23.5 C
Rome
lunedì, Giugno 27, 2022
spot_imgspot_img

Italia, il “Bel Paese” per anziani e garantiti: e i giovani scappano

Cresce la soddisfazione di vita, ma anche la fuga dei cervelli

-

- Advertisment -

Nel 2020, in Italia, nonostante la pandemia è aumentata la soddisfazione per la vita nel complesso. Lo certifica l’Istat con il report La soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita, che fotografa la situazione del Paese per l’anno 2020.

I dati parlano di un 44,3% dei cittadini di età superiore ai 14 anni indicare i livelli di punteggio più alti (8-10), mentre il 41,3% giudica la propria vita mediamente soddisfacente (6-7) e il 12,5% la valuta con i punteggi più bassi (0-5). Rispetto al 2019, la quota di chi esprime i punteggi più alti sale quindi dal 43,2% al 44,3%, a scapito sostanzialmente dei punteggi più bassi (dal 14,2% al 12,5%).

Va poi evidenziato che “la condizione occupazionale influisce sul giudizio”, come rileva l’Istat, evidenziando che “chi è occupato o impegnato in una attività formativa (studenti) esprime più frequentemente giudizi molto positivi: il 49,0% degli occupati e il 52,1% degli studenti dichiarano una soddisfazione elevata”. La soddisfazione generale aumenta con la posizione professionale occupata e con il titolo di studio.

A fare da contraltare a questa situazione lusinghiera è l’inarrestabile fuga dei cervelli dall’Italia. L’ultimo Rapporto sul sistema universitario 2021 della Corte dei Conti evidenzia una persistente e costante emorragia dei ‘cervelli in fuga‘ che decidono di andarsene all’estero alla ricerca di migliori prospettive occupazionali e stipendi adeguati.

Un fenomeno “riconducibile sia alle persistenti difficoltà di entrata nel mercato del lavoro sia al fatto che la laurea non offre, come in area Ocse, possibilità d’impiego maggiori rispetto a quelle di chi ha un livello di istruzione inferiore”.

I due rapporti evidenziano una contraddizione, ma sono legati da un filo conduttore, in quanto entrambi confermano come la stabilità e la soddisfazione di vita delle persone, e soprattutto dei giovani, dipendano dalle opportunità occupazionali e dalle condizioni lavorative.

Tale contraddizione evidenzia quindi come l’Italia, se non cambia rotta nelle scelte politiche, sia effettivamente un paese destinato a peggiorare nei prossimi 30 anni a causa della miopia assistenziale che ha preso il sopravvento a scapito delle politiche di crescita indirizzate a favorire opportunità occupazionali per le nuove generazioni.

In sostanza, l’Italia resta un paese per anziani e garantiti. Mentre i giovani scappano dal Bel Paese che amano, e che con le giuste politiche potrebbe renderli più felici.

spot_imgspot_img
Sergio Passariello
Sergio Passariello
Ho fondato questo portale web nonché la rete "Malta Business", una rete di consulenza, sviluppo e organizzazione aziendale a Malta. Sono CEO di Euromed International Trade e mi occupo di internazionalizzazione del business e sviluppo commerciale. Specializzato in franchising e trattative IT. CEO dell'Accademia Mediterranea di Cultura, Tecnologia e Commercio con sede a Malta, istituto di istruzione superiore autorizzato da NCFHE. Collaboro come freelance con Blasting News e Imprese del Sud, curando articoli e approfondimenti su economia, finanza, tecnologia, innovazione, turismo e cultura.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

ceta business forum

Il grande successo del CETA Business Forum: ora via al network UE-Canada

Oltre 500 partecipanti (60% europei e 40% canadesi), 50 relatori e più di 30 partner ufficiali provenienti dall'Unione Europea e dal Canada: sono questi...
sviluppo coesione

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una fase di forte mobilitazione per...
arif virani

CETA Business Forum: la seconda giornata di incontri

E' iniziata con grande entusiasmo la prima edizione del CETA Business Forum. L'evento di matching online dedicato allo sviluppo di scambi e opportunità tra...

CETA Business Forum: si parte

L'attesa è finita. Prende il via oggi la prima edizione del CETA Business Forum, il primo grande evento di matching online dedicato allo sviluppo...
imprese creative

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere investimenti in attività culturali e artistiche,...
spot_img

Economia

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere...

Nuovo bando canadese per l’innovazione accelerata dei materiali

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche Canada (NRC) lancia un bando nell'ambito dei programmi Materials for Clean Fuels and Artificial...

Food: volano gli scambi tra Italia e Nord America

Interscambio tra l’Italia e il Nord America? La vera star è il Food. Lo confermano i dati di ExportPlanning elaborati in esclusiva...
- Advertisement -spot_img