8 C
Rome
venerdì, Gennaio 28, 2022
spot_imgspot_img

La Cina nei Balcani grazie alla collaborazione universitaria

La cooperazione in ambito accademico apre nuovi scenari

-

- Advertisment -

L’influenza della Cina nei Balcani continua a crescere e la comunità internazionale osserva con molta attenzione il fenomeno. La collaborazione universitaria è al centro delle dinamiche relazionali tra i Balcani e la Cina. Un recentissimo progetto universitario ha sollevato l’attenzione sull’influenza della Cina nel contesto universitario ungherese. Un progetto che ha suscitato numerose polemiche a causa della non trasparenza degli atti e delle modalità di cooperazione accademica. Inoltre, una recente problematica è stata sollevata anche in Serbia, dove l’influenza della Cina, continua a crescere e dove alcuni giornalisti provano a fare luce sulla solidità di tali legami. I giornalisti di Radio Free Europe, Reid Standish, Ljudmila Cvetkovic e Maja Zivanovic, hanno posto l’attenzione sui programmi culturali e formativi alla base degli accordi, denunciando la scarsa trasparenza pubblica sugli atti dell’avvenuta collaborazione. 

Università di Belgrado - Wikipedia

Attualmente, Pechino gode di un legame fortissimo con la Serbia e con il presidente Aleksandar Vucic. I due paesi stanno rafforzando la collaborazione universitaria e sono ben tre le autorevoli università della Serbia che hanno adoperato iniziative e scelte accademiche in linea con la Cina. Le università serbe sono l’Università di Belgrado, l’Università di Novi Sad e l’Università di Nis che hanno firmato un accordo di cooperazione con l’Università Jiao Tong di Shanghai, sviluppando una partnership culturale, accademica e formativa. A colpi di cooperazione culturale, scambi universitari e miliardi di dollari, Pechino ha racimolato infrastrutture, come il porto del Pireo in Grecia, approfittando della crisi del debito e moltiplicando il credito nei Balcani per progetti che non avrebbero ottenuto altri finanziamenti. Un’influenza che ha inquietato sempre di più l’Europa.

Balcani: i montenegrini vogliono proteggere una lingua che non esiste -  Sputnik Italia

La posta in gioco è principalmente geopolitica, ed è in questo modo che dev’essere analizzata la vicenda. L’Europa ha ignorato per troppo tempo i Balcani. Altre problematiche provengono anche da alcune regioni che avevano posto fiducia sulle politiche della Cina e ora chiedono aiuto all’Europa. Nel corso del mese di Giugno del 2021, il Montenegro dovrà iniziare a ripagare il debito al governo cinese, ma non solo non ha denaro per ripagare la Cina, ma la grande opera autostradale per cui si è intrapresa la collaborazione non è stata realizzata. A costruire l’autostrada doveva essere un’azienda cinese, la China Road & Bridge Corporation: il prestito è stato concesso a patto che fosse un’azienda cinese con materiali e lavoratori cinesi a occuparsi del progetto. Ma questa azienda non è riuscita a concludere l’autostrada e ha generato debiti per lo stato balcanico.  L’influenza cinese nella regione è da monitorare costantemente come le politiche accademiche intraprese nei Balcani.  

spot_imgspot_img
Domenico Letizia
Giornalista.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

fondo sace simest

Fondo SACE SIMEST: quasi un miliardo alle Pmi

0
Il fondo per l'internazionalizzazione gestito da Simest ha finora incassato 6.500 domande di agevolazione per 912 milioni di euro circa.
Menotti Lippolis

Menotti Lippolis: “L’Italia rischia di perdere l’occasione del PNRR”

L'intervento del presidente di Confindustria Brindisi, Gabriele Menotti Lippolis, al quotidiano economico e finanziario Borsen-Zeitung.

MACTT rilancia il corso online di Europrogettazione

E' disponibile online il nuovo Corso di Europrogettazione promosso dalla MACTT (Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade): quindici ore di lezione con esperti...

Istruzione: un passaporto per l’innovazione e il successo

0
Mentre la disoccupazione continua a seguire una curva ascendente, una grande maggioranza di aziende si lamenta della carenza di talenti, avendo difficoltà a trovare...

ASCAME e WestMED: alleanza per l’economia blu

ASCAME e WestMED hanno firmato un memorandum d'intesa con l'obiettivo di creare una collaborazione nella promozione dell'economia blu
spot_img

Economia

Fondo SACE SIMEST: quasi un miliardo alle Pmi

Il fondo per l'internazionalizzazione gestito da Simest ha finora incassato 6.500 domande di agevolazione per 912 milioni di euro circa.

Competitività, digitalizzazione ed economia circolare: il bando per le Pmi del Veneto

Sostenere la competitività, la digitalizzazione e l'economia circolare: è l'obiettivo del nuovo bando della Regione Veneto per le Pmi.

Euromed presenta il “Voucher Internazionalizzazione”

Euromed International Trade presenta il nuovo Voucher Internazionalizzazione, rivolto a tutte le imprese che nel 2022 intendono avviare un...

Sustainability Partnerships: il bando per le Pmi

È aperto il bando “Sustainability Partnerships for SMEs adopting more sustainable practices”, promosso dall'Agenzia esecutiva del Consiglio europeo dell'innovazione...
- Advertisement -spot_img