17.8 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

Italia e Israele leader nella ricerca spaziale

Nuovi successi e proficua collaborazione nell'ambito dell’Accordo industriale, scientifico e tecnologico tra Italia e Israele.

-

- Advertisment -spot_img

Collaborare con i migliori in ambito di innovazione per l’implementazione dell’economia del futuro: quella legata alla ricerca spaziale. Una collaborazione di lunga data è quella tra Italia e Israele in ambito spaziale, una collaborazione che le parti vogliono proseguire e intensificare come è stato ribadito all’ ”Italy-Israel industry workshop on Space Technology – A long-term partnership in the space sector”, organizzato presso la sede centrale dell’Agenzia spaziale Italiana, con l’obiettivo di favorire la cooperazione industriale tra i due Paesi, già impegnati nel progetto congiunto per la realizzazione del satellite iperspettrale Shalom.

Nel corso dell’ultima settimana è stato lanciato in orbita dalla base di Kourou (Guyana Francese) il vettore europeo VEGA, di realizzazione italiana per la missione VV16. Progettato e costruito dalla società AVIO di Colleferro in provincia di Roma, VEGA ha rilasciato nello spazio, su quote orbitali diverse, ben 53 nano, micro e minisatelliti. Tra questi il satellite scientifico italo-israeliano cubesat DIDO-3, progetto spaziale italo – israeliano che punta a svolgere quattro esperimenti di biologia e farmacologia in condizioni di microgravità all’interno di un laboratorio che sarà controllato dalla terra attraverso un’applicazione mobile. L’arrivo in orbita del piccolo satellite, che pesa meno di 6 kg, si iscrive tra i successi della proficua collaborazione nell’ambito dell’Accordo industriale scientifico e tecnologico tra Italia e Israele ed è stato sviluppato nell’ambito di un progetto congiunto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e del Ministero della Scienza e della Tecnica israeliano (MOST), con la partecipazione delle agenzie spaziali dei due Paesi, ASI e ISA. L’Italia ha sostenuto i costi del lancio e del rilascio in orbita, avvenuto con il payload dispenser SSMS (Small Spacecraft Mission Service del vettore Vega, prodotto per la maggior parte dall’industria spaziale italiana) e finanziato la realizzazione dei progetti.

Con riguardo a questi ultimi, essi sono stati finanziati dal MAECI e selezionati nel 2018 da una commissione mista bilaterale cui hanno preso parte anche il Ministero della scienza e della tecnologia israeliano e le agenzie spaziali dei due Paesi. Gli esperimenti in microgravità sono stati sviluppati dal laboratorio congiunto tra Italia e Israele da quattro Università italiane: l’Università di Napoli Federico II, l’Università di Roma 2 Tor Vergata, l’Università di Bologna Alma Mater Studiorum e l’Università di Roma 3. Il partner israeliano è Space Pharma, finanziato da ISA e MOST, che ha realizzato il satellite che ha portato gli esperimenti nello spazio.

In questo contesto giocano un ruolo molto importante la cooperazione accademica bilaterale Italia-Israele e la ricerca congiunta. Una buona infrastruttura, che finanzia le ricerche, sia in ambito industriale che universitario, e capacità accademiche di altissimo livello. La diffusione dell’innovazione e della conoscenza sono fattori essenziali per la competitività dei sistemi di impresa e dei contesti produttivi. A tal riguardo Euromed International Trade sta rafforzando la propria collaborazione con partner israeliani al fine di implementare conoscenze e competenze che rappresentano le chiavi per la crescita personale e professionale dei singoli e lo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio.

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img