12.1 C
Rome
domenica, Maggio 9, 2021
spot_imgspot_img

La Corte dei Conti boccia la riforma del danno erariale

L'esito dell'audizione dei magistrati contabili in Senato

-

- Advertisment -spot_img

La riforma del danno erariale contenuta nel decreto Semplificazioni viene bocciata dalla Corte dei Conti.

La misura limitava la responsabilità dei soggetti sottoposti alla giurisdizione della Corte ai soli casi di dolo, tranne che per i danni cagionati da omissione o inerzia, a partire dal 17 luglio, data di entrata in vigore del decreto, e fino al 31 luglio 2021.

Secondo la Corte il provvedimento deresponsabilizza l’operato dei pubblici dipendenti minando alla base qualsiasi processo di selezione meritocratica degli stessi, in quanto si rinuncia a richiedere il risarcimento dei danni commessi con somma imperizia, imprudenza e negligenza.

A esprimersi in tal senso con una requisitoria piuttosto critica è stata una delegazione della Corte Conti, composta dal presidente Angelo Buscema e dai magistrati delle sezioni riunite in sede di controllo Mauro Orefice (relatore), Francesco Petronio e Angelo Quaglini, tutti convocati in audizione dinanzi alle commissioni Affari Costituzionali e Lavori Pubblici del Senato.

I magistrati contabili hanno sottolineato come l’eliminazione, seppur temporanea, della responsabilità da danno erariale per fatti commessi con colpa grave contrasti con l’introduzione di nuove previsioni di responsabilità erariale riferite a condotte sia omissive che commissive: basti pensare all’obbligo di motivare la mancata stipula del contratto nel termine previsto, che nello stesso articolo del decreto stabilisce come la condotta venga valutata ai fini della responsabilità erariale e disciplinare del dirigente preposto.

Gabriele Fava, vicepresidente del consiglio di presidenza della Corte dei Conti, ha chiesto al parlamento di valutare la possibilità di integrare il testo in relazione alla colpa grave, ampliando il campo di intervento con altri strumenti propri delle funzioni della Corte, quali il controllo preventivo di legittimità e l’attività consultiva nelle materie di contabilità pubblica, che produrrebbe l’effetto di rendere più certa e tempestiva l’attività dei dirigenti pubblici quali responsabili unici dei procedimenti, che troppo spesso si trovano in situazioni incerte e poco chiare.

Ultime news

Il Canada, l’Italia e il Ceta. NE PARLIAMO CON… Tony Loffreda, senatore canadese

Interessante approfondimento per analizzare i rapporti tra Italia e Canada e l'accordo del CETA con il senatore italo-canadese Tony Loffreda.

Anima rinnova il suo impegno per la Diaspora africana

ANIMA Investment Network, partner di Euromed International Trade, rinnova il suo impegno in favore della diaspora operando a fianco di Expertise France e GIZ...

UE-Africa-Caraibi-Pacifico: conclusi i negoziati post-Cotonou

0
La sigla odierna del nuovo accordo di partenariato tra l'Unione europea (UE) e i membri dell'Organizzazione degli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico...

Nuove opportunità UE con il Programma per il Mercato unico

0
L’obiettivo è rafforzare la collaborazione tra gli Stati membri e la Commissione al fine di garantire la corretta applicazione e il rispetto della legislazione europea.

I 20 principi del pilastro europeo dei Diritti sociali

La Commissione Europea ha emanato il “Pilastro europeo dei Diritti sociali” un documento per mettere nero su bianco i valori guida e relative azioni istituzionali, sia in ambito comunitario che negli Stati membri, per consegnare ai cittadini un’Europa forte, equa, inclusiva e ricca di opportunità.
spot_img

Economia

Anima rinnova il suo impegno per la Diaspora africana

ANIMA Investment Network, partner di Euromed International Trade, rinnova il suo impegno in favore della diaspora operando a fianco...

UE-Africa-Caraibi-Pacifico: conclusi i negoziati post-Cotonou

La sigla odierna del nuovo accordo di partenariato tra l'Unione europea (UE) e i membri dell'Organizzazione degli Stati dell'Africa,...

Nuove opportunità UE con il Programma per il Mercato unico

L’obiettivo è rafforzare la collaborazione tra gli Stati membri e la Commissione al fine di garantire la corretta applicazione e il rispetto della legislazione europea.

Cartelle rinviate in extremis e nuovi oneri: il futuro incerto delle Pmi

Il MEF conferma lo stop delle cartelle esattoriali fino al 31 Maggio. Ma la CNA denuncia 2 milioni di nuovi oneri

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img