12.1 C
Rome
domenica, Maggio 9, 2021
spot_imgspot_img

Imprese italiane: geografia dell’internazionalizzazione

-

- Advertisment -spot_img

La geografia italiana con la più alta percentuale di internazionalizzazione è quella Nord Italia. Le aziende che investono maggiormente all’estero sono ubicate nel Nord Italia (74,6% delle imprese) con la Lombardia davanti a Veneto e Friuli Venezia Giulia. Al quarto posto l’area di Como, Monza e Brianza (pari merito con il 10,3%) e solo dopo Milano con il 9,7%, ma il capoluogo Lombardo è al primo posto per numeri assoluti (12,9% del campione preso in esame). Chiudono la classifica Crotone, Sud Sardegna, Vibo Valentia, Cosenza, Reggio Calabria e Nuoro, tutte con lo 0,5%.

Un “Super Indice Internazionale (GEN)” che mostra il grado di internazionalizzazione complessiva che i vari sistemi economici regionali possiedono, descrivendo la loro geografia con le prospettive verso l’estero e l’evoluzione di questo indicatore nell’ultimo decennio. Nel 2010, l’indice Generale di internazionalizzazione del Nord Est è stato pari a 11.065 punti, realizzando una variazione positiva del 4,7% rispetto al 2009 e una crescita media annua del 2,6% a partire dal 2006, lievemente inferiore di quella italiana del 3%.

Nel 2011 le esportazioni del Nord Est ammontavano a 115.833 milioni di euro, pari al 33% delle esportazioni totali (pari a 348.383 milioni di euro). Una concentrazione di idee e progetti molto attiva nel Nord Italia. Attualmente VicenzaLecco e Varese sono le tre province ove si concentra la percentuale maggiore di imprese italiane votate all’export. È quanto emerge da un’analisi di Cribis attraverso Margò, la nuova piattaforma per lo sviluppo commerciale e la sua geografia. In particolare, nel report ripreso dal Corriere della Sera , sul gradino più alto del podio c’è Vicenza con l’11,9% di imprese propense all’internazionalizzazione sul totale di quelle attive sul territorio; seguono Lecco (11,4%) e Varese (11,1%). L’internazionalizzazione può rappresentare la linfa della ripresa per le imprese italiane. Prima dell’ emergenza sanitaria, l’export valeva 460 miliardi di euro, circa un quinto del nostro PIL. I mercati esteri torneranno a essere i terminali di sbocco verso i quali reindirizzare i prodotti italiani.

Non dimentichiamo che l’attrattiva del Made in Italy è da sempre il motore delle nostre esportazioni: in un momento in cui i consumi interni saranno in fase di sofferenza e di lento recupero, la via dell’internazionalizzazione diviene ancora più valida. Le nuove prospettive dell’internazionalizzazione e l’incremento indotto dalle tecnologie informatiche e di telecomunicazione hanno prodotto e daranno avvio in Italia ad una sorta di “digitalizzazione a tappe forzate”. Allo stesso modo, la paralisi del mercato interno e la forza delle nostre esportazioni possono rafforzare la “cultura dell’internazionalizzazione” delle PMI. In questo contesto, può essere funzionale investire sulla formazione digitale, superare le barriere della geografia e dell’immobilismo nell’export di base dei propri dipendenti, mediante i numerosi corsi online che ne sviluppano le minime capacità linguistiche essenziali alla comunicazione con gli operatori commerciali. Il sito web aziendale rappresenta il listino e la vetrina della propria merce: può essere utile aggiungere anche una sezione in lingua inglese contenente l’elenco dei propri prodotti. Il Web ha una portata molto più ampia rispetto a qualsiasi altra forma di pubblicità. Nonostante il fatto che per generare molto traffico sul sito web occorrano tempo e strumenti adeguati, la creazione di un sito web risulta uno strumento pubblicitario rapido e dai costi contenuti.

Ricordiamo che a causa dell’emergenza sanitaria, tra i prodotti a sostegno dell’internazionalizzazione, SACE ha deliberato garanzie a sostegno dei piani di crescita di realtà d’eccellenza, tecnologizzate e innovative provenienti da diversi comparti e Regioni italiane quali: Camozzi (automazione industriale, Lombardia), GTS Rail (trasporti intermodali, Puglia), Mondial Granit (estrattiva-lavorazione della pietra, Sicilia). Spicca in particolare l’andamento delle garanzie finanziarie per le PMI, aumentate sia in termini di volumi (+29%) che di numero di operazioni (+27%). SIMEST costituisce il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione e raddoppia nel primo quadrimestre del 2020 le operazioni deliberate a sostegno del Made in Italy nel mondo.

Ultime news

Il Canada, l’Italia e il Ceta. NE PARLIAMO CON… Tony Loffreda, senatore canadese

Interessante approfondimento per analizzare i rapporti tra Italia e Canada e l'accordo del CETA con il senatore italo-canadese Tony Loffreda.

Anima rinnova il suo impegno per la Diaspora africana

ANIMA Investment Network, partner di Euromed International Trade, rinnova il suo impegno in favore della diaspora operando a fianco di Expertise France e GIZ...

UE-Africa-Caraibi-Pacifico: conclusi i negoziati post-Cotonou

0
La sigla odierna del nuovo accordo di partenariato tra l'Unione europea (UE) e i membri dell'Organizzazione degli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico...

Nuove opportunità UE con il Programma per il Mercato unico

0
L’obiettivo è rafforzare la collaborazione tra gli Stati membri e la Commissione al fine di garantire la corretta applicazione e il rispetto della legislazione europea.

I 20 principi del pilastro europeo dei Diritti sociali

La Commissione Europea ha emanato il “Pilastro europeo dei Diritti sociali” un documento per mettere nero su bianco i valori guida e relative azioni istituzionali, sia in ambito comunitario che negli Stati membri, per consegnare ai cittadini un’Europa forte, equa, inclusiva e ricca di opportunità.
spot_img

Economia

Anima rinnova il suo impegno per la Diaspora africana

ANIMA Investment Network, partner di Euromed International Trade, rinnova il suo impegno in favore della diaspora operando a fianco...

UE-Africa-Caraibi-Pacifico: conclusi i negoziati post-Cotonou

La sigla odierna del nuovo accordo di partenariato tra l'Unione europea (UE) e i membri dell'Organizzazione degli Stati dell'Africa,...

Nuove opportunità UE con il Programma per il Mercato unico

L’obiettivo è rafforzare la collaborazione tra gli Stati membri e la Commissione al fine di garantire la corretta applicazione e il rispetto della legislazione europea.

Cartelle rinviate in extremis e nuovi oneri: il futuro incerto delle Pmi

Il MEF conferma lo stop delle cartelle esattoriali fino al 31 Maggio. Ma la CNA denuncia 2 milioni di nuovi oneri

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img