23.5 C
Rome
lunedì, Giugno 27, 2022
spot_imgspot_img

Italia bocciata nei tempi per i rimborsi Iva

-

- Advertisment -

In Italia un’impresa necessita in media 42 ore per la richiesta dei rimborsi Iva allo Stato: sei volte più tempo rispetto alla media europea di 7 ore. Lo sostiene il rapporto «Paying taxes 2020», realizzato da Banca Mondiale e PwC.

Serve, inoltre, più di un anno per completare il ciclo del rimborso Iva: un totale di 62,6 settimane, contro un livello mondiale di 27,3 settimane (29 nel 2017) e una media europeo di 16,4 (17 settimane l’anno precedente).

Il nostro Paese scende ancora nella classifica generale sulla facilità di adempimento degli obblighi fiscali, piazzandosi al 128° posto (118° posto nel Report pubblicato per il 2017, successivamente rettificato al 116° posto; 112° nel 2016) su 190 paesi nel mondo.

E allo stesso tempo cresce il peso delle imposte. Nel 2018 il carico fiscale complessivo delle imprese è arrivato al 59,1% dei profitti commerciali (53,1% nella classifica precedente) con un ulteriore balzo di 6 punti percentuali rispetto all’anno precedente (+5% nel 2017).

Veniamo alle note positive. Per quanto riguarda i rimborsi Iva, si registra una forte celerità nella correzione degli errori in dichiarazione. Servono in media 5 ore alle imprese italiane per correggere i propri errori dichiarativi, contro le 7 ore europee e le 14,6 mondiali.

Per l’amministrazione digitale, infine, il Fisco italiano si posizione al livello più alto (senza considerare le iniziative sperimentali avviate tramite blockchain) nello sviluppo dei sistemi digitale nei rapporti tra contribuente e Fisco, a seguito dell’introduzione della fatturazione elettronica e del sistema di interscambio (SdI). In termini di controllo sui dati trasmessi dal contribuente e sulla prevenzione delle frodi fiscali e più in generale, nell’amministrazione digitale dell’Iva, infatti, l’Italia si posiziona nel livello III insieme a Spagna, Ungheria e Polonia. Evidentemente, quando si tratta di controllare e riscuotere il sistema Italia conferma la sua massima efficienza.

Ultime news

ceta business forum

Il grande successo del CETA Business Forum: ora via al network UE-Canada

Oltre 500 partecipanti (60% europei e 40% canadesi), 50 relatori e più di 30 partner ufficiali provenienti dall'Unione Europea e dal Canada: sono questi...
sviluppo coesione

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una fase di forte mobilitazione per...
arif virani

CETA Business Forum: la seconda giornata di incontri

E' iniziata con grande entusiasmo la prima edizione del CETA Business Forum. L'evento di matching online dedicato allo sviluppo di scambi e opportunità tra...

CETA Business Forum: si parte

L'attesa è finita. Prende il via oggi la prima edizione del CETA Business Forum, il primo grande evento di matching online dedicato allo sviluppo...
imprese creative

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere investimenti in attività culturali e artistiche,...
spot_img

Economia

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere...

Nuovo bando canadese per l’innovazione accelerata dei materiali

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche Canada (NRC) lancia un bando nell'ambito dei programmi Materials for Clean Fuels and Artificial...

Food: volano gli scambi tra Italia e Nord America

Interscambio tra l’Italia e il Nord America? La vera star è il Food. Lo confermano i dati di ExportPlanning elaborati in esclusiva...
- Advertisement -spot_img