8.6 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

La Francia monitora i social contro l’evasione fiscale

Il Paese transalpino ha avviato una prima sperimentazione di tre anni

-

- Advertisment -

Monitoraggio dei social network come strumento di lotta all’evasione fiscale: l’idea arriva dalla Francia, che per effetto di un decreto pubblicato il 13 febbraio 2021, che specifica i termini di applicazione dell’articolo 154 della legge finanziaria per il 2020, istituisce un sistema di monitoraggio innovativo da parte dell’amministrazione fiscale.

In sostanza l’Agenzia delle Entrate francese potrà utilizzare le piattaforme digitali per verificare la congruenza con le dichiarazioni dei redditi presentate dai contribuenti e dai cittadini che si dichiarano domiciliati all’estero, ma che in realtà attraverso i post sui social media fanno emergere una presenza costante nel Paese.

Il sistema sarà sottoposto ad una prima sperimentazione della durata di tre anni, e vedrà l’utilizzo di un algoritmo di apprendimento automatico per identificare parole chiave, rapporti o anche indicazioni di date e luoghi per consentire di rilevare eventuali attività fraudolente. Gli agenti potranno controllare i social network più noti come Facebook, Twitter e Instagram, ma altri siti web quali Airbnb.

Questo monitoraggio è stato pensato per non cadere nella trappola delle regole in vigore per la violazione della privacy. Un parere della Commissione nazionale per l’informatica e le libertà, ossia l’authority della privacy francese, ha infatti indicato che i dati possono essere raccolti e utilizzati se soddisfano due condizioni cumulative: essere liberamente accessibili su un servizio di comunicazione al pubblico, ed essere chiaramente resi pubblici dagli utenti dei siti. Le autorità fiscali non potranno conservare i dati oltre i 30 giorni se non viene dimostrata la loro utilità, e oltre un anno se indicano attività fraudolenta.

La sperimentazione francese di questo nuovo modello di controlli fiscali potrebbe generare risultati anche sorprendenti, che inevitabilmente farebbero da modello anche per altri Paesi, a partire dall’Italia.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img