7.2 C
Rome
venerdì, Febbraio 3, 2023
spot_imgspot_img

La segretezza dell’offerta è inviolabile.

Il TAR Piemonte ha stabilito il principio giuridico della segretezza dell'offerta con la sentenza n. Sez. II, 30/12/2022, n. 1218.

-

- Advertisment -

La sentenza in questione riguarda un ricorso presentato da una ditta partecipante ad una gara d’appalto che sostiene che l’aggiudicataria ha violato il principio di segretezza delle offerte e il preciso schema temporale previsto dalla stazione appaltante, trasmettendo contestualmente via pec, nell’ambito della medesima finestra temporale e con unico invio, sia il file dell’offerta tecnica che quello dell’offerta economica, rendendo anticipatamente conoscibile il ribasso percentuale proposto.

La procedura di gara consisteva nell’invio della documentazione e delle offerte tecniche ed economiche tramite posta elettronica certificata (PEC), secondo una scansione temporale specificata nel documento “timing di gara” allegato al bando.

Gli adempimenti successivi all’invio della documentazione amministrativa venivano comunicati direttamente dalla Stazione appaltante ai concorrenti durante la gara.

La seconda classificata ha presentato ricorso, sostenendo che l’aggiudicataria aveva inviato contemporaneamente via PEC, entro la stessa finestra temporale e con un unico invio, sia il file dell’offerta tecnica che quello dell’offerta economica, rendendo pubblico il ribasso percentuale proposto in violazione del principio di segretezza delle offerte e del preciso schema temporale previsto dalla stazione appaltante.

In particolare il Collegio giudicante ha ritenuto che la modalità di trasmissione adottata dalla controinteressata siano state illegittime in quanto hanno reso disponibile alla commissione di gara l’offerta economica contemporaneamente a quella tecnica violando il principio di separazione tra le due offerte.

La necessaria segretezza dell’offerta economica è imposta per garantire l’imparzialità e il buon andamento dell’azione amministrativa. La procedura di gara è stata condotta senza l’ausilio di una piattaforma telematica di negoziazione e l’amministrazione ha ritenuto adeguato l’invio della documentazione tramite posta elettronica certificata. Il ricorso a piattaforme telematiche consente la tracciabilità delle operazioni di gara e garantisce la segretezza dell’offerta economica fino alla valutazione dell’offerta tecnica.

Segretezza dell’offerta a prova di PEC

“Nel caso di specie, al contrario, l’invio in un’unica pec dei due files dell’offerta tecnica ed economica rende possibile l’anticipata conoscenza dello sconto praticato dal concorrente, poiché non vi sono impedimenti all’apertura dei files medesimi, né strumenti che consentano di tenerne traccia o di ricostruire il momento in cui gli stessi vengono visionati (tali non essendo la firma digitale e la marcatura temporale). Peraltro, la trasmissione delle offerte neppure è stata prevista presso una casella di posta elettronica certificata appositamente dedicata allo svolgimento della procedura di gara, con accesso limitato, ma all’indirizzo istituzionale dell’ente a cui possono accedere potenzialmente più soggetti.”

In questo contesto, non è importante se la commissione giudicatrice ha effettivamente visionato i contenuti dell’offerta economica prima di aver concluso l’esame di quella tecnica, perché il principio di segretezza dell’offerta protegge non solo la sua effettiva lesione ma anche il semplice rischio di pregiudizio.

La semplice possibilità di conoscenza dell’entità dell’offerta economica prima di quella tecnica è sufficiente a compromettere la garanzia di imparzialità della valutazione e rischia di alterarla in astratto.

Pertanto, il vizio che emerge inficia la procedura di gara e non lascia alcuno spazio per garantire la non conoscibilità dell’offerta economica prima dell’esame della proposta tecnica, attualizzando così il rischio di violazione del principio di segretezza dell’offerta.

Stefano Colombetti
Stefano Colombettihttps://www.studiolegalecolombetti.it/
Si occupa di diritto civile, penale ed amministrativo sia in ambito giudiziale avanti Giudice di Pace, Tribunale, Corte d’Appello, T.a.r., Consiglio di Stato e Corte di Cassazione, sia nella definizione stragiudiziale delle controversie. Collabora dal 2006 con il Prof. Avv. Ernesto Stajano del Foro di Roma. Ricopre numerosi incarichi con nomina del Tribunale di Milano e di Busto Arsizio quale Delegato alla vendita di immobili sottoposti ad esecuzione, immobili all'asta e quale Amministratore di Sostegno e Tutore; è stato altresì nominato Corrispondente Culturale della Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade (MACTT), ONG di diritto Maltese ed è fondatore di un Club Rotary in Milano.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img