12.2 C
Roma
mercoledì, 21 Ottobre 2020

La Commissione Europea e il sostegno all’agroalimentare

-

- Advertisment -

Considerando la situazione straordinaria creata dall’emergenza pandemia, la Commissione Europea ha presentato nuove misure in aggiunta al ventaglio di provvedimenti a sostegno del settore agroalimentare. 

La Commissione intende favorire gli agricoltori con l’aumento degli anticipi sui pagamenti diretti (dal 50% al 70%) e sui pagamenti per lo sviluppo rurale (dal 75% all’85%). In questo modo, i beneficiari inizieranno a ricevere il sostegno economico già da metà ottobre. Non solo, quello che si vuole sviluppare è anche una rivoluzione tecnologica del settore, permettendo di poter gestire al meglio le proprie attività anche in modalità da remoto.

Gli Stati membri dell’UE potranno utilizzare strumenti tecnologici, come ad esempio le immagini satellitari o  le foto geo-taggate, per sostituire le tradizionali visite in azienda e controllare l’attività agricola sul campo. Di conseguenza, diminuiranno gli oneri amministrativi e si eviteranno ritardi nella gestione delle domande di aiuto per garantire il sostegno agli agricoltori nel più breve tempo possibile.

L’invito a presentare proposte per accedere ai 200 milioni di euro di cofinanziamento è aperto ad organizzazioni di produttori, consorzi, gruppi di produttori e gruppi agroalimentari responsabili di attività promozionali. La quota maggiore dei fondi sarà assegnata a campagne per mercati ad alto reddito procapite o in forte espansione economica, come Canada, Cina, Giappone, Corea, Messico e Stati Uniti. Nel nuovo pacchetto, secondo il commissario Wojciechowski, potrebbe esserci anche la possibilità di una nuova proroga del termine di scadenza per la presentazione delle domande per gli aiuti diretti, già posticipato in via straordinaria dal 15 maggio al 15 giugno. Altri potenziali provvedimenti sarebbero relativi alla semplificazione dei controlli e all’eventualità per i paesi membri di anticipare gli aiuti diretti. Secondo i dati della Commissione europea, il 93% dei 100 miliardi di euro del Fondo europeo per lo Sviluppo Rurale 2014-20 sono già impegnati (83% a livello dei beneficiari), quindi i restanti 7 miliardi potrebbero essere usati per le nuove misure. 

In Italia, i fondi UE non impegnati dovrebbero attestarsi tra 1 e 1,5 miliardi, cui vanno aggiunti i contributi nazionali e regionali. Ricordiamo che in Italia l’agroalimentare non si è mai fermato (insieme a farmaceuticaenergia e logistica) e il Dpcm del 22 marzo già consente a una serie di aziende di andare avanti con determinate produzioni qualora dimostrino, e comunichino alle prefetture, che tale attività sia necessaria alle imprese ritenute indispensabili. Tuttavia, il settore agroalimentare non può andare avanti senza la riaperture di altre filiere funzionali, da quella della componentistica a quella delle macchine agricole industriali. Ad oggi, secondo i dati di Coldiretti, il 70% delle imprese agroalimentare esportatrici a marzo ha segnalato un calo delle vendite per le disdette. A pagare il conto più pesante sono stati il settore del vino e del florovivaismo, ma difficoltà sono segnalate anche per ortofruttaformaggisalumi e conserve.

Per affrontare le problematiche registrate va ribadito che la Politica agricola europea è in una fase di transizione. È necessaria continuità, ma occorrono anche norme chiare perché si registrano ritardi nell’approvazione del Quadro Finanziario Pluriennale 2021-2027 e della PAC post 2020. Questo è il dato fondamentale emerso dal rapporto della Corte dei conti UE, relazione secondo la quale i ritardi rinvieranno di almeno un anno l’applicazione di una PAC più ambiziosa. Di qui la necessità di usare “il tempo supplementare per affrontare le sfide climatico-ambientali illustrate nel Green Deal, assicurare una solida governance della futura PAC e puntellarne il quadro”.

Emergenze, priorità ed iniziative che pongono sulla stessa bilancia il destino di Italia ed Europa e che la Commissione Europea vuole affrontare con il dovuto pragmatismo. “Una buona notizia che viene incontro alle sollecitazioni ed esigenze delle aziende. Allo stesso tempo ritengo positiva l’apertura sulle altre richieste inoltrate: sostenere la filiera alimentare in questo momento è di fondamentale importanza per l’Italia è per l’Europa”, ha commentato il ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova.

Domenico Letizia
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Advertisement -

Ultime news

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

0
Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

0
Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

0
Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Economia

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -