13.1 C
Rome
giovedì, Ottobre 28, 2021
spot_imgspot_img

La Romania ratifica il CETA: nuovo passo avanti per il rilancio

Con il via libera di Bucarest sono 15 gli Stati membri che hanno proceduto alla conferma dell'accordo con il Canada

-

- Advertisment -

La notizia sta rimbalzando in queste ore via Twitter: anche la Romania ha ratificato il CETA, aggiungendosi all’elenco degli Stati pronti ad adottare l’accordo commerciale sottoscritto nel 2017 tra Unione Europea e Canada con piena efficacia.

Sono ora 15 gli Stati membri, oltre la metà degli attuali 28, che hanno messo il sigillo sul CETA con l’approvazione finale da parte dei parlamenti nazionali. Spiace che all’appello manchi ancora l’Italia.

La ratifica è stata accolta con soddisfazione da Canada Trade, ente governativo dedicato al commercio canadese, che si è detto impaziente di stringere relazioni commerciali sempre più forti tra i due Paesi, nella speranza di ricavarne opportunità di valore anche nella prospettiva di un rilancio economico post Covid.

Tra i settori più strategici della Romania sui quali puntare gli affari di scambio, Canada Trade ha individuato le infrastrutture, le tecnologie legate all’informazione e alla comunicazione, e le energie rinnovabili.

Ad accogliere con toni trionfali la notizia, sempre via Twitter, è anche l’ambasciata canadese in Romania, che ha definito la ratifica del CETA come un importante step per le relazioni tra i due Paesi. L’ambasciata ha ringraziato i partner romeni, mettendosi immediatamente a disposizione per guidare le imprese canadesi alla ricerca di nuove opportunità nel Paese dell’Est Europa.

A commentare la notizia è stata anche Mary Ng, Ministro canadese titolare delle deleghe per le Piccole Imprese, il Commercio Internazionale e la promozione dell’Export: “Grande notizia! Il CETA è un accordo ambizioso che offre alle nostre piccole e medie imprese una via d’accesso preferenziale al mercato europeo, incluso quello della Romania. Questo significa più clienti, più lavoro e più opportunità per il rilancio economico e la crescita futura“.

Il think tank Imprese del Sud si aggiunge dunque al coro di voci entusiaste: “Accogliamo con vero entusiasmo la notizia della ratifica del CETA da parte del Parlamento canadese – afferma il fondatore Sergio Passariellonella speranza che la crisi legata all’emergenza coronavirus e la conseguente fame di rilancio possano imprimere un’accelerata verso la conferma di questo accordo anche da parte degli altri Stati membri, a partire dall’Italia. Inutile parlare dell’importanza dell’export per le nostre imprese se poi alle parole non facciamo seguire i fatti, creando tutte le migliori condizioni per favorire gli scambi commerciali anche con Paesi strategici extraeuropei attraverso l’abbattimento dei dazi, lo snellimento della burocrazia e una serie di altri vantaggi offerti dal CETA. Non è più il tempo di lanciare appelli, che trovano risposte in fake news o scetticismi di stampo sovranista. Superiamo le incertezze con la documentazione e affrontiamo questo passaggio per consegnare una nuova frontiera di scambi per le nostre aziende“.

spot_imgspot_img
Caterina Passariello
Direttore della Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade di Malta. Consulente aziendale e project manager con specializzazione nei processi di internazionalizzazione delle aziende collabora con la rete Malta Business. Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, con una Tesi su come cambia il tracciamento della filiera con Blockchain, con particolare attenzione alla Filiera Agroalimentare. Interessato a internazionalizzazione, blockchain, dlt, smart contract.
- Media partner -Media partner

Ultime news

Platoon: il bando per un settore energetico più digitale

0
È aperta la seconda Open Call del progetto PLATOON per la digitalizzazione del settore energetico, finanziato dal programma Horizon 2020. Il bando sosterrà 7 piccole...

Energie rinnovabili e green economy al centro di Medaweek

0
L'edizione 2021 di Medaweek Barcelona darà un particolare risalto all'importanza di guidare le economie del Mediterraneo verso un futuro più sostenibile grazie alle energie...

Il rischio geopolitico: un fattore chiave nell’internazionalizzazione

0
Nelle attività commerciali all'estero ogni azienda deve essere consapevole dei rischi cui va incontro. Tra questi, uno dei più noti è di certo il...

GEN4OLIVE: il bando per le Pmi del settore olivicolo

0
Il progetto GEN4OLIVE ha lanciato il suo 1° bando per le PMI con idee innovative nel settore olivicolo. Il bando finanzierà attività di pre-coltivazione delle...

PMI al centro di una nuova alleanza UE-Africa

0
Non potevano mancare all'appello Euromed International Trade e il partner Malta Business in occasione dell'evento UE-Africa SME Summit 2021, che si è tenuto nei...
spot_img

Economia

Platoon: il bando per un settore energetico più digitale

È aperta la seconda Open Call del progetto PLATOON per la digitalizzazione del settore energetico, finanziato dal programma Horizon...

Il rischio geopolitico: un fattore chiave nell’internazionalizzazione

Nelle attività commerciali all'estero ogni azienda deve essere consapevole dei rischi cui va incontro. Tra questi, uno dei più...

GEN4OLIVE: il bando per le Pmi del settore olivicolo

Il progetto GEN4OLIVE ha lanciato il suo 1° bando per le PMI con idee innovative nel settore olivicolo. Il bando...

PMI al centro di una nuova alleanza UE-Africa

Non potevano mancare all'appello Euromed International Trade e il partner Malta Business in occasione dell'evento UE-Africa SME Summit 2021,...
- Advertisement -spot_img