-1.4 C
Rome
venerdì, Gennaio 21, 2022
spot_imgspot_img

Agroalimentare e Ceta: un dibattito contro le fake news

-

- Advertisment -

Smontare le fake news legate al Focus sul CETA, l’accordo commerciale di libero scambio UE-Canada, in un webinar promosso da Euromed International Trade per descrivere le opportunità dell’accordo nell’ambito dell’export e della valorizzazione del Made in Italy. Il volume “Speciale CETA – Export e tutela del Made in Italy“, curato dagli studiosi Francesco Barbera e Arianna Crea, pubblicato su iniziativa di Sergio Passariello, CEO di Euromed International Trade, presentato durante una conferenza online organizzata dal quotidiano economico finanziario Money.it, ha sviscerato numerose tematiche in rapporto all’export tra Italia e Canada.

Tra i vari elementi analizzati vi è stato anche un approfondimento specifico dedicato alle opportunità dell’agroalimentare italiano in Canada e ai vantaggi della cooperazione in tale settore. Tra gli argomenti maggiormente oggetto di critiche all’interno del CETA, vi è la sicurezza alimentare e il potenziale rischio di abbassamento degli standard qualitativi e alimentari dei paesi dell’Unione Europea. È stato ampiamente discusso, infatti, l’eventuale ingresso negli Stati Membri di merci canadesi potenzialmente dannose o, comunque, con standard qualitativi sensibilmente inferiori rispetto a quelli europei. Tuttavia, alla luce del Capo 5 del CETA, relativo alle “misure sanitarie e fitosanitarie”, si applicano le definizioni contenute nell’allegato A dell’Accordo SPS (Sanitary and Phytosanitary measures) già ratificato da Canada e dai 20 stati facenti parte della Comunità Europea. Il controllo in materia delle misure e delle prescrizioni SPS è esercitato in forma congiunta tra le agenzie nazionali degli Stati Membri e la Commissione Europea, affidando agli Stati Membri la responsabilità del controllo della conformità delle importazioni canadesi alle condizioni di importazione stabilite dell’Unione Europea.

Risulta quindi evidente che nessun prodotto può essere introdotto nel mercato europeo, e di conseguenza in quello italiano, senza la garanzia del rispetto dei requisiti sanitari e fitosanitari sanciti dalle normative europee e nazionali.

A titolo di esempio, i formaggi prodotti a partire da latte pastorizzato o da latte non pastorizzato e latte crudo stagionati per almeno 60 giorni esportati dal Canada all’Unione Europea, il Canada deve valutare i sistemi di analisi di rischio e punti critici di controllo (“HACCP”) degli stabilimenti che non sono riconosciuti nell’ambito del programma Food Safety Enhancement Program (“FSEP”)-HACCP per accertarsi che operino conformemente ai principi HACCP. Appaiono quindi del tutto infondate le critiche rivolte all’utilizzo di pesticidi non autorizzati nei territori dell’Unione, o alle sostanze potenzialmente nocive che potrebbero essere importate dal Canada.

Il Ceta non modifica in alcun modo le norme e i regolamenti in vigore nell’Unione Europea in materia di sicurezza alimentare, sicurezza dei prodotti, protezione dei consumatori, salute, ambiente, protezione sociale e lavoro, e tutte le importazioni dal Canada devono soddisfare le normative dell’Unione Europea in materia di prodotti agroalimentari. Il Ceta è un notevole passo in avanti per promuovere e tutelare davvero la tipicità italiana e per contrastare il cosiddetto “Italian sounding”. Chi denuncia l’alterazione i pericoli per il settore dell’agroalimentare italiano, a causa dell’Accordo del Ceta, semplicemente continua a diffondere fake news per affossare le opportunità e i vantaggi che potrebbero nascere da tali accordi.

Ultime news

Competitività, digitalizzazione ed economia circolare: il bando per le Pmi del Veneto

0
Sostenere la competitività, la digitalizzazione e l'economia circolare: è l'obiettivo del nuovo bando della Regione Veneto per le Pmi.

Euromed presenta il “Voucher Internazionalizzazione”

0
Euromed International Trade presenta il nuovo Voucher Internazionalizzazione, rivolto a tutte le imprese che nel 2022 intendono avviare un percorso strutturato per entrare in...

Sustainability Partnerships: il bando per le Pmi

È aperto il bando “Sustainability Partnerships for SMEs adopting more sustainable practices”, promosso dall'Agenzia esecutiva del Consiglio europeo dell'innovazione e delle PMI (EISMEA) nell'ambito...

La Brexit fa sul serio: via alla burocrazia di frontiera

0
Dal 1° gennaio 2022 la Brexit sta facendo sul serio con l'entrata in vigore del vero apparato burocratico di frontiera da parte del Regno...

Imprese del Sud: il nuovo catalogo servizi per le aziende

Il team di Imprese del Sud è entusiasta di lanciare l'ultimo aggiornamento al catalogo servizi, dedicato al miglioramento della visibilità
spot_img

Economia

Competitività, digitalizzazione ed economia circolare: il bando per le Pmi del Veneto

Sostenere la competitività, la digitalizzazione e l'economia circolare: è l'obiettivo del nuovo bando della Regione Veneto per le Pmi.

Euromed presenta il “Voucher Internazionalizzazione”

Euromed International Trade presenta il nuovo Voucher Internazionalizzazione, rivolto a tutte le imprese che nel 2022 intendono avviare un...

Sustainability Partnerships: il bando per le Pmi

È aperto il bando “Sustainability Partnerships for SMEs adopting more sustainable practices”, promosso dall'Agenzia esecutiva del Consiglio europeo dell'innovazione...

Regione Umbria: pubblicato il bando Travel

E’ stato pubblicato nel BUR della Regione Umbria il bando TRAVEL, la nuova misura dedicata all’internazionalizzazione delle micro e...
- Advertisement -spot_img