-0.7 C
Rome
venerdì, Gennaio 21, 2022
spot_imgspot_img

Investire al Sud: scetticismo tra le imprese del Nord

Pesano inefficienze, burocrazia e carenza di infrastrutture

-

- Advertisment -

Puglia e Campania sono le regioni scelte dal 52% del campione di oltre 60 presidenti, amministratori delegati e altre figure apicali di imprese del centro-nord con un fatturato medio di 25 milioni di euro, intervistati sulla propensione a investire nel Mezzogiorno.

I dati sono emersi dallo studio ‘Benvenuti al Sud’, presentato di recente a Ostuni dall’associazione pugliese Orbita, che riunisce persone ed esperti di ogni campo per affrontare le sfide del presente e proporre soluzioni per il futuro del Mezzogiorno.

Gli imprenditori intervistati che si dicono favorevoli a investire al Sud corrispondono al 39% del totale. Questi riconoscono al Mezzogiorno, in particolare, un sistema formativo di prim’ordine, preparazione e motivazione delle risorse umane.

Puglia e Campania sono seguite dalla Sicilia, al 44%, Calabria e Basilicata, scelte dal 26% degli intervistati, dal Molise, al 17%, e dalla Sardegna che chiude al 4%. 

Va però evidenziato un dato assai rilevante: il 61% degli imprenditori intervistati non è interessato a investire nel Mezzogiorno ritenendo scarsamente interessante questo mercato (per il 41% di loro) e inefficiente il sistema Paese in quest’area (24%).

A penalizzare i potenziali investimenti sono l’inefficienza della Pubblica Amministrazione, la carenza di infrastrutture, le logiche clientelari, la presenza della criminalità organizzata e una scarsa cultura del business, sempre secondo la percezione degli intervistati.

Le condizioni per cambiare idea e incentivare gli investimenti al Sud sono invece: vantaggi fiscali, una burocrazia più snella, migliori infrastrutture e un più agevole accesso al credito. Altro fattore ritenuto fondamentale nella scelta di un territorio in cui investire è l’offerta formativa, sia universitaria che professionale, che in ogni caso – come già visto – non risulta tra i fattori più penalizzanti per il Mezzogiorno.

Il nostro auspicio – ha affermato il presidente dell’associazione Orbita Luigi De Santis – è che le risorse del PNRR possano incidere positivamente su efficienza della PA e sulle infrastrutture, problemi che il Mezzogiorno si trascina da decenni. Quanto alle logiche clientelari, esse vanno condannate a tutti i livelli ed, eventualmente, perseguite nelle aule dei tribunali. È la meritocrazia, sia nel pubblico che nel privato, che deve prevalere per creare un sistema funzionale alla crescita di un territorio. D’altronde, se tante imprese del Sud riescono a eccellere sui mercati di tutto il mondo nonostante le criticità affrontate ogni giorno, siamo certi che un Mezzogiorno in cui sia più facile fare impresa potrebbe procedere alla stessa velocità del centro-nord, finalmente su un’unica locomotiva italiana”.

 
spot_imgspot_img
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Competitività, digitalizzazione ed economia circolare: il bando per le Pmi del Veneto

0
Sostenere la competitività, la digitalizzazione e l'economia circolare: è l'obiettivo del nuovo bando della Regione Veneto per le Pmi.

Euromed presenta il “Voucher Internazionalizzazione”

0
Euromed International Trade presenta il nuovo Voucher Internazionalizzazione, rivolto a tutte le imprese che nel 2022 intendono avviare un percorso strutturato per entrare in...

Sustainability Partnerships: il bando per le Pmi

È aperto il bando “Sustainability Partnerships for SMEs adopting more sustainable practices”, promosso dall'Agenzia esecutiva del Consiglio europeo dell'innovazione e delle PMI (EISMEA) nell'ambito...

La Brexit fa sul serio: via alla burocrazia di frontiera

0
Dal 1° gennaio 2022 la Brexit sta facendo sul serio con l'entrata in vigore del vero apparato burocratico di frontiera da parte del Regno...

Imprese del Sud: il nuovo catalogo servizi per le aziende

Il team di Imprese del Sud è entusiasta di lanciare l'ultimo aggiornamento al catalogo servizi, dedicato al miglioramento della visibilità
spot_img

Economia

Competitività, digitalizzazione ed economia circolare: il bando per le Pmi del Veneto

Sostenere la competitività, la digitalizzazione e l'economia circolare: è l'obiettivo del nuovo bando della Regione Veneto per le Pmi.

Euromed presenta il “Voucher Internazionalizzazione”

Euromed International Trade presenta il nuovo Voucher Internazionalizzazione, rivolto a tutte le imprese che nel 2022 intendono avviare un...

Sustainability Partnerships: il bando per le Pmi

È aperto il bando “Sustainability Partnerships for SMEs adopting more sustainable practices”, promosso dall'Agenzia esecutiva del Consiglio europeo dell'innovazione...

Regione Umbria: pubblicato il bando Travel

E’ stato pubblicato nel BUR della Regione Umbria il bando TRAVEL, la nuova misura dedicata all’internazionalizzazione delle micro e...
- Advertisement -spot_img