incentivi per le imprese creative

    Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere...

    Nuovo bando canadese per l’innovazione accelerata dei materiali

    Il Consiglio Nazionale delle Ricerche Canada (NRC) lancia un bando nell'ambito dei programmi Materials for Clean Fuels and Artificial...
    - Advertisement -spot_img