25.9 C
Rome
domenica, Maggio 19, 2024
spot_imgspot_img

L’Italia si affida al grano duro canadese: le importazioni quadruplicate durante la campagna 2022-23

L'Italia adotta un'inattesa svolta: l'importazione di grano duro canadese per far fronte alla crescente domanda di pasta nel mercato italiano.

-

- Advertisment -

L’Italia sta divorando il grano duro canadese velocemente. Ha acquistato 1,09 milioni di tonnellate di raccolto durante i primi otto mesi della campagna 2022-23, quasi quadruplicando il volume totale dell’anno scorso. Il secondo maggiore acquirente è l’Algeria con 648.400 tonnellate.

Secondo Leif Carlson, direttore dell’intelligence di mercato e della politica commerciale di Cereals Canada, il più grande esportatore di pasta al mondo consuma ogni anno una grande quantità di grano e avrà sempre bisogno di importare grano duro dall’estero e dall’Unione Europea per soddisfare la domanda. Tuttavia, la produzione di grano duro in Italia è diminuita lo scorso anno, mentre il Canada ha avuto un forte rimbalzo nella produzione, creando una situazione ideale per l’importazione di grano canadese.

Nonostante ciò, la legge italiana sull’etichettatura obbligatoria del paese di origine (MCOOL) in vigore dal 2017 ha creato non pochi problemi al mercato canadese. Questa legge, insieme a una campagna diffamatoria condotta dalla Coldiretti, una delle organizzazioni agricole italiane, ha offuscato la reputazione internazionale del grano duro canadese. Secondo Carlson, il grano duro canadese ha eccellenti proprietà di colore, proteine e glutine.

Tuttavia, la legislazione MCOOL italiana è oggetto di controversie. La Commissione europea ha annunciato nel 2020 l’intenzione di estendere le leggi MCOOL esistenti come parte di una più ampia iniziativa sull’etichettatura degli alimenti. Ciò potrebbe influire sul commercio di grano duro non solo tra Canada e Italia, ma anche all’interno dell’Unione Europea.

Cereals Canada ritiene che un sistema di etichettatura volontario sia la soluzione migliore, poiché l’implementazione di regole obbligatorie aumenterebbe i costi senza una reale necessità. È difficile prevedere come saranno le vendite canadesi in Italia e negli altri paesi dell’UE nel 2023-24 a causa dei rapporti contrastanti sui livelli di fornitura nella regione.

Annachiara Saguatti, analista di mercato di Areté, una società italiana di intelligence agroalimentare, ha fornito alcune prospettive sul raccolto italiano e sulle importazioni dell’UE nel prossimo anno. Prevede che il raccolto italiano 2023-24 e il raccolto francese saranno buoni, mentre il raccolto spagnolo sarà significativamente ridotto a causa della siccità. Le importazioni totali dell’UE nel 2023-24 sono stimate a 2,1 milioni di tonnellate da Saguatti, inferiore alla stima della Commissione europea.

Nonostante le sfide nel mercato globale del grano duro, il Canada sta vivendo un aumento delle esportazioni verso l’Italia a causa delle interruzioni delle spedizioni attraverso il Mar Nero a seguito del conflitto in Ucraina.

L’Italia, essendo il più grande mercato mondiale della pasta, importa la maggior parte della semola di grano duro che utilizza. Tuttavia, a causa della siccità che ha colpito la Pianura Padana e delle restrizioni sulle spedizioni di grano dal Mar Nero, l’Italia si è rivolta al Canada per soddisfare la sua domanda di grano duro.

Le esportazioni di grano duro canadese verso l’Italia sono aumentate rapidamente, raggiungendo un milione di tonnellate durante i primi otto mesi della stagione di raccolto 2022-23.

Il grano duro, conosciuto anche come “grano maccheroni”, è la seconda specie più coltivata dopo il grano tenero. È stato sviluppato attraverso la selezione artificiale in Europa centrale e nelle steppe eurasiatiche intorno al 7000 a.C. Questa varietà di grano è particolarmente adatta per la produzione di semola e pasta, grazie al suo alto contenuto di glutine.

Grano duro: Rispetto a queste dinamiche, in Italia regna il silenzio.

Questa svolta improvvisa ha lasciato molti osservatori perplessi. Cosa ha spinto l’Italia a cambiare radicalmente la propria posizione sul grano duro canadese? Dopo anni di campagne diffamatorie e di un’etichettatura obbligatoria che equiparava il grano canadese al veleno, sembrava che le relazioni commerciali, sull’argomento, tra i due paesi fossero irrimediabilmente compromesse.

Tuttavia, il contesto internazionale ha fatto sì che l’Italia si trovasse di fronte a una scelta difficile. Le restrizioni sulle spedizioni di grano dal Mar Nero a seguito del conflitto in Ucraina hanno messo a dura prova l’approvvigionamento di grano duro nel paese. La produzione interna era già stata colpita da una siccità devastante, rendendo necessario trovare alternative per soddisfare la domanda di pasta nel mercato italiano.

In questa situazione di emergenza, il governo italiano ha ceduto alle pressioni e ha consentito un aumento delle importazioni di grano canadese. Le preoccupazioni riguardo al glifosato e agli organismi geneticamente modificati sembrano essere state messe da parte di fronte all’urgenza di garantire un approvvigionamento stabile di grano duro per l’industria della pasta italiana.

Questa inversione di rotta ha generato un’atmosfera di silenzio in Italia. Gli attivisti e gli agricoltori che un tempo lottavano contro il grano duro canadese sembrano aver accettato la nuova realtà, ma resta comunque un senso di ambiguità. Molti si chiedono se questa scelta sia dettata da necessità immediate o se rappresenti un cambiamento strategico a lungo termine.

Indipendentemente dalle motivazioni, una cosa è chiara: il grano duro canadese sta nuovamente conquistando terreno in Italia. Dopo anni di dispute commerciali e controversie, il paese nordamericano sta tornando ad essere un fornitore affidabile per uno dei piatti nazionali italiani più amati: la pasta.

Ora, l’Italia deve affrontare le sfide della nuova realtà. Come si adatterà l’industria della pasta alla dipendenza da importazioni di grano duro? Come reagiranno gli agricoltori italiani di fronte alla concorrenza straniera? E cosa significa tutto ciò per l’etichettatura degli alimenti e le politiche agricole dell’Unione Europea?

Sono domande che richiedono risposte, mentre l’Italia si avventura in un nuovo capitolo della sua storia legata al grano duro canadese. In un contesto internazionale in continua evoluzione, il cibo rimane uno dei punti cruciali per la sovranità e l’identità di un paese. E mentre l’Italia guarda al Canada per rifornirsi di grano, si aprono nuove opportunità di collaborazione e di scambio nel settore agroalimentare.

Sergio Passariello
Sergio Passariello
Ho fondato questo portale web nonché la rete "Malta Business", una rete di consulenza, sviluppo e organizzazione aziendale a Malta. Sono CEO di Euromed International Trade e mi occupo di internazionalizzazione del business e sviluppo commerciale. Specializzato in franchising e trattative IT. CEO dell'Accademia Mediterranea di Cultura, Tecnologia e Commercio con sede a Malta, istituto di istruzione superiore autorizzato da NCFHE. Collaboro come freelance con Blasting News e Imprese del Sud, curando articoli e approfondimenti su economia, finanza, tecnologia, innovazione, turismo e cultura.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

B7 Summit Italy - Canadian Chamber in Italy

Evento pre-B7 Summit – “AI: the missing piece of the productivity puzzle?”

Partecipa all'evento pre-B7 Summit sul futuro dell'intelligenza artificiale, organizzato dalla Canadian Chamber of Commerce in collaborazione con la Canadian Chamber in Italy. Discuti il futuro dell'IA il 15 Maggio a Roma.
Assomalta - Apertura sede di Rappresentanza Napoli

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di...

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.
Interreg Europe Cooperazione regionale 2024 - Imprese del Sud

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

0
Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.
Digital Service Act (DSA) 2024 - Imprese del Sud

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.
Diplomi facili nuove regole 2024 - Imprese del Sud

Diplomi facili. In arrivo le nuove Direttive.

Le nuove normative sul rilascio dei diplomi, imporranno limiti agli anni in uno, registro elettronico obbligatorio, regole per il sostegno e l'ammissione di docenti stranieri.
spot_img

Economia

Evento pre-B7 Summit – “AI: the missing piece of the productivity puzzle?”

Partecipa all'evento pre-B7 Summit sul futuro dell'intelligenza artificiale, organizzato dalla Canadian Chamber of Commerce in collaborazione con la Canadian Chamber in Italy. Discuti il futuro dell'IA il 15 Maggio a Roma.

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di Rappresentanza a Napoli.

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.
- Advertisement -spot_img