22.4 C
Rome
lunedì, Luglio 4, 2022
spot_img

La Cina nei Balcani grazie alla collaborazione universitaria

La cooperazione in ambito accademico apre nuovi scenari

-

- Advertisment -

L’influenza della Cina nei Balcani continua a crescere e la comunità internazionale osserva con molta attenzione il fenomeno. La collaborazione universitaria è al centro delle dinamiche relazionali tra i Balcani e la Cina. Un recentissimo progetto universitario ha sollevato l’attenzione sull’influenza della Cina nel contesto universitario ungherese. Un progetto che ha suscitato numerose polemiche a causa della non trasparenza degli atti e delle modalità di cooperazione accademica. Inoltre, una recente problematica è stata sollevata anche in Serbia, dove l’influenza della Cina, continua a crescere e dove alcuni giornalisti provano a fare luce sulla solidità di tali legami. I giornalisti di Radio Free Europe, Reid Standish, Ljudmila Cvetkovic e Maja Zivanovic, hanno posto l’attenzione sui programmi culturali e formativi alla base degli accordi, denunciando la scarsa trasparenza pubblica sugli atti dell’avvenuta collaborazione. 

Università di Belgrado - Wikipedia

Attualmente, Pechino gode di un legame fortissimo con la Serbia e con il presidente Aleksandar Vucic. I due paesi stanno rafforzando la collaborazione universitaria e sono ben tre le autorevoli università della Serbia che hanno adoperato iniziative e scelte accademiche in linea con la Cina. Le università serbe sono l’Università di Belgrado, l’Università di Novi Sad e l’Università di Nis che hanno firmato un accordo di cooperazione con l’Università Jiao Tong di Shanghai, sviluppando una partnership culturale, accademica e formativa. A colpi di cooperazione culturale, scambi universitari e miliardi di dollari, Pechino ha racimolato infrastrutture, come il porto del Pireo in Grecia, approfittando della crisi del debito e moltiplicando il credito nei Balcani per progetti che non avrebbero ottenuto altri finanziamenti. Un’influenza che ha inquietato sempre di più l’Europa.

Balcani: i montenegrini vogliono proteggere una lingua che non esiste -  Sputnik Italia

La posta in gioco è principalmente geopolitica, ed è in questo modo che dev’essere analizzata la vicenda. L’Europa ha ignorato per troppo tempo i Balcani. Altre problematiche provengono anche da alcune regioni che avevano posto fiducia sulle politiche della Cina e ora chiedono aiuto all’Europa. Nel corso del mese di Giugno del 2021, il Montenegro dovrà iniziare a ripagare il debito al governo cinese, ma non solo non ha denaro per ripagare la Cina, ma la grande opera autostradale per cui si è intrapresa la collaborazione non è stata realizzata. A costruire l’autostrada doveva essere un’azienda cinese, la China Road & Bridge Corporation: il prestito è stato concesso a patto che fosse un’azienda cinese con materiali e lavoratori cinesi a occuparsi del progetto. Ma questa azienda non è riuscita a concludere l’autostrada e ha generato debiti per lo stato balcanico.  L’influenza cinese nella regione è da monitorare costantemente come le politiche accademiche intraprese nei Balcani.  

spot_imgspot_img
Domenico Letizia
Domenico Letizia
Giornalista.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

esportazione

Non imponibilità: i documenti per dimostrare l’esportazione

In tema di esportazioni al di fuori del territorio dell'UE, ai fini della fruizione del regime di non imponibilità, la destinazione dei beni all’esportazione...
turismo

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo attraverso la digitalizzazione e l’innovazione. Il...
brevetti

Protezione brevetti: il 50% dei proventi resta all’inventore

Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare le reti di imprese agricole...
imprese servizi

Cresce il fatturato delle imprese di servizi

Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
spot_img

Economia

Turismo, il bando RESETTING per Pmi digitali e sostenibili

Sul portale Funding&Tender opportunities è stato pubblicato il bando RESETTING, per il rilancio del turismo sostenibile e intelligente europeo...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare...

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...
- Advertisement -spot_img