20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

La Spagna promuove i suoi prodotti agricoli in Canada

-

- Advertisment -spot_img

L’ attualità economica dei paesi del Mediterraneo post emergenza coronavirus vede rafforzare le relazioni economiche e commerciali tra Spagna e Canada, sopratutto in ambito agroalimentare. Tale collaborazione va intensificandosi grazie all’Accordo del Ceta. Il Ceta non modifica in alcun modo le norme e i regolamenti in vigore nell’Unione Europea in materia di sicurezza alimentare, sicurezza dei prodotti, protezione dei consumatori, salute, ambiente, protezione sociale e lavoro, e tutte le importazioni dal Canada devono soddisfare le normative dell’Unione Europea in materia di prodotti agroalimentari. Il Ceta è un notevole passo in avanti per promuovere e tutelare davvero le tipicità dei prodotti europei, come quelli italiani. I ministeri spagnoli della pesca, dell’alimentazione, dell’industria, del commercio e del turismo hanno sottoscritto un accordo di collaborazione per promuovere arance e mandarini prodotti in Spagna nel mercato canadese per una durata di tempo di tre anni. Una campagna finanziata con 400.000 euro, finalizzata a consolidare la posizione commerciale del settore degli agrumi ispanici nel nord America e rafforzare la reputazione in rapporto ad altri concorrenti commerciali europei. Importante è anche l’elemento comunicazione e digitale inserito all’interno della campagna promozionale. Tra le azioni commerciali previste ricordiamo la partecipazione della Canadian Produce Marketing Association (CPMA), con lo svolgimento di eventi pubblici in Canada attraverso fiere e incontri tra consumatori e distributori. Gli incontri saranno promossi e incentivati attraverso azioni di promozione online, campagne social e piattaforme digitali per i consumatori.

L’obiettivo della campagna commerciale, che vi sarà dal 2020 al 2022, è quello di consolidare la reputazione degli agrumi spagnoli al fine di aumentarne il consumo interno in Canada, un consumo che viene registrato in aumento nel periodo di pandemia sanitaria globale. Secondo i dati elaborati dal Citrus Management Committee (CGC), le esportazioni di agrumi nel periodo di marzo sono aumentate del 15%, raggiungendo quasi mezzo milione di tonnellate. Una tendenza al rialzo della domanda internazionale destinata a crescere anche nel corso dei prossimi mesi. L’esportazione di arance e mandarini da parte della Spagna continua a crescere, dall’entrata in vigore dell’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Canada (Ceta). Nel 2019, l’esportazione di arance è cresciuta del 60% e quella dei mandarini è aumentata di oltre il 30%.

Il Canada è già il mercato di destinazione primario per alcuni prodotti e paesi europei importanti. Il paese nord americano vede il primato sulle importazioni di agrumi spagnoli superando Svizzera e Norvegia. Il nuovo accordo commerciale, generatosi grazie al Ceta, risulta molto positivo sia per gli acquirenti canadesi che per gli esportatori spagnoli, poichè i controlli fitosanitari hanno rafforzato la fiducia dei consumatori e degli esportatori. Ad un’analisi generale, che vede e conferma una riduzione globale del consumo di agrumi del 23,9% rispetto alla stagione 2018/19 (22,4% nelle arance e 28,9% dei mandarini), e nonostante il crollo delle vendite in destinazioni importanti fuori Unione Europea, come gli Stati Uniti (a causa dei dazi) o la Cina (a causa dello scoppio della crisi sanitaria), le entrate che vengono registrate in Canada appaiono davvero importanti e funzionali alla crescita delle relazioni economiche tra Spagna e Canada.

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img